Le donne di Fellini. Sogni e tentazioni femminili nei film di Federico Fellini

Federico Fellini, i 100 anni di un maestro del cinema

100 anni fa, a Rimini, nasceva Federico Fellini.
Vincitore di 5 premi Oscar e svariati riconoscimenti nazionali e internazionali, Fellini è considerato uno dei migliori registi della storia del cinema, tra i più influenti, citati e stimati di sempre.
Per celebrare il centenario della sua nascita, che cadrà il 20 gennaio 2020, vogliamo ricordare il regista italiano con aneddoti e curiosità legati a un aspetto fondamentale della vita e della filmografia di Fellini: le donne.

Il ruolo delle donne nella filmografia di Fellini : un harem da sogno

fellini mastroianni 8 1/2 attrici set
Fellini, Mastroianni e le protagonista femminili di ‘8 1/2’ (1963) durante una pausa dalla lavorazione del film

Federico Fellini (1920-1993) ha sempre avuto un’attrazione ardente per l’universo femminile, tanto da celebrarlo apertamente in un film intitolato LA CITTÁ DELLE DONNE (1980), in cui il protagonista Snàporaz (Marcello Mastroianni) si ritrova in un locus amoenus abitato soltanto da donne.
Ma è una scena del film (1963) che rappresenta in maniera emblematica il rapporto di Fellini con le donne.
In questa sequenza, Guido (ancora Mastroianni), alter-ego dello stesso Fellini, immagina un harem in cui tutte le donne della sua vita si ritrovano e coesistono assieme serenamente. Questo posto è un luogo di fantasia dove Guido trova la pace interiore, viene lavato, asciugato e coccolato come un bambino da figure femminili di ogni tipo.

Donne felliniane: sogni, non semplici fantasie

giulietta degli spiriti sandra milo altalena
Donne come sogni: in ‘Giulietta degli spiriti’ (1965), Sandra Milo è Susy, Iris, Fanny

Fellini non smetteva mai di pensare alle donne. Le disegnava nei suoi famosi blocchetti e le idealizzava, progettando i suoi film. Amava essere corteggiato dalle donne e non disdegnava di riempirle di attenzioni.
Le donne di Fellini non sono un semplice parto della sua fantasia. Nascono da una calibrata miscela di immaginazione e realtà. Sono, letteralmente, sogni.

L’Amarcord di Fellini: infanzia, ricordo, bugie

amarcord cast vetrina naso schiacciato patacca
I ricordi della quotidianità in ‘Amarcord’ (1973)

Le figure genitoriali, il ricordo e la fanciullezza sono tematiche ricorrenti nei migliori film di Fellini. Alcuni episodi della quotidianità, legati alla vita famigliare riminese, e le raffigurazioni più o meno veritiere dei personaggi della sua infanzia sono un elemento fondamentale del film AMARCORD (1970). In dialetto romagnolo, il significato di Amarcord è Mi ricordo.
Ma, come nella migliore tradizione felliniana, il film galleggia in un limbo, tra memoria e finzione. La ricostruzione dei fatti, alterata secondo i propri sogni e fantasie, è un’usanza che il regista adotta in quasi tutte le sue opere e interviste.
Il titolo del documentario FELLINI: SONO UN GRAN BUGIARDO (2002) di Damian Pettigrew si fa beffe proprio di questa sua peculiare caratteristica. Io mi sono inventato tutto: un’infanzia, una personalità, nostalgie, sogni, ricordi, solo per il piacere di poterli raccontare”.

