Recensione su Spider-Man 3

/ 20075.8579 voti
Spider-Man 3
Regia:

19 Gennaio 2013

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Troppa, troppa carne mette al fuoco, accatastata da Sam Raimi o chi gli scrive la sceneggiatura o chi ordina come scrivere la sceneggiatura e così via. Tre cattivi tutti insieme, centinaia di personaggi sprecati. Potevi farne tre di film lunghi il giusto, anziché uno lungo. La storia ormai non ha più importanza, io amo oltremisura l’Uomo Ragno da sempre, l’Uomo Sabbia è veramente un figo e ricordo da bambino quanto aspettavo che avessero gli effetti speciali da metterlo in un film. E ca**o come ci son riusciti bene. Ora aspetto solo che ci riescano anche con Electro;
d’accordo, i supereroi americani di quegli anni là sono vestiti da pagliacci. Ma sono pagliacci cattivi e colorati che devono essere pestati dal pagliaccio buono, ma dai, come fai a non appassionartene? Nemmeno un po’ di ammirazione per il buon Stan Lee e la sua fantasia, che si inventavano a getto continuo tutti questi shakerati di colori accesi e forme strane?
La Dunst è sempre gnocca, Tobey è sempre un tonno. Da notare che, quando qui si veste di nero (o da tonno nero), per farcelo capire gli cambiano la pettinatura, restandogli la medesima espressione tonna. E sembra, ma tanto, il quinto dei Dari, l’ennesimo emo sciroccato che si incrocia per strada e si pensa “ma come ca**o è messo questo?”.
Fermo restando che dammi Spiderman e io son contento, sia chiaro, tanto.
Sì, insomma, non mi sta succedendo niente. Nella norma, no?

Lascia un commento

jfb_p_buttontext