Paul Thomas Anderson: scheda regista con i suoi film e la biografia completa

Male
Paul Thomas Anderson

Anderson è nato nel 1970. È stato uno dei primi produttori di cineasti della "videoteca". Suo padre è stato il primo uomo del suo blocco a possedere un videoregistratore e sin da piccolo Anderson aveva a disposizione un numero infinito di titoli. Mentre cineasti come Spielberg si sono tagliati i denti realizzando film da 8 mm, Anderson si è tagliato i denti riprendendo film in video e montandoli dal videoregistratore al videoregistratore

Parte del DNA artistico di Anderson viene da suo padre, che ha ospitato uno spettacolo horror a tarda notte a Cleveland. Suo padre conosceva un certo numero di celebrità strane come Robert Ridgely , un attore che è apparso spesso in Mel Brooks 'film e in seguito avrebbe interpretato "Il colonnello" in Anderson Boogie Nights – L’altra Hollywood (1997). Anderson è stato anche molto modellato crescendo in "The Valley", in particolare nella periferia di San Fernando Valley, nella grande Los Angeles. La Valley potrebbe essere stata immortalata negli anni '80 per il suo "Mall Girls" che saltava da un centro commerciale, ma per Anderson era una parte leggermente squallida dell'America suburbana. Eri vicino a Hollywood, ma non eri lì. Folletti e incendi popolavano l'area. Le esperienze di Anderson che crescono in "The Valley" hanno senza dubbio plasmato il suo io artistico, specialmente da quando tre delle sue quattro caratteristiche teatrali sono ambientate nella Valley.

Anderson ha iniziato a fare cinema in giovane età. Il suo film amatoriale più significativo è stato The Dirk Diggler Story (1988), una sorta di finto documentario alla This Is Spinal Tap (1984), su una volta una grande star della pornografia di nome Dirk Diggler. Dopo essersi iscritto al programma cinematografico della New York University per due giorni, Anderson ha recuperato le tasse scolastiche e realizzato il suo cortometraggio, Cigarettes & Coffee (1993). Ha anche lavorato come assistente alla produzione in numerosi spot pubblicitari e video musicali prima di avere la possibilità di realizzare il suo primo lungometraggio, qualcosa che gli piaceva chiamare Sydney (1996), ma in seguito sarebbe diventato noto al pubblico come "Hard Eight". Il film è stato sviluppato e finanziato attraverso il Sundance Lab, non diversamente da quello Quentin Tarantino 'S Le iene (1992). Anderson ha scelto tre attori con cui avrebbe continuato a lavorare in futuro: il veterano di Altman Philip Baker Hall , il husky e l'amorevole John C. Reilly e, in piccola parte, Philip Seymour Hoffman , che finora è stato presentato in tutti e quattro i film di Anderson. Il film parla di un tipo di angelo custode (interpretato da Hall) che prende in sorte la fortuna di Reilly sotto la sua ala. Il film deliberatamente ritmato presentava una serie di marchi Anderson: uso meraviglioso della fonte luminosa, riprese lunghe e recitazione di alto livello. Eppure il film è stato rieditato (e ribattezzato) da Rysher Entertainment contro i desideri di Anderson. È stato ammirato dalla critica, ma non ha attirato al botteghino. Tuttavia, è stato sufficiente per Anderson ottenere finalmente il suo prossimo film finanziato. "Boogie Nights" era, in un certo senso, un remake di "The Dirk Diggler Story", ma Anderson gettò via l'approccio satirico e dipinse invece un'ampia tela su una famiglia improvvisata di pornografi. Il film era spesso gioioso nel suo aspetto degli anni '70 e dei giorni in cui la pornografia era ancora girata sul film, ancora proiettata nei cinema, ei suoi attori potevano almeno illudersi nel credere di essere stelle del cinema. Eppure "Boogie Nights" non ha sussultato nel lato oscuro, mostrando un omicidio e un suicidio, letteralmente in uno (quasi) colpo ininterrotto, e mostrando anche che le vite di queste persone si deteriorano, mostrando anche come le loro vite si sono riprese.

Anderson non solo ha lavorato di nuovo con Hall, Reilly e Hoffman, ma ha anche lavorato Julianne Moore , Melora Walters , William H. Macy e Luis Guzmán . Collettivamente, Anderson aveva qualcosa di raro nel cinema americano: una società per azioni di attori di prim'ordine. A parte quanto sopra menzionato, Anderson ha anche tratto grandiose esibizioni Burt Reynolds e Mark Wahlberg , due attori le cui carriere non stavano proprio andando a gonfie vele ai tempi di "Boogie Nights", ma che in seguito si sono trovati molto più occupabili.

Il successo di "Boogie Nights" ha dato ad Anderson la possibilità di fare irruzione Magnolia (1999), un enorme mosaico che potrebbe far impallidire Altman Nashville (1975) nel suo numero di personaggi.

Anderson è stato insignito del premio "Miglior regista" a Cannes per Ubriaco d’amore (2002).

Luogo di nascita: Studio City, California, USA
Data di nascita: 26/06/1970

    Regista (22)

    Lascia un commento

    jfb_p_buttontext