Ida, la mamma austera e protettiva

La vita di Fellini è segnata fin dal principio da colorite dissimulazioni.
Il trafiletto di un giornale pubblicato all’epoca della sua nascita recita: “Federico è nato in una vettura ferroviaria di prima classe mentre il treno correva tra Viserba e Riccione, precisamente a Rimini”. [1] Peccato che quel giorno, il 20 gennaio del 1920, fosse in atto uno sciopero dei ferrovieri.
Ida Barbiani (1896-1984), coniuge di Urbano Fellini, dà alla luce il piccolo Federichino nella località balneare di Rimini, in un appartamento di Viale Dardanelli, durante una notte eccezionalmente tempestosa.

mastroianni anita ekberg la dolce vita fontana di trevi
Gli scandali de ‘La dolce vita’ (1960)

La madre di Fellini è descritta come una donna affascinante, ma introversa, chiusa e dai costumi rigorosi. È lei che ha in mano il controllo della disciplina e l’educazione di Federico e di suo fratello minore, Riccardo. Quando i bambini sono piccoli, Ida si assicura che, ogni sera, dicano le preghiere prima di coricarsi. Una volta cresciuti, gli impone il coprifuoco alle sette e mezza della sera.
Nei confronti dei figli, Federico ha sempre ravvisato in lei un sentimento, persistente e contrastante, di austerità e protezione. L’uscita nei cinema del film LA DOLCE VITA (1960) suscitò non poche critiche da parte degli esponenti più conservatori della Chiesa dell’epoca.
Ida era una donna estremamente credente. A causa del film del figlio, fu redarguita da un arcivescovo e decise di non andare al cinema a vedere LA DOLCE VITA. Federico, in cerca di una benedizione per la pellicola, andò addirittura a chiedere un chiarimento con l’arcivescovo, per riuscire a tranquillizzare la madre.

Giulietta, il respiro di Federico Fellini

federico fellini giulietta masina sfondo rosa
Federico Fellini e Giulietta Masina

“Thank you, dear Giulietta. And, please, stop crying!”. [2] Con queste parole, nel 1993, Federico riceve l’Oscar onorario alla carriera. La sua dedica è a Giulietta Masina (1921-1994), ex attrice emiliana di varietà, diventata poi moglie e ispiratrice del regista. Le lacrime della minuta Giulietta, visibilmente emozionata in platea, sono specchio di un legame durato 50 anni.
Il primo incontro tra i due avviene nel 1942, in un ufficio, senza troppo clamore. Dopo un invito a pranzo e un corteggiamento di nove mesi, la coppia convola a nozze. Per tutta la vita, più o meno inconsciamente, continueranno a sentirsi figlio e figlia l’uno dell’altra. [3]
La totalizzante qualità di trasformista di Giulietta fa sì che Federico possa scrivere e cucirle addosso alcuni dei personaggi femminili più memorabili del suo cinema.

giulietta masina gelsomina la strada anthony quinn zampano
Gelsomina ne ‘La strada’ (1954)

Dopo una serie di ruoli minori, è ne LA STRADA (1954) che Giulietta, commossa dalla tragicità della sceneggiatura, trova la sua dimensione artistica perfetta. La protagonista Gelsomina (la Masina) è una povera ragazza di provincia vestita di stracci. Viene venduta per pochi soldi allo zingaro Zampanò (Anthony Quinn) che la porta in peregrinazione tra circhi e fiere, come sua assistente.
Gelsomina è una creatura purissima, quasi primordiale, con un’aria bizzarra e battagliera, sempre genuina e sincera. L’amore di Giulietta per il personaggio la porta a imbruttirsi, a colorarsi i capelli di paglierino e a vestirsi con una mantellina così stretta da lasciarle lividi sul collo per mesi.

giulietta masina le notti di cabiria fellini sigaretta
‘Le notti di Cabiria’ (1957)

LE NOTTI DI CABIRIA (1957), forse la pellicola più amara e straziante di Fellini, vede una Masina nei panni di una donna grezza e ignorante, decisamente sopra le righe. Cabiria è una prostituta per disperazione, ingenua e credulona, che cerca di migliorare la sua condizione sociale. Ma finisce per farsi abbindolare con facilità.
In realtà, il personaggio, già abbastanza delineato, aveva fatto la sua comparsa nel primo film diretto in solitaria da Fellini, LO SCEICCO BIANCO (1952).

