Jim Broadbent: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Jim Broadbent

Uno dei personaggi più versatili dell'Inghilterra, Jim Broadbent è nato il 24 maggio 1949, nel Lincolnshire, il figlio minore del produttore di mobili Roy Broadbent e la scultrice Dee Broadbent. Jim ha frequentato un collegio quacchero a Reading prima di candidarsi con successo per un posto in una scuola d'arte. Il suo cuore era nella recitazione, e in seguito si sarebbe trasferito alla London Academy of Music and Dramatic Art (LAMDA). Dopo la laurea nel 1972, ha iniziato la sua carriera professionale sul palco, esibendosi con il Royal National Theatre, la Royal Shakespeare Company, e come parte del National Theatre di Brent, una compagnia di due persone che ha co-fondato. Oltre al suo lavoro teatrale, Broadbent ha svolto un lavoro costante in televisione, lavorando per registi come Mike Newell e Stephen Frears. Broadbent fece il suo debutto cinematografico nel 1978 con una piccola parte in The Shout (1978) di Jerzy Skolimowski. Ha continuato a lavorare con Frears di nuovo in The Hit (1984) e con Terry Gilliam in Time Bandits (1981) e in Brasile (1985), ma è stato attraverso la sua collaborazione con Mike Leigh che Broadbent è diventata nota a un pubblico cinematografico internazionale. Nel 1990 ha recitato in Le Isigh's Life Is Sweet (1990), una commedia domestica che lo interpreta come un cuoco bonario che sogna di gestire la propria attività. Broadbent ottenne ulteriore visibilità l'anno successivo con ruoli sostanziali in The Crying Game (1992) di Neil Jordan e Enchanted April (1992) di Mike Newell, e successivamente poté essere visto in piatti così diversi come Bullets Over Broadway (1994) di Woody Allen, Widows ' Peak (1994), l'acclamato adattamento di Richard Loncraine di Shakespeare's Richard III (1995) e Little Voice (1998), l'ultimo dei quali lo ha scelto come proprietario di un nightclub squallido. Apparendo principalmente come attore personaggio in questi film, Broadbent è stato al centro della scena per Leigh's Topsy-Turvy (1999), dando al mercuriale WS Gilbert una complessità emotiva e un carattere comico. L'anno di svolta di Jim è stato il 2001, in quanto ha recitato in tre film di successo dalla critica e dal punto di vista commerciale. Molti lo considererebbero l'attore non protagonista definitivo di quell'anno. Prima ha recitato nel ruolo del padre di Bridget (Colin Jones) nel Diario di Bridget Jones (2001), che ha portato Renée Zellweger a una nomination all'Oscar come migliore attrice. Successivamente è arrivato il film candidato all'Oscar (incluso il miglior film) Moulin Rouge! (2001), per il quale ha vinto il premio BAFTA come miglior attore non protagonista per la sua interpretazione da protagonista nel ruolo di Harold Zidler. Infine, è arrivato il piccolo biopic Iris (2001 / I), per il quale ha vinto l'Oscar come miglior attore non protagonista come devoto marito John Bayley a Iris Murdoch di Judi Dench, il romanziere britannico che soffriva del morbo di Alzheimer. Il film è andato a casa con Jim, da quando sua madre era morta dall'Alzheimer nel 1995.

Luogo di nascita: Lincoln, Lincolnshire, England, UK
Data di nascita: 24/05/1949

Lascia un commento

jfb_p_buttontext