2003

La maledizione della prima luna

/ 20037.41100 voti
La maledizione della prima luna
La maledizione della prima luna

Giamaica, XVIII secolo. La cittadina portuale di Port Royal viene assalita dalla ciurma di pirati più temuta dei Caraibi, il terribile equipaggio della 'Perla Nera'; durante il saccheggio Elizabeth, figlia del governatore Swann, viene rapita a causa di uno strano medaglione che porta al collo da ben otto anni, da quando lo portò via ad un piccolo naufrago che la nave di suo padre salvò da morte certa: sarà proprio quel ragazzo diventato ormai uomo, Will Turner, che farà di tutto per riuscire a liberarla, perfino allearsi con il famoso pirata Jack Sparrow...
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: Pirates of the Caribbean: The Curse of the Black Pearl
Attori principali: Johnny DeppGeoffrey RushOrlando BloomKeira KnightleyJack DavenportJonathan Pryce, Kevin McNally, Zoe Saldana, Lee Arenberg, Mackenzie Crook, Damian O'Hare, Treva Etienne, Michael Berry Jr., David Bailie, Christopher S. Capp, Martin Klebba, Isaac C. Singleton Jr., Giles New, Angus Barnett, Greg Ellis, Guy Siner, Ralph P. Martin, Paula J. Newman, Paul Keith, Dylan Smith, Lucinda Dryzek, Lauren Maher, Vanessa Branch, Luke de Woolfson, Michael Sean Tighe, Dustin Seavey, Christian Martin, Trevor Goddard, Vince Lozano, Matthew Bowyer, Brye Cooper, Ben Wilson, Antonio Valentino, Mike Babcock, Owen Finnegan, Ian McIntyre, Israel Aduramo, Sam Roberts, Ben Roberts, Félix Castro, Mike Haberecht, Rudolph McCollum, Gerard J. Reyes, M. Scott Shields, Christopher Sullivan, Craig Thomson, Fred Toft, Jerry Gauny, Maxie J. Santillan Jr., Michael Earl Lane, David Patykewich, Tommy Schooler, Finneus Egan, D.P. FitzGerald, Tobias McKinney, Michael A. Thompson, Michael W. Williams, Jose Zelaya, Don LaDaga, LeJon, Gregory Alosio, Jordi Caballero, Paul Gagné, Joe Grisaffi, James McAuley, Bob Elmore
Regia: Gore Verbinski
Sceneggiatura/Autore: Ted Elliott, Terry Rossio, Stuart Beattie, Jay Wolpert, Ted Elliott, Terry Rossio
Colonna sonora: Klaus Badelt
Fotografia: Dariusz Wolski
Costumi: Penny Rose
Produttore: Jerry Bruckheimer, Paul Deason, Bruce Hendricks, Chad Oman, Mike Stenson
Produzione: Usa
Genere: Azione, Fantasy, Famiglia
Durata: 143 minuti

Carino dai / 26 Maggio 2017 in La maledizione della prima luna

Avevo un ricordo non esattamente positivo di quando nel 2003 andai a vederlo al cinema, ma devo dire che rivendendolo un po’ mi sono ricreduto, anche se per quanto mi riguarda è un onestissimo film magari un po’ lunghetto. Nasce qui comunque un gran personaggio, quello di Jack Sparrow, interpretato, devo proprio dirlo, da un fantastico Johnny Depp. Anche il resto della storia e dell’avventura/azione non è affatto malaccio. Nel resto del cast Keira Knightley, Geoffrey Rush, Orlando Bloom e svariati altri volti noti, come Zoe Saldana che ha un piccolo ruolo. Ovviamente epica e ormai diventata iconica la colonna sonora di Klaus Badelt.

Leggi tutto

Non dispiace / 9 Ottobre 2015 in La maledizione della prima luna

A me questa serie di film non dispiace per nulla, ma questo mi ha colpito meno degli altri.. comunque è da guardare se si ama il genere..

16 Settembre 2014 in La maledizione della prima luna

In questo film Depp ci sta a pennello, di certo i seguiti non gli stanno certo dietro, avrebbero dovuto fare questo unico film e lasciarlo finire così

2 Gennaio 2014 in La maledizione della prima luna

Diciamoci la verità: cosa sarebbe questo film senza la grande interpretazione di Johnny Depp / Jack Sparrow?
Sarebbe l’espressione perennemente sdolcinata di Orlando Bloom (supportata da un doppiaggio da soap opera).
Sarebbe l’ennesimo film Zombie, con la variante dell’ambientazione caraibica e della tematica piratesca.
Sarebbe il buonismo del Commodoro che un secondo dopo che la sua amata lo ha rifiutato, dà la benedizione a quello che gliel’ha portata via anziché strappargli le budella.
Ma per fortuna c’è Depp che con la sua interpretazione rockettara del Capitano Jack Sparrow, dichiaratamente ispirata alla persona di Keith Richards, regala qualcosa di memorabile ad un film che, diversamente, sarebbe rimasto soltanto un tentativo (per carità, economicamente riuscitissimo) di casa Disney di sfornare un prodotto ibrido capace di coprire la maggior parte del pubblico possibile (bambini, adolescenti, adulti).
Altro aspetto positivo, la riuscitissima colonna sonora di Klaus Badelt, che si inventa uno di quei motivetti, arrembanti e accattivanti, capaci di sposarsi felicemente con film come questi, basati interamente sull’azione.
Grande successo di pubblico, che ha spronato la casa madre a rendere il prodotto praticamente un serial (nonchè un vero e proprio brand), sfornando sequel a ripetizione che sinora hanno incassato la bellezza di quasi 4 miliardi di dollari worldwide (e altri ancora probabilmente ne usciranno).
Curioso il fatto che, per una volta, l’idea cinematografica è tratta da un’attrazione di un parco divertimenti e non viceversa.

Leggi tutto

21 Gennaio 2013 in La maledizione della prima luna

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Con mille tranquilli anni di ritardo ho deciso di arrivare anche ai Pirati. Ché da sempre sento la gente parlarne e non avendolo visto non ci capisco una cippa. In realtà è semplice. Ci sono Keira-Elizabeth e Will-Orlando (che continueranno a dirsi Will… Elizabet… Will… Elizabeth… per quasi tutto il film) che si lovvano, ma una è figlia di un governatore di qualcosa di anglofono nei Caraibi (ma va?) e l’altro è un fabbro. Però figo, a quanto pare. In questo posto a picco sul mare nei Caraibi arriva Jack Sparrow. In breve, Liz viene rapita trenta volte dall’equipaggio maledetto del pirata Barbarossa, che non muore mai perché è maledetto ma sta cercando di togliere la maledizione, e Will e Jackie li inseguono, la liberano, vengono inseguiti, viene rirapita, la inseguono, and so on. Du’palle. Ma anche no, il carrozzone alla fine è scanzonato e divertente, prova ne è il fatto che si arriva alla fine senza troppa noia. Merito, I guess, quasi tutto del personaggio strampalato e Johnny Depp, che si atteggia in maniera buffa assai ma coerente con se stessa, oltre a non capirsi mai da che parte sta. E poi merito della ciurma di pirati, che rivelano la loro essenza di mostri raccapriccianti e capricciosi alla luce della luna, e dettano anche la linea comica del film (pollice su per la forchetta nell’occhio di vetro). Forse un poco meno di clang-clang di spade ci poteva stare.
E infine tutti dicono in continuazione AYE, e son quelle cose per cui uno che si gasa con poco si gasa.
Pavento che i prossimi peggiorino.
Per cui Aye.

Leggi tutto