marcello mastroianni giulietta masina ginger e fred fellini ballo
‘Ginger e Fred’ (1986)

In qualche modo, il film GINGER E FRED (1985) è il ritratto stesso di Federico e Giulietta. Nel film, Amelia (la Masina) e Pippo (Mastroianni, ancora una volta alter ego di Fellini) sono due vecchi artisti di varietà che si esibiscono per l’ultima volta in uno spettacolo televisivo che pare una lunga celebrazione delle loro vite.
In tutti i ruoli interpretati da Giulietta per Federico, possiamo ritrovare un leitmotiv: la bontà, l’autenticità, l’innocenza, l’aria bambinesca. Sono caratteristiche che, evidentemente, Federico riscontrava naturalmente nella moglie e che con molta tenerezza e coinvolgimento trasportava nelle sue sceneggiature. In forma poetica, sul loro rapporto si è espresso padre Arpa, il religioso vicino a Fellini: “Giulietta non era solo il suo appoggio, era il suo respiro”. [4]

Lina, per fare festa con Federico

federico fellini dirige set cappello
Fellini al lavoro su un set

Prima di diventare una delle autrici cinematografiche italiane più acclamate al mondo con il film PASQUALINO SETTEBELLEZZE (1975), Lina Wertmüller è stata amica leale e aiuto regista di Fellini sul set di . “Stare con Federico era una festa per me. Io diventai subito la sua complice segreta pronta a tutto e lui mi faceva partecipe di tante sue avventure”. [5]
Fu lei che lo accompagnò alla première londinese de LA DOLCE VITA. Convinti che Federico sarebbe arrivato in compagnia della Masina, i produttori del film avevano predisposto una sfarzosa accoglienza ed enormi mazzi di fiori per la signora Fellini. “Siccome non sapevano bene come calcolarmi, per non sbagliare, mi riempirono di tutti quei fiori destinati a Giulietta”. [6]

tabaccaia amarcord fellini
La tabaccaia di ‘Amarcord’ (1973)

In più occasioni, la Wertmüller è intervenuta anche nel cuore della notte per salvare Fellini da pretendenti che lo importunavano nelle stanze d’albergo, liberando il regista da situazioni imbarazzanti.
Lina prese parte anche alla brigosa selezione del cast di , tallonando in giro per Roma comparse dall’aspetto stravagante, tra cui cardinali e donne molto formose, le famose tettone felliniane che avrebbero trovato una delle massime espressioni nella elefantesca tabaccaia di AMARCORD interpretata da Maria Antonietta Beluzzi (1930-1997).

marcello mastroianni federico fellini set la città delle donne smorfie baci prove
Mastroianni e Fellini sul set de ‘La città delle donne’ (1980)

La Wertmüller, però, si descrive come una scadente aiuto regis ta. Spesso, infatti, si rifugiava dietro il set o sulle balconate degli elettricisti con una piccola macchina da presa e si divertiva a filmare di nascosto le scene che gli attori stavano provando. Ciò avveniva spesso senza successo. Lo stesso Fellini ordinava alla troupe di voltarsi verso la camera della Wertmüller, facendo manichetto, ovvero “il gesto dell’ombrello”. Pare che non sia rimasta traccia di queste registrazioni. Eppure, non sarebbe magnifico poter visionare questi spezzoni di buonumore?

Anita, la musa fosforescente

anita ekberg fontana di trevi la dolce vita vestito nero
La bellezza ottundente di Anita Ekberg ne ‘La dolce vita’ (1960)

La predilezione di Fellini per l’attrice Anita Ekberg (1931-2015) non fu immediata. “La prima volta la vidi in una fotografia a piena pagina in una rivista americana; la potente panterona faceva la bimbetta sulla ringhiera di una scala. «Dio mio, non fatemela mai incontrare!» ho pensato”. [7]
Invece, questa donna appariscente, dai capelli biondo platino, gli occhi bistrati, sessualmente aggressiva, archetipo delle femmine provocanti del cinema felliniano, sarebbe diventata la musa di Fellini, un’incarnazione mitologica, leggendaria e sovrannaturale della femminilità.

peppino de filippo anita ekberg boccaccio 70 eur
Peppino De Filippo e la Ekberg in una scena de ‘Le tentazioni del Dottor Antonio’, in ‘Boccaccio ’70’ (1962)

Non è un caso che ne Le tentazioni del Dottor Antonio, un episodio diretto da Fellini all’interno del film corale BOCCACCIO ’70 (1962), Federico la rappresenti come una donna giunonica, altissima, dai tratti mostruosi, quasi alieni, che passeggia per l’Eur di Roma tentando il Dottor Mazzuolo (Peppino De Filippo) dopo essere uscita da un cartellone pubblicitario. Fellini l’aveva soprannominata Anitona per le sue proporzioni statuarie.
Nata in Svezia e sbocciata professionalmente negli USA, la Ekberg sbarca a Cinecittà per recitare in alcuni film italiani anni ’50. Fellini rimane scosso dalla sua presenza fatale e stordente: “Mi sembrava di scoprire le idee platoniche delle cose e degli elementi. Sostengo che, oltretutto, Anita è anche fosforescente”. [8]

anita ekberg marcello mastroianni invecchiati intervista film fellini
Anita Ekberg e Marcello Mastroianni nel film ‘Intervista’ (1987), quasi 30 anni dopo ‘La dolce vita’

Questa divinizzazione si esplica completamente nel film LA DOLCE VITA, nella famosa scena della Fontana di Trevi. Marcello Rubini (Mastroianni) osserva da vicino i lineamenti scolpiti e perfetti di Sylvia (la Ekberg), ma non ha il coraggio di toccarla, timoroso di rompere l’incantesimo della sua bellezza.
INTERVISTA (1987), uno degli ultimi film di Fellini, contiene una tenerissima scena che riconcilia la coppia Ekberg-Mastroianni.
Marcello compie una stregoneria che permette di rivivere il passato. Improvvisamente, gli attori, segnati dal trascorrere del tempo, si ritrovano ad ammirare se stessi nella scena della fontana girata quasi 30 anni prima. Si osservano, sorridono e si commuovono, forse consapevoli di aver fatto parte di un momento storico e culturale leggendario.
Per la Ekberg, il personaggio interpretato ne LA DOLCE VITA è stato una prigione. In più occasioni, ha cercato di liberarsi di questo fardello, affermando che non fu Fellini ad averla creata, bensì sua madre.

Sandra, deliziosa tentatrice

sandra milo marcello mastroianni 8 1/2 trucco
Sandra Milo e Mastroianni in ‘8 1/2’ (1963)

Se Anita Ekberg incarna un amore ideale e divino, Sandra Milo è stata la più carnosa delle tentazioni di Fellini.
Tra le donne felliniane, la Milo è stata un capolavoro di delizia ed eros, come il personaggio di Carla interpretato in . Carla è l’amante di Guido (Mastroianni), un regista in profonda crisi professionale e personale. Secondo alcune indiscrezioni, tra Sandra Milo e Federico Fellini si è consumata una storia d’amore clandestina durata 17 anni. [9] Probabilmente, si tratta di un’esagerazione, ma Federico ha dichiarato di essere rimasto ammaliato dall’insaziabile curiosità della Milo e del suo spirito bambinesco. Non a caso, la soprannominò affettuosamente bamboccia.

sandra milo giulietta degli spiriti fiocco rosso
La Milo in ‘Giulietta degli spiriti’ (1965)

Inevitabilmente, questa vicinanza tra i due fu causa di gelosia da parte della Masina. Pare che Fellini scrisse intenzionalmente GIULIETTA DEGLI SPIRITI (1965) per tenere a bada il tormento della moglie e renderla nuovamente protagonista di un suo film. Anche la Milo, affettuosamente apostrofata Sandrocchia, assidua frequentatrice di casa Fellini, entrò nel cast del film. Alla fine delle riprese, però, venne marcata come ospite indesiderato da Giulietta in persona.

