BIRDMAN vola alto nell’Olimpo degli Oscar: il virtuosistico metaracconto di Alejandro G. Iñárritu ha vinto gli Oscar 2015 come Miglior Film e per la Miglior Regia, sbaragliando un’agguerrita concorrenza.
Michael Keaton ha dovuto cedere il passo a Eddie Redmayne, Miglior Attore per la sua mimetica interpretazione di Stephen Hawking ne LA TEORIA DEL TUTTO.
Complessivamente, il film di Iñárritu ha vinto quattro statuette, parimerito con GRAND BUDAPEST HOTEL di Wes Anderson, a cui è andato il riconoscimento anche per i Migliori Costumi, firmati dall’italiana Milena Canonero, al suo quarto Oscar nella categoria.
Praticamente a bocca asciutta due dei grandi favoriti, AMERICAN SNIPER di Clint Eastwood e, soprattutto, il favoritissimo BOYHOOD di Richard Linklater.
Per il resto, i premi di questa 87ma edizione della Notte degli Oscar hanno rispettato abbastanza le previsioni, senza offrire sconvolgenti sorprese: la lunga serata è stata brillantemente presentata dall’attore Neil Patrick Harris che non si è risparmiato in intermezzi musicali e sketch.

Bando alle ciance: ecco i vincitori degli Oscar 2015.
Commentate!

Miglior Film

Vince l’Oscar per il miglior film Birdman

Migliore attrice protagonista

Vince l’Oscar come miglior attrice protagonista Julianne Moore per Still Alice

Migliore attore protagonista

Vince l’Oscar come miglior attore protagonista Eddie Redmayne per La teoria del tutto

Miglior regia

Vince l’Oscar per la miglior regia Alejandro G. Iñárritu per Birdman

Migliore attore non protagonista

Vince l’Oscar come miglior attore non protagonista J.K.Simmons per Whiplash

Migliore attrice non protagonista

Vince l’Oscar come miglior attrice non protagonista Patricia Arquette per Boyhood

Miglior film d’animazione

Vince l’Oscar come miglior film d’animazione Big Hero 6

Migliore design (scenografia)

Vincono l’Oscar per la miglior scenografia Adam Stockhausen, Anna Pinnock per Grand Budapest Hotel

Miglior fotografia

Vince l’Oscar per la miglior fotografia Emmanuel Lubezki per Birdman

Migliori costumi

Vince l’Oscar per i migliori costumi Milena Canonero per Grand Budapest Hotel

Miglior documentario

Vince l’Oscar come miglior documentario CitizenFour

Miglior documentario corto

Vince l’Oscar come miglior documentario corto Crisis Hotline: Veterans Press 1

Miglior montaggio

Vince l’Oscar per il miglior montaggio Tom Cross per Whiplash

Miglior film straniero

Vince l’Oscar per il miglior film straniero Ida

Miglior colonna sonora originale

Vince l’Oscar per il miglior colonna sonora Grand Budapest Hotel

Miglior canzone originale

Vince l’Oscar come miglior canzone Glory per Selma

Miglior cortometraggio animato

Vince l’Oscar come miglior corto animato Winston

Miglior cortometraggio

Vince l’Oscar come miglior cortometraggio The Phone Call

Miglior sceneggiatura originale

Vince l’Oscar per la miglior sceneggiatura originale Alejandro G. Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris, Jr., Armando Bo per Birdman

Miglior sceneggiatura non originale

Vince l’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale Graham Moore per The Imitation Game

Migliori effetti speciali

Vince l’Oscar per i migliori effetti speciali Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter, Scott Fisher per Interstellar

Miglior montaggio sonoro

Vince l’Oscar per il miglior montaggio sonoro Alan Robert Murray, Bub Asman per American Sniper

Miglior missaggio sonoro

  • John Reitz, Gregg Rudloff, Walt MartinAmerican Sniper
  • Jon Taylor, Frank A. Montaño, Thomas VargaBirdman
  • Gary A. Rizzo, Gregg Landaker, Mark WeingartenInterstellar
  • Jon Taylor, Frank A. Montaño, David LeeUnbroken
  • Craig Mann, Ben Wilkins, Thomas CurleyWhiplash

Vince l’Oscar per il miglior montaggio sonoro Ben Wilkins, Thomas Curley per Whiplash

Miglior Trucco ed Acconciature

Vincono l’Oscar per il miglior Trucco ed Acconciature Frances Hannon e Mark Coulier per Grand Budapest Hotel

21 commenti

  1. Kagura / 5 febbraio 2015

    Mi posso sbilanciare solo sull’animazione, l’unica categoria in cui io sia ferrata.
    In primis, lutto per la mancanza di Lego Movie, film a mio avviso molto migliore di Big Hero 6 (come fa a piacervi?? non riesco a capirlo) e Dragon trainer (meglio il primo). Non parliamo poi di Boxtrolls, io sarò anche di parte perchè ODIO la tecnica con cui è stato realizzato, ma è un film che sa di già visto e già sentito. Almeno agli oscar, premiamo l’originalità, LEGO MOVIE era geniale, se non per la storia, almeno per la realizzazione. Cavolo!
    Vabbè con questo ho riassunto cosa ne penso io dei candidati agli oscar.
    Ultimo appunto: Miyazaki non mi è mai piaciuto ergo non ho visto La Principessa Splendente, ergo non mi pronuncio.
    Tra i 3 che ho visto, il meno peggio è Dragon Trainer. Ma ad essere onesta, spero che nessuno dei 3 vinca. Sono incuriosita da Song of the Sea… però forse è FIN TROPPO di nicchia… O.o

  2. Kagura / 5 febbraio 2015

    Mmmh.. non posso modificare il mio commento grrr..

    Quando dico “troppo di nicchia” intendo: come si fa a dare un oscar a un film che non è stato visto praticamente da nessuno? O.o Suvvia, non lo capisco.

    • Kagura / 5 febbraio 2015

      aridaie..
      -come si fa a VOLER dare un oscar a un film che non è stato visto praticamente da nessuno?-

      • Stefania / 5 febbraio 2015

        @kagura: ehm, La principessa… non è di Miyazaki: è di Takahata, prodotto -sì- dallo Studio Ghibli 😉
        Non credo che il fatto che un film sia stato visto da un pubblico più o meno ampio sia una discriminante per assegnare un premio (a meno che questo non si basi sul numero di biglietti venduti :p ).
        Comunque, purparlé, Song of the Sea ha già partecipato a nove competizioni internazionali ed è stato distribuito in diversi Paesi, oggi uscirà in Olanda (è l’Italia che… grrrrr).
        Lego Movie è uno dei film più divertenti del 2014: come dici tu, originale, una boccata d’aria fresca, peccato!

        • Kagura / 5 febbraio 2015

          che povera pirla, è vero!!!!! Takahata! Non so perchè avessi in mente miyazaki… ¬¬

          lol no il numero dei biglietti venduti ovviamente no.. altrimenti avrebbero dovuto dare oscar anche a scemate micidiali che sono state viste da 10000000 persone. Ed è vero che dando oscar a film di nicchia, magari qualche spettatore si decide a vederlo proprio per curiosità “han dato un oscar a un film che non ho visto, magari lo guardo allora, se è così bello”.
          Cmq non sapevo che Song of the sea è così famoso, ne ho sentito parlare solo qui sul sito. Ignoranza mia a sto giro. E, sì, l’italia in fatto di distribuzione è un po’ in arretrato… non solo con film d’animazione ma con tutto LOL. Forse è perchè in giro ci sono troppi film, sarebbe impossibile distribuirli tutti. Inoltre forse, penso io, distribuiscono solo quei film che sicuramente verranno visti dalla maggior parte degli spettatori.

  3. Francesco / 18 febbraio 2015

    Visto che mancano pochi giorni alla fatidica notte, butto un po’ di righe sulle mie impressioni delle nomination. Mi riservo però di differenziare il nominato che vedo favorito e quello per cui invece faccio il tifo 😀

    MIGLIOR FILM
    Pur non essendomi piaciuto a tali livelli, credo che ai cari americani piacerà molto la storia di Chris Kyle. Io, personalmente, mi schiero dalla parte di Birdman.
    VINCITORE: American Sniper
    IL MIO VINCITORE: Birdman

    MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA
    Delle nominate, mi manca l’interpretazione di Reese Whiterspoon (diretta da Jean-Marc Vallée, l’anno scorso nel suo lavoro trionfarono gli interpreti principali). Tra le altre quattro, io credo che Julianne Moore porterà a casa la statuetta. Ci potrebbe anche stare a parer mio, ma personalmente tifo più per Marion Cotillard in Due Giorni, Una Notte.
    VINCITORE: Julianne Moore
    IL MIO VINCITORE: Marion Cotillard

    MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
    Qua è davvero una bella lotta. Penso che a spuntarla sarà Eddie Redmayne per la sua camaleontica interpretazione. Non avrei nulla da ridire, anche se mi piacerebbe che a trionfare sia Micheal Keaton alla fine
    VINCITORE: Eddie Redmayne
    IL MIO VINCITORE: Micheal Keaton

    MIGLIOR REGIA
    Vedo Linklater favorito in questa categoria per l’Academy. A me piacerebbe uno tra Inarritu e Anderson
    VINCITORE: Richard Linklater
    IL MIO VINCITORE: Alejandro Gonzalez Inarritu/Wes Anderson

    MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
    Non ho visto The Judge, quindi qui mi manca la nomination di Robert Duvall. Tra i presenti, credo che il ruolo del maestro severo e inflessibile di J.K. Simmons sia quello che attirerà di più l’attenzione dell’Academy. E qui mi trovo d’accordo.
    VINCITORE: J.K. Simmons
    IL MIO VINCITORE: J.K. Simmons

    MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
    Qua credo che la statuetta andrà a Patricia Arquette, mentre io tifo per l’oscar a Emma Stone
    VINCITORE: Patricia Arquette
    IL MIO VINCITORE: Emma Stone

    MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
    Mi mancano all’appello i lavori di Takahata e di Moore (due garanzie assolute) che possono tranquillamente rivelarsi i film migliori in lizza, ma credo che sarà inevitabilmente una corsa a due tra Disney e Dreamworks. Io credo che quest’anno la spunterà quest’ultima, e non mi dispiacerebbe, comunque.
    VINCITORE: Dragon Trainer 2
    IL MIO VINCITORE: Dragon Trainer 2

    MIGLIOR SCENOGRAFIA
    A mani basse, Grand Budapest Hotel
    VINCITORE: Adam Stockhausen
    IL MIO VINCITORE: Adam Stockhausen

    MIGLIOR FOTOGRAFIA
    Qui mi manca Unbroken. Non sono tanto sicuro che daranno un altro oscar a Lubezki. Penso che premieranno di nuovo il lavoro del film di Wes Anderson.
    VINCITORE: Robert Yeoman
    IL MIO VINCITORE: Robert Yeoman

    MIGLIORI COSTUMI
    Mi mancano Maleficent e Vizio Di Forma. Tra i candidati, dico ancora Anderson e ancora una volta mi trovo a favore (con buona pace dei bei costumi del film di Rob Marshall
    VINCITORE: Milena Canonero
    IL MIO VINCITORE: Milena Canonero

    MIGLIOR MONTAGGIO
    Credo che la statuetta andrà nella bacheca di Whiplash. Non ho nulla da ridire, a riguardo
    VINCITORE: Tom Cross
    IL MIO VINCITORE: Tom Cross

    MIGLIOR COLONNA SONORA ORIGINALE
    Tutti bei lavori, ma la musica di Zimmer mi è rimasta in testa, pur riconoscendo che forse non è tra i suoi componimenti migliori. E poi penso che l’Academy punterà a dare un po’ il contentino al film di Nolan per non averlo nominato nelle categorie più prestigiose.
    VINCITORE: Hans Zimmer
    IL MIO VINCITORE: Hans Zimmer

    MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
    Qua credo che Birdman si porterà il premio, ma io punto sull’unica nomination a questi oscar de Lo Sciacallo
    VINCITORE: Alejandro Gonzalez Inarritu
    IL MIO VINCITORE: Dan Gilroy

    MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
    Qui confesso che, pur avendo visto tutti i film candidati (eccetto quello di P.T. Anderson), brancolo nel buio riguardo alle considerazioni dell’Academy. La butto a caso e dico American Sniper. Per me invece Whiplash.
    VINCITORE: Jason Hall
    IL MIO VINCITORE: Damien Chazelle

    MIGLIORI EFFETTI SPECIALI
    Per il discorso di prima, dico Interstellar, che non mi dispiace. Menzione però per Apes Revolution.
    VINCITORE: Paul Franklin
    IL MIO VINCITORE: Paul Franklin

    MIGLIOR MONTAGGIO SONORO
    Mi manca Unbroken, ma comunque è alla cieca, di nuovo. Dico Interstellar, ma mi piacerebbe Birdman.
    VINCITORE: Richard King
    IL MIO VINCITORE: Martin Hernandez

    MIGLIOR MISSAGGIO SONORO
    Come prima. Stesso risultato per l’Academy, mentre io dico Whiplash
    VINCITORE: Gary A. Rizzo
    IL MIO VINCITORE: Craig Mann

    Sulle altre categorie non mi sono espresso per mancanza di nomination visionate

    • Stefania / 21 febbraio 2015

      Provo a fare anch’io il gioco, indicando solo le categorie su cui mi sento più “ferrata” 😉 (come da tradizione personale, però, ho appena compilato e sigillato la mia scheda completa di tutte le categorie :p )
      Premetto: non ho visto tutti i film candidati, purtroppo. Lo so che tolgo “attendibilità” (se mai ce ne fosse 😀 ) ai miei pronostici, ma vado a naso! Si fa quel che si può 🙂

      MIGLIOR FILM Vincitore: Boyhood; Mio: Birdman
      ATTRICE Vincitore, mio: Julianne Moore
      ATTORE Vincitore: E. Redmayne; Mio: Michael Keaton
      REGIA Vincitore: Linklater; Mio: Inarritu
      ATTORE NON PROT. Vincitore, mio: J.K.Simmons
      ATTRICE NON PROT. Vincitore, mio: Patricia Arquette
      FILM D’ANIMAZIONE Vincitore: Dragon Trainer 2; mio: (sulla fiducia!) Song of the Sea
      SCENOGRAFIA, FOTOGRAFIA, COSTUMI Vincitore, mio: Grand Budapest Hotel
      DOCUMENTARIO Vincitore, mio: Il sale della terra
      MONTAGGIO Vincitore, mio: Whiplash
      FILM STRANIERO Vincitore: Ida; Mio: Timbuktu
      COLONNA SONORA Vincitore, mio: La teoria del tutto
      SCENEGGIATURA ORIGINALE Vincitore: Boyhood; Mio: Birdman
      SCEN. NON ORIGINALE Vincitore: La teoria del tutto; Mio: Vizio di forma (a prescindere 😀 Lo sciacallo mi è piaciuto, ma mi sembra una barchetta nel mare in tempesta, qui)

  4. inchiostro nero / 19 febbraio 2015

    Come sempre l’academy, almeno per quanto riguarda la categoria di miglior attore, prediligerà quelli che hanno interpretato una figura realmente esistente. Del resto sono anni che si comporta in tal modo, annullando ( a mio parere ) il vero obiettivo dell’attore, ossia quello di plasmare un personaggio, reinventandolo.
    Scimmiottare un comportamento, un atteggiamento, pur esplorandolo sulla propria pelle, è pur sempre mera riproduzione, che se da un lato rientra nel bagaglio professionale dell’attore, dall’altro lo mortifica, perché gli impedisce di reinterpretarlo. Mai come quest’anno lo si può evincere. Basti guardare i nomi che compongono la cinquina; quattro, e ribadisco, quattro di loro sono attori che hanno interpretato un personaggio reale, ruolo tanto gradito all’academy. Ovviamente sono tutti grandi professionisti, ma sarei particolarmente felice se lo vincesse Keaton, in quanto incarna la vera essenza dell’attore, o almeno quella che più si avvicina all’idea che ho della recitazione.

    • Stefania / 21 febbraio 2015

      @inchiostro-nero: propendo per Keaton, ma partendo da un’altra motivazione: è il “ruolo della vita”, perfetto per lui, inserito perfettamente nel gioco metafilmico imbastito da Inarritu con Birdman. Però, il tuo focus è interessante: c’è una sovrabbondanza di biografie impressionante.

  5. emiliailim3 / 22 febbraio 2015

    Volevo porgervi una domanda riguardo agli Oscar: ma secondo voi, quale dovrebbe essere il criterio secondo il quale si scelgono i migliori attori?
    (Per come la vedo io, non dovrebbe vincere l’attore più bravo (se no ciao, tutti gli anni Streep e De Niro) ma chi è riuscito a rendere indimenticabile la parte interpretata, tanto da essere una perfetta rappresentazione di una determinata categoria di persone. Mi spiego: due giorni fa ho visto Whiplash. So che d’ora in poi, tutte le volte che penserò a un maestro severo, immaginerò J K Simmons!)

    • inchiostro nero / 22 febbraio 2015

      @emiliailim3 La bravura di un attore sta anche nell’andare oltre il personaggio che interpreta, lasciando un’impronta indelebile del proprio essere. Prendendo spunto dal tuo esempio, Simmons, pur ricalcando lo stereotipo del maestro severo ( una vera e propria caricatura ), è riuscito in tale intento, ma Cumberbatch ( pur apprezzandolo tantissimo ) o Redmayne , sempre a mio avviso, non hanno potuto intraprendere tale percorso, perché già tracciato, in quanto interpreti di personaggi reali. Keaton, come ha scritto saggiamente @Stefania, si è trovato ad interpretare il ruolo della vita, che pur configurandosi come ”rimando” al suo vissuto, non è stato circoscritto alla sua sfera personale, andando ad intaccare anche altre coscienze, e paure, che hanno costruito un personaggio verso cui provare una forte empatia.

  6. inchiostro nero / 23 febbraio 2015

    La fiera dell’ovvietà di quest’anno si è conclusa con una singola, ma piacevolissima novità, miglior film a Birdman. Devo dire che proprio non me l’aspettavo, in quanto l’academy in questa categoria con le sue scelte tende sempre a deludermi; ma in questo caso non l’ha fatto. Scontate come i saldi di primavera le vittorie di Julianne Moore, e di J.K. Simmons, che è riuscito a conquistare l’ambita statuetta pur interpretando una vivace macchietta ( da qui la bravura dell’attore ). Davvero felice per Patricia Arquette, che si è meritata il successo, riuscendo a rendere viva tutta l’inquietudine di una vita minata dall’abitudine, nel suo ruolo in Boyhood.
    Nota dolente ( ed è dire poco ), quella che riguarda la categoria di miglior attore. So di essermi già pronunciato al riguardo, ma Redmayne, oltre la perfetta interpretazione di Stephen Hawking , cosa ha lasciato?. Se si voleva rendere giustizia ad uno degli astrofisici più importanti del globo, non era la giusta sede, in quanto l’oscar dovrebbe essere il riflesso della sola interpretazione di un attore, e non la sua rilevanza nella realtà. Ma è pur sempre la cerimonia della prevedibilità, quindi nessuna sorpresa. Certo, fa male, per quanto riguarda Keaton, ricevere un colpo così basso, soprattutto quando si parla del ruolo della vita. Mi ricorda un po’ la situazione di Mickey Rourke, che anche allora fu defraudato del suo riconoscimento, ma in quel caso fu sfortunato, perché si scontrò con l’intensa interpretazione di Sean Penn ( ovviamente sempre un personaggio reale………).
    In fondo Birdman è davvero metacinema ( e qui vado di SPOILER ). Difatti, nella pellicola, quando il protagonista riesce a convincere il pubblico della sua bravura, la critica, incarnata dalla saccente Tabitha Dickinson, è l’unica a non alzarsi ed applaudire, come a non voler rendere giustizia ad un attore che finalmente era riuscito a staccarsi l’etichetta di ”eroe commerciale”. Beh, anche l’academy ieri non si è alzata per Keaton, e paradossalmente questo non fa che rendere ancora più vero il capolavoro di Iñárritu.

  7. lotusflower / 23 febbraio 2015

    Ida di Pawlikowski ha vinto come miglior film straniero e devo dire che penso sia uno fra gli Oscar più meritati da due – tre anni a questa parte. Mi aspettavo le vittorie del film di Wes Anderson, The Grand Budapest Hotel è un piccolo capolavoro (per quanto furbo, bisogna riconoscerlo) e a mio avviso è un film che dimostra un certo affinamento di tecnica per il regista.
    Sono un po’ perplessa, invece, per le vittorie di Birdman, anche se ancora devo avere occasione di vederlo. Non apprezzo particolarmente Keaton come attore, ma credo valga la pena fare uno sforzo, trattandosi di Inarritu regista.

    • Stefania / 23 febbraio 2015

      @lotusflower: con poca tema di essere smentita, Birdman è un film particolarmente riuscito anche, se non soprattutto, per via di Keaton.
      Sono di parte, perché mi è piaciuto, ma non credo che sarà uno “sforzo” vedere questo film 😉

    • Gershwin / 23 febbraio 2015

      Personalmente non avevo grandi speranze per Grand Budapest Hotel, purtroppo le commedie sono sempre svantaggiate alle premiazioni.

  8. lotusflower / 23 febbraio 2015

    (e in quanto del mestiere, mi rende immensamente felice che nel reparto scenografia abbia vinto The Grand Budapest: non poteva davvero essere altrimenti!

  9. Francesco / 23 febbraio 2015

    Sono contentissimo che abbiano premiato Birdman, Per una volta il mio parere di miglior film coincide con quello dell’Academy 😀
    Per il resto, è stato tutto più o meno nella norma. Forse, l’unica “sorpresa” è stata la vittoria Big Hero 6. Personalmente ero convinto della vittoria di Dragon Trainer 2, anche perchè pensavo che l’academy avrebbe volontariamente evitato di premiare la Disney un’altra volta.

    • Stefania / 23 febbraio 2015

      @Francesco_Macaluso: ancora non ho visto nessuno dei due film, ma più o meno per lo stesso motivo che dici tu non mi aspettavo che avrebbe vinto la Disney. Tra l’altro, hanno fatto la doppietta: film+corto.

      • Francesco / 23 febbraio 2015

        @Stefania Si infatti. Comunque ritirassero le nomination per il miglior film d’animazione e facessero direttamente una consegna annuale alla Disney, visto che è questo l’andazzo generale 😀

  10. Gershwin / 23 febbraio 2015

    Tremendamente deluso per Keaton, era un po’ il suo ruolo della vita. Per il resto contentissimo, specialmente per Miglior Fotografia e Miglior Montaggio.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext