Pinocchio

/ 20196.9123 voti
Pinocchio

Dal romanzo 'Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino' di Carlo Collodi. Da un ciocco di legno, il povero falegname Geppetto ricava un burattino di legno con le fattezze di un bambino. Il pezzo di legno, però, è speciale e, modellandolo, Geppetto dà vita a un burattino discolo e impertinente come un ragazzino.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Pinocchio
Attori principali: Federico IelapiFederico IelapiRoberto BenigniRoberto BenigniMarine VacthMarine VacthGigi ProiettiGigi ProiettiMassimo CeccheriniMassimo CeccheriniRocco Papaleo, Alessio Di Domenicantonio, Marcello Fonte, Davide Marotta, Paolo Graziosi, Gianfranco Gallo, Massimiliano Gallo, Alida Baldari Calabria, Maurizio Lombardi, Teco Celio, Maria Pia Timo, Enzo Vetrano, Nino Scardina, Ciro Petrone, Mostra tutti

Regia: Matteo GarroneMatteo Garrone
Sceneggiatura/Autore: Matteo Garrone, Massimo Ceccherini
Fotografia: Nicolai Brüel
Produttore: Jeremy Thomas, Jean Labadie, Matteo Garrone
Produzione: Francia, Italia, Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Azione, Fantasy
Durata: 120 minuti

Dove vedere in streaming Pinocchio

Indimenticabile / 23 Luglio 2020 in Pinocchio

Crescere, disobbedire, gli amici da riconoscere, i soldi da amministrare…. Bellissimo.

Il voto sarebbe un 6.5 / 16 Luglio 2020 in Pinocchio

Ennesima trasposizione del racconto di Collodi, diretta da Matteo Garrone.
Geppetto (Roberto Benigni) è un falegname abbastanza povero; un giorno vedendo un teatro di burattini, decidi di scolpire il burattino
(in realtà marionetta) più bello che ci sia. Si fa dare un pezzo di legno da Mastro Ciliegia (un pezzo particolare di cui il Mastro
voleva disfarsene perchè sembrava animato) e costruisce il burattino che però è vivo. E’ Pinocchio e la storia si sa.
Garrone taglia qualche parte (a memoria mi ricordavo della scena di Pinocchio come cane da guardia in sostituzione di Melampo) ma le
principali ci sono tutte. Pinocchio è abbastanza antipatico all’inizio, irriconoscente verso il babbo, poco voglioso di andare a scuola
(d’altronde come la maggior parte dei bambini), che pensa solo a divertirsi. Ma in realtà è buono come dimostra in qualche occasione.
L’incontro con Mangiafuoco (Gigi Proietti), quello con la Fata Turchese (da adulta Marine Vacht), con i truffatori il Gatto e la Volpe
(Ceccherini e Papaleo). Mille avventure quasi sempre per scelte sbagliate da parte di Pinocchio, il film è abbastanza interessante
pur essendo la storia molto nota. Stona però qualche personaggio: il Grillo Parlante è insopportabile, la Volpe ripete sempre quello
che dice il Gatto (questo però non mi ricordo se “dipende” dal libro), anche Lucignolo me lo immaginavo come un ragazzo un po’ più grande
di Pinocchio). Bella la scena del Pescecane e le ambientazioni.

Leggi tutto

Molto fedele al racconto di Collodi / 23 Aprile 2020 in Pinocchio

Probabilmente il Pinocchio di Matteo Garrone è la trasposizione al racconto di Collodi più fedele mai girata fino ad ora. Chi non ha letto il romanzo ed è abituato al Pinocchio di Manfredi con personaggi totalmente umani potrà trovarlo assurdo, quasi stupido, con un vecchio gorilla che fa il giudice o una lumaca come domestica, ma è proprio così nel racconto originale e sono felice che Matteo Garrone abbia voluto essere il più fedele possibile così da creare paradossalmente un’opera originale.
Altra cosa che adoro di Garrone (regista che considero uno dei migliori in Italia) è l’aver voluto rendere Pinocchio una favola dark e gotica. Difatti questo Pinocchio è più adatto a un pubblico di ragazzi e adulti piuttosto che a dei bambini. Dopotutto sono dell’idea che Garrone non faccia film per bambini ma per adulti che si sentono ancora un po’ bambini.
Una menzione particolare va alle scenografie che sono veramente meravigliose fin nel minimo dettaglio con scenari della Toscana, Lazio e Puglia che difficilmente vedremo in altri film perché sono luoghi antichi, inabitati e dimenticati dall’uomo moderno; delle città fantasma che trasmettono quel senso di povertà umana nello spirito di quel mondo che Collodi voleva trasmetterci. Altra menzione particolare vanno ai costumi e al trucco, qualcosa veramente fuori dal comune per il cinema italiano. Beh non a caso è stato chiamato Mark Coulier ad occuparsi di tale lavoro, già truccatore dell’intera saga di Harry Potter, dalla Pietra filosofale ai Doni della morte. Che dire, è stato fatto un lavoro magistrale, dove Federico Ielapi, sottoposto a 4 ore di trucco per sessione, sembra davvero un burattino di legno, così come tutti gli altri personaggi sembrano davvero ciò che interpretano: uomini dalle sembianze di cani, gatti, gorilla.
L’unica pecca del film è che è a tratti un po’ lento a scorrere, ma dopotutto ciò che è narrato è la storia di Pinocchio tale e quale com’è. Inserire qualche spettacolarizzazione sarebbe stato un po’ fuori luogo.
Per me è un film che merita di essere visto pieno. Meriterebbe il David di Donatello per le migliori scenografie, costumi, trucco, effetti speciali e regia.

Voto: 7½

Leggi tutto

Troppa aspettativa / 13 Gennaio 2020 in Pinocchio

Ho sentito troppe persone che mi hanno detto: “MAGNIFICO!”, “IL VERO PINOCCHIO!”, “COMMOVENTE!”, “HO PIANTO PER L’EMOZIONE!”…
Troppo… E quando l’ho visto… Beh, mi aspettavo di più.
Bello, per carità ma non mi ha dato quell’emozione che mi aspettavo.
Effetti speciali importanti e azzeccati.
E’ Pinocchio.
Ad maiora!

Grazie Garrone / 13 Gennaio 2020 in Pinocchio

Premessa dare un voto ad un film è una cosa assai difficile, ci sono criteri diversi a seconda del genere aspettativa, eccetera. questo film se analizzato come un film per tutta la famiglia, nazional popolare per me è da 10. Parlando economicamente parlando ha incassato15 milioni ( il film italiano che ha incassato di più l’anno scorso ha fatto 8 milioni ed era Muccino), vedere dopo anni che un film d’autore riesce non solo ad incassare bene ma piacere a un pubblico vasto mi riempito cuore di gioia, dopo anni e anni di cinepanettoni e film mediocri che hanno riempito le nostre sale, entrare in un film di Garrone e trovare la sala piena mi ha quasi commosso, sarà che Pinocchio piace a tutti, sarà che la gente ancora ama Benigni, non lo so.
Poi da toscano amo il burattino pure io e ho trovato il film di Garrone visivamente spettacolare, colori tenui scuri con ocra e celeste prevalenti, effetti speciali ottimi senza abusare della computer grafica, ma come difetto devo dire che secondo me non ha voluto spingere troppo facendo più una lettura fedele a Collodi che personale. Non ha spinto sulle parti più macabre del racconto, con il chiaro intento di non spaventare troppo i bambini che ormai sono troppo abituati alle storie dinsey. Quindi Pinocchio non ha potuto mostrare tutta la sua cattiveria intrinseca, perché oggi come oggi spaventerebbe troppo.
Detto questo grazie mille Garrone per questa grande fiaba in cui ora posso crede: si può portare gente al cinema non solo con Zalone, si può far un bel film nazional popolare.

Leggi tutto