?>Recensione | Non lasciarmi | Lasciami (perdere)

Recensione su Non lasciarmi

/ 20107.2420 voti

Lasciami (perdere) / 22 gennaio 2016 in Non lasciarmi

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un film che in partenza sembra avere del potenziale, peccato che si sprechi nella sua frammentarietà e sconclusionatezza. L’incipit si perde troppo nel descrivere l’infanzia “anomala” dei personaggi, così come le scene successive ambientate nei “Cottages” mancano l’obiettivo di sottolineare le differenze fondamentali di vita tra i futuri “donatori” e il resto della popolazione. I personaggi sono piatti e la storia d’amore risulta davvero poco profonda. Le (scarse) rivelazioni finali cercano di dare un verso a un film che doveva porre esplicitamente all’inizio l’interrogativo “Possono avere anche loro un’anima?”. Del resto manca proprio un dibattito interno a riguardo, considerando che solo due personaggi si dimostrano contrari alla scelta di “coltivare” una cerchia di essere umani per il bene della maggioranza (miss Lucy e Madam). Neppure i protagonisti si domandano se tutto ciò sia giusto. Per questi motivi il film finisce per non essere testimone di un messaggio ma diventa un’inerte attesa del “Completamento” (lo spettatore può benissimo leggerlo come “Titoli di Coda”).

Si potrebbe scrivere ancora molto riguardo a ciò che il film manca di approfondire. Un vero peccato.

1 commento

  1. Alicia / 23 gennaio 2016

    L’infanzia “anomala dei personaggi è la parte fondamentale della loro costruzione psicologica. Halisham per loro non è solo una scuola, è l’unica realtà che conoscono. Non hanno la minima idea di come sia il mondo al di fuori di Halisham, non hanno possibilità di paragoni. Le rivelazioni non sono la parte principale della trama, piuttosto rappresentano l’eterna speranza di salvezza che continuano a provare, nonostante siano certi che non ci sia alternativa.
    La rassegnazione dei personaggi deriva da un percorso di vita programmato in modo che non esistano alternative alla donazione. Le storie d’amore si intrecciano unicamente come rappresentazione testimonianza di una natura umana in loro, fatta di gelosie e di tenerezza. Sinceramente non capisco in cosa non sia stato approfondito in questo film, visto che la parte psicologica è la sua struttura portante.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext