?>Recensione | Total Recall - Atto di forza | Senza titolo

Recensione su Total Recall - Atto di forza

/ 20135.6151 voti

11 febbraio 2013

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Indecisa tra 7 e 8, voto 7 per colpa della tizia bionda immortale che picchia duro e per l’eccessiva lunghezza di alcune scene. Credo di non aver visto Atto di Forza e se l’ho fatto ero troppo piccola per ricordare, quindi il film mi è sembrato ripercorrere bene o male Paycheck. Non che Paycheck già di suo fosse molto originale. Insomma, la trama è stra-usata, a parte questo, però, c’è da dire che sapevo cosa stavo per vedere, e che già il trailer te lo dice chiaro. Quindi ho trovato il tutto molto onesto e coerente. Ho apprezzato la facilità con cui si riescono a capire gli avvenimenti, che sono abbastanza intrecciati ma comunque chiari. Non sapevo ci fosse Ethan Hawke, è stato piacevole scoprirlo. Bisognerebbe sfatare il mito che un film incentrato sugli effetti speciali sia un brutto film a prescindere. Il cinema è una forma d’arte visiva, sonora. Se poi porta anche una bella trama e un bel messaggio tanto meglio. Ma ci sono anche bei dipinti e belle poesie che puntano esclusivamente sulla bellezza del disegno o sulla bellezza delle parole e delle immagini che evocano. Io sono una sostenitrice degli effetti speciali, perché non basta avere tanti soldi per farne di belli, perché gli effetti speciali non escono da un computer fatti e finiti, ma vengono costruiti da persone in carne ed ossa che si impegnano e mostrano la loro bravura (ed arte) tanto quanto gli attori e tutti gli altri. Ecco, dopo queste paroline il mio voto (7 e 1/2) si scusa se dico che ho apprezzato tantissimo gli scenari di questo film che mi hanno incantata dall’inizio alla fine. Belle pure le musiche e interessanti alcune “invenzioni” futuristiche. Ad un certo punto mi è persino scesa una lacrimuccia (ma non faccio testo, io mi commuovo facilmente) quando in un preciso momento mentre il protagonista suona il piano alza la testa e sorride come se fosse tornato per un attimo bambino.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext