Lionel Stander: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Lionel Stander

Lionel Stander, l'attore personaggio cinematografico con la grande voce roca, è nato l'11 gennaio 1908 a The Bronx borough of New York City. La carriera di attore di Stander fu deragliata quando fu inserito nella lista nera durante gli anni '50 dopo essere stato esposto come membro del Partito Comunista durante le audizioni del Comitato delle attività non americane della Camera. Nella sua testimonianza HUAC nel maggio 1953, Stander denunciò l'uso da parte di HUAC di informatori, in particolare quelli con problemi mentali.

Stander era specializzato nel suonare adorabili teppisti e scagnozzi e in vari tipi acerbi e sodi. Il suo fisico era corpulento e brutale, e la sua testa presentava una mascella quadrata sotto una padella dalle caratteristiche grossolane che era alleggerita dal suo fascino. Ma fu la sua voce burbera e scura che fece fortuna.

Stander ha frequentato la University of North Carolina, ma dopo aver debuttato sul palcoscenico all'età di 19 anni, ha deciso di abbandonare il college per la recitazione. Insieme a una carriera teatrale di successo, la sua voce insolita lo ha reso ideale per la radio. Il suo debutto sullo schermo cinematografico è stato nel cortometraggio della commedia Salt Water Daffy (1933) con Jack Haley e Shemp Howard . Ha continuato a recitare in una serie di cortometraggi comici a due rulli prodotti nello studio di Vitaphone a Brooklyn prima di trasferirsi a Hollywood nel 1935, dove è apparso come attore personaggio in molti film di successo come Nulla sul serio (1937).

John Howard Lawson , lo sceneggiatore che era uno dei dieci di Hollywood e che era il commissario culturale del Partito Comunista a Hollywood, sosteneva Stander come il modello di un attore comunista impegnato che ha migliorato la lotta di classe attraverso le sue esibizioni. Nel film No Time to Marry (1938), che era stato scritto dal membro del Partito Paul Jarrico , Stander aveva fischiato qualche battuta dell'Internazionale mentre aspettava un ascensore.

Stander pensava che la scena sarebbe stata tagliata dal film, ma è rimasta nella foto perché "erano così apolitici a Hollywood al momento che nessuno ha riconosciuto la melodia".

Stander aveva una lunga storia di supporto per cause di sinistra. È stato un membro attivo del Fronte popolare dal 1936 al 1939, un ampio gruppo di organizzazioni di sinistra dedicate alla lotta contro i reazionari in patria e il fascismo all'estero. Stander scrisse dell'epoca: "Abbiamo combattuto su tutti i fronti perché ci siamo resi conto che le forze di reazione e il Faciscm combattono la democrazia su tutti i fronti. Anche noi siamo stati quindi costretti a organizzarci per combatterli su tutti i fronti: politicamente attraverso organizzazioni come il Motion Democratic Committee; economicamente attraverso le nostre corporazioni e i nostri sindacati; socialmente e culturalmente attraverso organizzazioni come la Hollywood Anti-Nazi League ".

Il Fronte si disintegrò quando l'URSS firmò un patto di non aggressione con la Germania nazista, che generò la seconda guerra mondiale dando ai nazisti la possibilità di invadere la Polonia (con l'Unione Sovietica che invadeva dall'est). Il Partito Comunista-USA abbandonò il Fronte e dalle attività antinaziste e durante i primi giorni della guerra, prima che la Germania invadesse l'URSS nel giugno 1941, tentò di ostacolare il sostegno degli Stati Uniti al Regno Unito sotto l'egida del sostegno " pace ", compresi gli scioperi di chiamata negli impianti di difesa. Molti comunisti, come Elia Kazan, abbandonarono il Partito dopo questo sviluppo, ma molti altri rimasero. Questi erano gli stalinisti che la sinistra non comunista americana crebbe fino a disprezzare, e alla fine si unirono al diritto di distruggere, anche se gran parte della loro antipatia dopo il 1947-48 fu generata dal desiderio di salvarsi dal cappio di reazione.

Melvyn Douglas , un importante liberale la cui moglie Helen Gahagan In seguito Douglas sarebbe stato un rappresentante degli Stati Uniti dalla California (e avrebbe perso la sua offerta per il Senato a un giovane deputato di nome Richard Nixon , che l'ha esaltata come "La signora rosa"), aveva resistito ai tentativi di Stander di reclutarlo al Partito. "Una notte, Lionel Stander mi ha tenuto sveglio fino all'alba, cercando di vendermi il marchio russo del marxismo e di reclutarmi per il Partito Comunista. Ho resistito. Sono sempre stato condannato dal totalitarismo e ho fatto continui e critici riferimenti all'URSS in i miei discorsi. I membri della Lega antinazista mi esorterebbero a cancellare questi riferimenti e ne conseguirono numerosi conflitti ".

Douglas, sua moglie e altri liberali non si opposero alla cooperazione con membri del Partito e compagni di viaggio sotto l'egida del MPDC, lavorando per contrastare il fascismo e organizzare soccorsi per la Repubblica spagnola. Credevano di poter minimizzare l'influenza del Partito Comunista e si rallegravano del fatto che i comunisti si fossero uniti al carro liberale, patriottico e antifascista. La loro tolleranza nei confronti dei comunisti durò fino al patto sovietico-nazista dell'agosto 1939. Quello e l'invasione della Polonia da parte dei nazisti e dell'URSS distrussero il fronte popolare.

Stander era stato citato in giudizio dalla prima inchiesta del Comitato delle attività non americane della Camera a Hollywood, nel 1940, quando era diretto dal deputato del Texas Martin Dies. Il Comitato Dies era riuscito ad abolire il Federal Theatre Project of the Progress Progress Administration come una minaccia di sinistra nel 1939 (l'FTP aveva fatto un risveglio della commedia di Lawson sullo sfruttamento dei minatori, "Prcessional", quell'anno a New York ). L'attacco all'FTP era stato contrastato da molti liberali a Hollywood. Colpito dalle critiche di Hollywood, il Dies Committee decise di rivolgere la propria attenzione su Hollywood stessa.

Inviando investigatori a Hollywood, l'HUAC di Dies compilò un lungo elenco di sovversivi, tra cui Melvyn Douglas. John L. Leech, un agente di polizia che si era infiltrato nel Partito Comunista prima di essere espulso nel 1937, presentò un elenco di veri e sospetti comunisti a una grande giuria della Contea di Los Angeles, che citò anche Stander. La testimonianza fu trapelata e i giornali riferirono che Stander, insieme a importanti liberali di Hollywood come James Cagney, Humphrey Bogart, Frederic March e Francot Tone, erano stati identificati come comunisti.

Il presidente del comitato Dies ha offerto a tutte le persone nominate comuniste l'opportunità di autorizzarsi se avrebbero collaborato con lui nella sessione esecutiva. Solo una delle persone nominate non apparve e Stander fu il solo ad apparire che non fu cancellato. Successivamente, è stato licenziato dal suo studio, Republic Pictures.

Stander fu quindi chiamato in causa per testimoniare davanti al Comitato per le attività non americane dell'Assemblea della California, insieme a John Howard Lawson, il leader sindacale John Sorrell e altri. Durante lo sciopero guidato dalla militante Conferenza dei sindacati studenteschi di Sorrell contro gli studi nel 1945, Stander era a capo di un gruppo di progressisti della Screen Actors Guild che sosteneva la CSU e fece pressioni sulla gilda per onorare le sue battute. Furono esclusi da una fazione più conservatrice guidata da Robert Montgomery, George Murphy e Ronald Reagan. L'adesione al SAG ha votato da 3.029 a 88 per varcare la linea di picchettaggio CSU.

Stander ha continuato a lavorare dopo essere stato licenziato dalla Repubblica. È apparso in Anche i boia muoiono (1943), un film sul nazista Reinhard Heydrich, assassinato da antifascisti. Dopo l'amaro sciopero della CSU, che fu imbrattato dagli studi di ispirazione comunista, HUAC rivolse ancora una volta lo sguardo verso Hollywood, iniziando due cicli di inquisizioni nel 1947 e nel 1951. Lo sceneggiatore Martin Berkeley, che stabilì un record nominando 155 nomi prima della seconda tornata di audizioni del Comitato, testimoniava che Stander lo aveva presentato al leader del sindacato militante Harry Bridges, da tempo sospettato di essere un comunista, che Stander chiamava "compagno".

Dopo essere stato inserito nella lista nera, Stander ha lavorato come mediatore a Wall Street ed è apparso sul palco come attore giornalista. È tornato al cinema in Tony Richardson 'S Il caro estinto (1965), e ha ricominciato la sua carriera come attore personaggio, apparendo in molti film, tra cui Roman Polanski 'S Cul de sac (1966) e Martin Scorsese 'S New York, New York (1977). Altri film in cui è apparso sono inclusi Spogliarello per una vedova (1966), L’uccello tutto nero (1975), Cassandra Crossing (1976), 1941 – Allarme a Hollywood (1979), Cookie (1989) e The Last Good Time (1994), il suo ultimo film teatrale.

Stander è ricordato soprattutto per aver interpretato Max in TV Cuore e batticuore (1979) (1979-84) con Robert Wagner e Stefanie Powers , un ruolo che ha ripreso in una serie di film TV "Hart to Hart". Stander è apparso anche nelle prime serie TV di Wagner Operazione ladro (1968) e sulla serie HBO Dream On (1990).

Lionel Stander è morto di cancro ai polmoni il 30 novembre 1994 a Los Angeles, in California. Aveva 86 anni.

Luogo di nascita: The Bronx, New York City, New York, USA
Data di nascita: 11/01/1908
Data di morte: 30/11/1994

Lascia un commento

jfb_p_buttontext