Recensione su Caccia al ladro

/ 19557.3175 voti

24 Novembre 2011

Un film che sprizza charme da tutti i pori. Non so chi, in questa pellicola, sia più fascinoso: la Cote d’Azur, Cary Grant (nonostante i pantaloni ascellari) o Grace Kelly?
Hitchcock sfrutta il pretesto a lui caro dell’uomo “qualunque” la cui vita viene improvvisamente sconvolta da un evento alieno, mettendolo al servizio di un racconto glamour ed ardito: l’ereditiera texana che si offre, letteralmente, all’uomo che l’affascina era una figura abbastanza sfacciata, per l’epoca.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext