Carlo Delle Piane: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Carlo Delle Piane

Carlo Delle Piane, biografia di un attore… per caso

Carlo Delle Piane è stato un attore italiano.
Cresciuto a Roma in un quartiere popolare, Delle Piane esordisce casualmente nel mondo del cinema, nel film “Cuore” (1948), un adattamento dell’omonimo romanzo di Edmondo De Amicis diretto da Duilio Coletti insieme a Vittorio De Sica, che nel film interpreta anche il maestro Perboni.
Delle Piane, che era stato scelto dopo una selezione tra gli studenti delle scuole romane, crede conclusa la sua esperienza artistica, ma nel 1950 è di nuovo su un set cinematografico, quello della commedia “Vogliamoci bene!” di Paolo William Tamburella.

Un protagonista della commedia italiana degli anni Cinquanta

Da quel momento, grazie anche al suo viso caratteristico, segnato da un naso rotto irrimediabilmente quando aveva 10 anni, e alla sua particolare presenza scenica, Delle Piane diventa una presenza costante del cinema italiano, in particolare nelle commedie, sovente come spalla e caratterista al fianco di attori come Aldo Fabrizi, Totò e Alberto Sordi: “La famiglia Passaguai” (1951), “La famiglia Passaguai fa fortuna” (1952) e “Papà diventa mamma” (1952) di e con Fabrizi; “Guardie e ladri” (1951) di Mario Monicelli e Steno, con Totò e, ancora, Fabrizi; “Mamma mia, che impressione!” (1952) di Roberto Savarese, con Sordi; “Un ladro in paradiso” (1952) di Domenico Paolella, con Nino Taranto; “L’uomo la bestia e la virtù” (1953) di Steno, con Orson Welles e, ancora, Totò; “Un americano a Roma” (1954), sempre di Steno, ancora con Sordi; “I pappagalli” (1955) di Bruno Paolinelli, con Sordi e Fabrizi; “Ladro lui, ladra lei” (1958) di Luigi Zampa, con Sordi e Sylva Koscina; “L’amico del giaguaro” (1959) di Giuseppe Bennati, con Walter Chiari.

La filmografia di Carlo Delle Piane: commedie, musicarelli e Roman Polanski

Delle Piane prosegue con profitto la sua carriera cinematografica anche negli anni Sessanta, partecipando a commedie e musicarelli, i film musicali italiani in voga nel periodo: “Scandali al mare” (1961) con Carlo Dapporto, Gino Bramieri e Bice Valori; “Twist, lolite e vitelloni” (1962) con Fabrizi; “Totò contro i quattro” (1963) di Steno; “Il monaco di Monza” (1963) di Sergio Corbucci, con Totò, Macario e Nino Taranto; “Totò e Cleopatra” (1963); “I 4 tassisti” (1963) di Giorgio Bianchi; “I ragazzi dell’hully-gully” (1964); “Canzoni, bulli e pupe” (1964) con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia; “Perdono” (1966) di Ettore Maria Fizzarotti con Caterina Caselli; “L’arcangelo” (1969) con Vittorio Gassman; “Zum zum zum n° 2” (1969) di Bruno Corbucci, con Little Tony e Pippo Baudo; “Pensiero d’amore” (1969) di Mario Amendola, con Mal.
Negli anni Settanta, Delle Piane inizia a partecipare anche a produzioni più eterogenee: il drammatico “Il sasso in bocca” (1970) di Giuseppe Ferrara; la commedia surreale “Che?” (1972) di Roman Polanski, con Sidne Rome e Marcello Mastroianni; “Teresa la ladra” (1973) di Carlo Di Palma, con Monica Vitti; “Passi furtivi in una notte boia” (1976) di Vincenzo Rigo.

La collaborazione con Pupi Avati

Con il film “Tutti defunti… tranne i morti ” (1977), inizia la collaborazione artistica con il regista emiliano Pupi Avati che, anche con diversi ruoli da protagonista, prosegue con le miniserie tv “Jazz Band” (1978), “Cinema!!!” (1979), “Dancing Paradise” (1982) e i film “Le strelle nel fosso” (1979), “Una gita scolastica” (1983, Nastro d’Argento, Premio Pasinetti a Venezia e Globo d’Oro come miglior attore), “Festa di laurea” (1985).
Il film “Regalo di Natale” (1986) di Avati segna uno dei punti più alti della carriera di Delle Piane: il ruolo dell’Avvocato Santelia, che Delle Piane interpreta anche nel sequel “La rivincita di Natale” (2004), gli vale il premio come miglior attore alla Mostra del Cinema di Venezia.

Una carriera lunga quasi 70 anni

Negli anni Ottanta, Novanta e Duemila, Delle Piane continua a lavorare come attore, raggiungendo quasi i 70 anni di carriera: “Sposi” (1988) di Antonio e Pupi Avati; “I giorni del commissario Ambrosio” (1988) di Sergio Corbucci, con Ugo Tognazzi; “Condominio” (1991) di Felice Farina; “Un amore americano” (1994) con Brooke Shields; “Tickets” (2005) diretto a sei mani da Abbas Kiarostami, Ken Loach ed Ermanno Olmi; “Nessun messaggio in segreteria”  (2005), di Paolo Genovese e Luca Miniero, con Pierfrancesco Favino; “Chi salverà le rose?” (2017) di Cesare Furesi.
Nel 1997, Delle Piane dirige il suo unico film, il drammatico “Ti amo Maria”.

Luogo di nascita: Rome, Lazio, Italy
Data di nascita: 02/02/1936
Data di morte: 23/08/2019

Lascia un commento

jfb_p_buttontext