2004

Il segreto di Vera Drake

/ 20047.174 voti
Il segreto di Vera Drake
Il segreto di Vera Drake

La signora Vera Drake pratica aborti aiutando le ragazze in difficoltà. Anche se mossa esclusivamente da altruismo e bontà, infrange le leggi della rigida Inghilterra anni '50. Quando, però, una ragazza rischia la vita Vera Drake viene scoperta e condannata...
Ame ha scritto questa trama

Titolo Originale: Vera Drake
Attori principali: Imelda StauntonPhil DavisSally HawkinsDaniel MaysEddie MarsanAlex Kelly, Ruth Sheen, Adrian Scarborough, Heather Craney, Lesley Manville, Simon Chandler, Wendy Nottingham, Richard Graham, Anna Keaveney, Peter Wight, Martin Savage, Helen Coker, Jim Broadbent, Gerard Monaco, Leo Bill, Lesley Sharp, Liz White, Sandra Voe, Chris O'Dowd, Anthony O'Donnell, Marion Bailey, Sam Troughton, Sinéad Matthews, Tilly Vosburgh, Alan Williams, Allan Corduner, Fenella Woolgar, Elizabeth Berrington, Emma Amos, Rosie Cavaliero, Nicky Henson, Eileen Davies, Paul Jesson, Vincent Franklin, Tom Ellis, Jake Wood, Sid Mitchell, Vinette Robinson, Heather Cameron-McLintock, Billie Cook, Billy Seymour, Nina Fry, Joanna Griffiths, Angie Wallis, Judith Scott, Robert Putt, Craig Conway, Paul Raffield, Jeffry Wickham, Nicholas Jones, Angela Curran, Jane Wood, Tracy O'Flaherty, James Payton, John Warman
Regia: Mike Leigh
Sceneggiatura/Autore: Mike Leigh
Colonna sonora: Andrew Dickson
Fotografia: Dick Pope
Costumi: Jacqueline Durran, Charlotte Finlay
Produttore: Simon Channing Williams, Alain Sarde, Gail Egan, Christine Gozlan, Robert Jones, Duncan Reid
Produzione: Francia, Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Poliziesco
Durata: 117 minuti

Il conflitto tra slancio emotivo e calcolo. / 4 Novembre 2014 in Il segreto di Vera Drake

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questo di Leigh è un film che vive di contrasti ed opposizioni: la ricchezza e l’indigenza, la gentilezza e la rigidità, la legge e il sentimento.
Gli stereotipi abbondano, ma -leggendo il film come una metafora e non come un documento propriamente detto- la semplificazione è da considerarsi strumento ovvio e necessario.

A dare dignità ad una figura come quella di Vera che rischierebbe ad ogni passo di sembrare miserevolmente patetica ci pensa una meravigliosa Imelda Staunton che, con la forza dei suoi gesti essenziali e pratici e dei suoi sguardi, racconta di una donna semplice che, a torto o ragione, aiuta chi è in evidente difficoltà: rigovernare una cucina in disordine o permettere ad una ragazza di “avere di nuovo le sue cose” le sembrano attività equivalenti, benché sia consapevole dell’ “indecenza” della seconda (come dirà il figlio Sid che, pure, coi suoi atteggiamenti da ilare viveur che offre calze di seta alle sue conquiste potrebbe facilmente essere uno dei tanti indesiderati padri di Londra), al punto da tenerla nascosta a tutti.
Il conflitto morale di Vera, pur elementare, è legato perlopiù al sentore di illegalità “civile” della pratica, ma nulla sembra spaventarla davvero, se non il timore di perdere l’affetto di chi le vuole bene, perché sconvolto dal suo “segreto”.
Vera canticchia, quando lavora, è una donnina attiva, sorridente, prodiga di parole e gesti: è un essere schiantato, afono, tremolante, a partire dall’istante esatto in cui la polizia si presenta in casa sua. Il suo evidente decadimento fisico è ciò che, nel complesso, provoca maggiore dolore.

A mio parere, Leigh non giustifica o assolve la pratica dell’aborto, ma pone davanti allo spettatore lo stridente ed insuperabile conflitto tra slancio emotivo (Vera) e calcolo (istituzioni mediche e legali), descrivendo un difficilmente accettabile stato delle cose.

Leggi tutto

5 Aprile 2013 in Il segreto di Vera Drake

L’angoscia.
LA LENTEZZA.
L’incompletezza di questo film.

10 Ottobre 2012 in Il segreto di Vera Drake

C’è una strana sensazione di fastidio nel notare così tanta apertura e così tanta disponibilità verso altri, la sensazione di avere di fronte una maschera; in genere chi la indossa nasconde qualcosa.
Questo è il caso di Vera. Il suo aiuto si spinge oltre, scavalcando anche la legge -ma inconsciamente- per il puro benessere di sè stessa e degli altri -soprattutto-.
Il film mi è risultato abbastanza pesante, a tratti insostenibile, questo è anche dovuto, senza dubbio, all’interpretazione della protagonista ed al passaggio repentino da sorrisi e disponibilità a silenzio e lamento (nota positiva, per il carico del “segreto”).
Da metà film si inizia a comprendere quello che potrebbe essere il finale per questo è quasi straziante la durata.
Piacevole invece l’inizio, in cui si riescono a sbirciare molte realtà diverse eppure tanto vicine tra loro.

Leggi tutto

Adorabile / 3 Febbraio 2012 in Il segreto di Vera Drake

Sin dal primo istante ho adorato questa donna e la sua famiglia un po’ strampalata. La bontà e la semplicità che li caratterizzano emergono già nei primi minuti del film. Difficile non commuoversi e non gridare ‘non è giusto, lei lo faceva solo per aiutarle!’.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.