gradisca amarcord magali noel cappotto rosso basco
La Gradisca in ‘Amarcord’ (1972)

Dopo un periodo di distacco, Fellini ricontattò la Milo per AMARCORD. Il personaggio che aveva creato per lei era la Gradisca, una seduttrice fatale dipinta di rosso fuoco. Fellini tempestò la Milo di telefonate, mazzi di rose e affettuosi biglietti, pur di averla nel cast. A malincuore, l’attrice dovette rifiutare a causa dell’estrema gelosia del marito, Ottavio De Lollis, e il ruolo venne affidato all’attrice Magali Nöel (1931-2015), che aveva già lavorato con Fellini ne LA DOLCE VITA.

Fellini, l’uomo che amava le donne

giulietta masina federico fellini vecchi
Giulietta Masina e Federico Fellini nei primi anni Novanta. Photo Credit: Harry Benson

A Federico piacevano molto le donne, ma ci tengo a ribadirlo, le festeggiava con entusiasmo, baci, abbracci e poi via!”, parola di Lina Wertmüller. [10]
Probabilmente, Fellini è uno dei registi che meglio ha saputo trasporre sullo schermo il suo amore per le donne, un trasporto mai osceno o volgare, ma passionale e profondo. Le donne felliniane sono personaggi brillanti, dotati di pensiero critico e ironia, non stereotipati. Anzi, sono loro a creare un immaginario originale, mai visto prima, se non nei sogni di Fellini.
Una frase rappresentativa dell’amore di Federico per Giulietta Masina racchiude tutto l’affetto di Fellini per le donne: “Il nostro primo incontro io non me lo ricordo, perché in realtà io sono nato il giorno in cui ho visto Giulietta per la prima volta!.

Note bibliografiche

[1] Tullio Kezich, Federico: Fellini, la vita e i film, ed. Feltrinelli, 2002, pag. 13
[2] https://www.youtube.com/watch?v=1Xs5kbd6gtE
[3] Kezich, cit. pag. 55
[4] Kezich, cit. pag. 164
[5] Lina Wertmüller, Tutto a posto e niente in ordine, ed. Mondadori, 2012, pag. 70-72
[6] Wertmüller, cit. pag. 70
[7] Federico Fellini, Sul cinema, ed. Il Saggiatore, 2019, pag. 108
[8] Fellini, cit. pag. 108-109
[9] https://www.youtube.com/watch?v=tDFQ6Yi6IMA
[10] Wertmüller, cit. pag. 73

A cura di Percy Thrills

3 commenti

  1. Stefania / 20 Gennaio 2020

    Per chi ama il cinema di Fellini, c’è un nuovo approfondimento in città! 😉

  2. Riccardo Armonti / 22 Gennaio 2020

    Ho rivisto ieri sera, per l’ennesima volta, Le Notti Di Cabiria. Abbiamo detto come le donne felliniane siano molto spesso le donne dei sogni, della tentazione, della carnalità. Incredibile come, a mio avviso, il suo personaggio femminile più riuscito manifesti invece i valori opposti. Cabiria è così fragile, umana e innocente, ci si entra subito in empatia. Come si fa a non commuoversi davanti allo sguardo in macchina di Giulietta con il mascara colante? Una delle scene più potenti del cinema, che rimarrà impressa per sempre nella mia memoria. E mi auguro nella memoria di tanti altri. Federico, GRAZIE.

    • Stefania / 23 Gennaio 2020

      @percy-thrills: il paradosso più grande che, secondo me, riguarda le donne felliniane sta proprio nel fatto che alcune delle immagini femminili più potenti create da Fellini siano incarnate proprio dalla Masina, che è tutto fuorché lo stereotipo della donna felliniana più conosciuta, quella grande, grossa, popputa, alta e dominatrice. Eppure, anche i bellissimi personaggi della Masina sono un tassello fondamentale del quadro femminino secondo Fellini.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext