Halloween: che il brivido sia con voi.

Halloween, la festa anglosassone che precede il giorno di Ognissanti, caratterizzata da un’iconografia macabra e terrifica, è un buon pretesto per citare pellicole in grado di far provare più di un brivido lungo la schiena.

La lista di film che vi proponiamo non è affatto esaustiva del genere horror e non costituisce la summa dei capolavori sul tema noti ai più. Al contrario, il nostro elenco si propone come un divertito excursus all’interno del panorama cinematografico di genere ed è stato creato al fine di suggerire pellicole poco diffuse che hanno la loro cifra stilistica nelle atmosfere cupe e, talvolta, estreme e disturbanti che le caratterizzano, esulando in alcuni casi dall’horror per sconfinare nel thriller.

All’interno del vastissimo ventaglio di titoli disponibile, ricorrono alcuni elementi costitutivi già cari alla tradizione favolistica e alla letteratura gotica. Tra questi, per esempio, citiamo la presenza spesso inquietante dei bambini, in qualità di veicoli o di testimoni di eventi extra-ordinari, oppure l’impiego di dimore perturbanti che diventano lo specchio di più o meno inespressi disagi mentali, o, ancora, il potere magico-animistico della parola, presentato sia sotto forma di maldicenza che di leggenda. Tali argomenti, declinati con sensibilità ed approcci alla materia differenti, inseriti in contesti culturali talora esoticihanno consentito di creare svariati unicuum nella storia della cinematografia, coinvolgendo l’estro di autori come Ingmar BergmanAlfred Hitchcock o Roman Polanski i quali hanno sfruttato gli ingredienti dell’orrorifico o del raccapriccio per mettere in scena in maniera quantomeno originale malesseri psicologici e comportamenti alienanti.

Tra i titoli proposti, compaiono anche diverse commedie nere, in cui incubi, ossessioni e il senso dello spavento diventano vettori di divertimento a denti stretti.
Perché, forse, il miglior antidoto alla paura è proprio una bella risata.

23 commenti

  1. kallen / 27 ottobre 2013

    Sì, ma che ci azzecca Il pensionante di Hitckcock?

  2. alex10 / 28 ottobre 2013

    io avrei messo pure suspiria di argento…quello sì che è un horror coerente…che vale….e mette paura !!!
    Sostanzialmente i film horror devono mettere ansia e far provare paura e terrore…è lo scopo principale…talvolta può essere interessante capire come ha fatto il regista a far sì che riuscisse.
    Però la maggior parte degli horror, soprattutto quelli odierni, fanno un po’ ca*are….ciò perché puntano solo all’incasso e diventano stereotipati..è sempre la stessa storia.
    Un’ altra cosa che penso io è che gli horror sono estremamente delicati e complicati da fare….cioè, nel 90% dei casi escono delle mer*ate perché i registi di scarso livello ci provano e mettono ad esempio l’altalena che cammina o una bambola che parla…cioè, non si rendono conto che per fare un horror ci vuole un regista che abbia le palle altrimenti il film verrebbe malissimo. Non esiste un buon film horror senza un regista che sappia muovere sapientemente la cinepresa.

    • Stefania / 28 ottobre 2013

      Non ci crederai, ma guardando Suspiria ho riso molto! Sono irrispettosa, lo so… Va beh, io faccio poco testo in merito, perché molti film di genere mi provocano la stessa reazione: forse, esorcizzo lo spavento così!
      A me piacciono più i film di atmosfera che quelli in cui l’orrore o il sangue sono rappresentati troppo esplicitamente: talvolta, basta una luce azzeccata per mettermi i brividi. Quindi, sì, convengo sul fatto che conoscere bene mezzi e tecniche (vedi, “muovere sapientemente la cinepresa”) contribuisca in maniera fondamentale alla riuscita di un film. Anche se, paradossalmente, spesso mi è capitato di rimanere molto impressionata da prodotti tecnicamente molto “grezzi”. Tra i film elencati, per esempio, Tutte le sere alle nove è uno di questi.
      P.s.: a proposito di Suspiria, Livide lo richiama lontanamente per via della scuola di danza e della maestra di ballo luciferina 😉

      • alex10 / 28 ottobre 2013

        livide nn mi interessa molto…cioè, anche per coerenza con ciò che ho detto…cioè, ad esempio, la grandezza di suspiria per me non sta nel fatto che è ambientato in una scuola di danza ma nel come è rappresentata essa…oltre ovviamente a tanti altri pregi che io ho trovato nel film. Se mi capita di avere livide tra le mani però lo vedrò 😉
        Comunque sono felice che hai inserito i tre volti della paura…lo adoro !!! 😀

  3. Kagura / 28 ottobre 2013

    Caspita, pare che siano quasi tutti datati questi film.. (però concordo, gli horror odierni fanno pena).
    Non c’è una lista anche per gente che non apprezza l’horror? Halloween non dev’essere per forza terrificante, in fondo è una festa anche per bambini… 😀

    ps: anche secondo me Suspiria non sarebbe stato male nella lista… (Stefania, non sei l’unica a ridere durante i film horror ^_^)

  4. Stefania / 28 ottobre 2015

    Abbiamo dato una leggerissima rinfrescata alla pagina: ci sono nuovi brividi a vostra disposizione! 🙂

  5. Kagura / 28 ottobre 2015

    E per i bimbi non-più-bimbi, quest’anno c’è pure Hotel Transilvania 2… yeah!

  6. Xibalba / 28 ottobre 2015

    devo recuperarlo questo MUSARAÑAS, intanto ho preso i tre volti della paura.

  7. TraianosLive / 24 ottobre 2016

    Tra i classici metterei anche “gli invasati”. http://www.nientepopcorn.it/film/the-haunting-1298636252/
    Tra i semi sconosciuti consiglio vivamente “the pact” http://www.nientepopcorn.it/film/the-pact-1355394287/

Lascia un commento

jfb_p_buttontext