Recensione su Kingsman: Il cerchio d'oro

/ 20176.685 voti

Vaughn continua ad essere una sicurezza / 20 settembre 2017 in Kingsman: Il cerchio d'oro

Anche se non è riuscito a superarsi (il primo capitolo è stato incredibile), ci ha donato un ennesimo action-comedy-spy movie gradevole e di qualità.
Il cast funziona bene, e mi ha donato una sorpresa graditissima.
“Il piano del villain di turno” è davvero interessante e ci pone nuovamente di fronte ad un altro dilemma che ci accompagna ogni giorno, chi più, chi meno direttamente. Una volta visto, capirete il filo che lega il primo film e questo.
Come il primo capitolo, le scene d’azione sono montate davvero bene e si riesce a vedere cosa succede, a differenza della maggior parte delle produzioni che decidono di scuotere il più possibile le immagini per celare la finzione e l’inadeguatezza del cast o degli stunt. Piacevolissimi i long take d’azione che tornano nuovamente in questo film, anche se di minore impatto rispetto al primo.
Non mi resta che attendere con trepidazione un terzo capitolo! E, sinceramente, spero non si fermi ad essere una semplice trilogia, ma un filone infinito, come lo è quello di James Bond e Mission Impossible, da cui ne prende spunto, ma se ne distacca con un proprio carattere unico di cui ne sentivo la mancanza.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext