Il nuovo film di Matteo Garrone è uno spot per Dior. Ed è incantevole

Matteo Garrone ha realizzato il corto 'Le Mythe', uno spot per la maison Dior. Il nuovo film di Garrone mescola atmosfere e luoghi di altri suoi lavori.

Curiosità , di
Il nuovo film di Matteo Garrone è uno spot per Dior. Ed è incantevole

Il nuovo film di Matteo Garrone è per Dior: il corto “Le Mythe”

Da qualche giorno, è online Le Mythe, un corto scritto e diretto da Matteo Garrone per la maison di moda Dior.
Nel solco del suo cinema fiabesco, Garrone ha immaginato un racconto ambientato in un mondo fantastico in bilico tra mito classico, fiaba europea e iconografia preraffaellita e simbolista, in cui incantevoli figure femminili indossano preziosi abiti di haute couture.

“Le Mythe” e il cinema fiabesco di Garrone

In Le Mythe Dior, ninfe, ondine, fauni, sirene, creature silvestri e statue animate vivono in armonia con la Natura, in un contesto bucolico fuori dal tempo in cui si aggira una coppia di valletti in livrea. Come venditori d’altri tempi, i due propongono alle fanciulle un campionario di abiti Dior realizzati dalle abili mani di sarte competenti e laboriose.
Il risultato è un incantevole ibrido che mescola le atmosfere (e le location) di altri film di Garrone, come IL RACCONTO DEI RACCONTI (2015) e PINOCCHIO (2019).

Il cast artistico e tecnico e le location di “Le Mythe Dior”

Il cortometraggio Le Mythe Dior è il primo film di Garrone dopo PINOCCHIO, fresco vincitore di 6 Nastri d’Argento 2020.
Le Mythe è prodotto da Archimede, la casa di produzione fondata nel 2000 da Matteo Garrone all’epoca del suo film d’esordio, ESTATE ROMANA.
Per realizzare questo corto, Garrone ha chiamato a raccolta alcuni dei suoi più fidati collaboratori. Il regista ha firmato la sceneggiatura con Andrea Tagliaferri, con cui lavora dai tempi di GOMORRA (2008). La fotografia è stata curata da Nicolaj Brüel, premiato con il David 2019 per DOGMAN (2018). Scenografie di Giovanna Cirianni, al suo secondo film con Garrone. I costumi di scena che non provengono dalla collezione Dior sono stati disegnati da Massimo Cantini Parrini, pluripremiato per IL RACCONTO DEI RACCONTI e PINOCCHIO. Al montaggio, Marco Spoletini, con Garrone dai tempi di ESTATE ROMANA. Le musiche, invece, sono state composte da Paolo Buonvino, alla sua prima esperienza con il regista romano.
Nel cast artistico, compaiono giovani attori italiani, come Miriam Dalmazio (la lumaca), Michael Schermi (il satiro), Alma Noce (una delle ninfe) e Lorenzo Rinaldi (Narciso).
Il corto è stato girato nel Lazio, nel territorio del Comune di Acquapendente (VT), dove si trovano la Riserva naturale di Monte Rufeno e il Bosco del Sasseto, monumento naturale dal 2006. In questa zona, Garrone aveva già ambientato alcune scene de IL RACCONTO DEI RACCONTI.

3 commenti

  1. icarus / 9 Luglio 2020

    Ricco di fascino e suggestioni. La scena delle ninfe nell’acqua mi ha riportato subito alla mente un bellissimo dipinto di Waterhouse:
    https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/bd/Waterhouse_Hylas_and_the_Nymphs_Manchester_Art_Gallery_1896.15.jpg

Lascia un commento

jfb_p_buttontext