Recensione su I soliti sospetti

/ 19958.0512 voti

Gli (in)soliti capolavori / 18 Marzo 2016 in I soliti sospetti

Un grande thriller che ha tutto per essere un grande film ma che si ferma a pochi passi dall’essere un monumento di genere.
Il premio Oscar Christopher McQuarrie regala una sceneggiatura degna di nota che non stanca mai lo spettatore, avendo tutto ciò che bisogna avere per essere un thriller con gli attributi: trama, personaggi, fotografia.
Dal modo in cui è narrato Singer sembra prendere spunto da Nolan,ma in realtà quest’ultimo è ancora lontano dalla ribalta hollywoodiana,pertanto forse Nolan ha apprezzato,e non poco,Singer..
Un cast eccezionale permette di “succhiare” qualsiasi goccia di curiosità all’osservatore che,in un film-puzzle come questo,rimane “incollato” allo schermo.
Magistrale Kevin Spacey,vero protagonista del film,piacevoli tutti gli altri personaggi(in particolar modo Benicio Del Toro). Peccato per l’avvocatessa, davvero un personaggio mal riuscito e recitato peggio, nota stonante in qualsiasi scena ne richieda la presenza.
Ormai vero e proprio cult,”I Soliti Sospetti” va ad inserirsi in quella schiera di film che costituiscono la base per un genere,talvolta sterile e monotono,risorto dalle “ceneri”del passato grazie ad un’idea eccellente.

2 commenti

  1. paolodelventosoest / 18 Marzo 2016

    Mi hai fatto venir voglia di rivederlo! Visto secoli fa, non ricordo praticamente niente…

  2. GabriAPAD96 / 8 Aprile 2016

    Credo veramente che meriti più di una visione

Lascia un commento

jfb_p_buttontext