Recensione su Les Miserables

/ 20137.9422 voti

Super musical / 28 Agosto 2019 in Les Miserables

I musical mi piacciono, ma non ne vado matta.
I Miserabili di Hugo è uno dei miei romanzoni preferiti.
Fatte queste blande premesse, continuo dicendo che ho visto questo lungo super musical quasi per caso, avendolo scovato nel catalogo Amazon Prime. Quando uscì al cinema, snobbai con sufficienza il film di Hooper, ma credo che, visto l’apparato tecnico messo in campo, meriti davvero di essere visto sul grande schermo, con il giusto impianto sonoro.

Nel complesso, il film mi è piaciuto e il merito va soprattutto alla confezione eccellente (la fotografia di Danny Cohen, le scenografie di Eve Stewart, i costumi di Paco Delgado) e agli attori (Jackman, Crowe, la Hathaway, e soprattutto, per quel che mi riguarda, Sacha Baron Cohen ed Helena Bonham Carter, che mi hanno proprio fatto divertire).
Non sono un’amante dei dialoghi cantati (vorrei tanto sapermi avvicinare all’opera!), quindi ho patito un po’ la struttura narrativa priva di parti non musicate.
Il mio compagno di divano mi ha detto che, se non gli avessi chiarito alcuni passaggi, raccontandogli quel che ricordavo del libro da cui è tratto il film, avrebbe faticato un po’ a tenere le fila del racconto.

Per quanto riguarda le difficoltà (immani) di adattamento, sono una sentimentale e “rimprovero” solo una cosa al musical di Broadway originario e, quindi, al film: il fatto di non aver mostrato Fantine da ragazza, quando era una sartina innamorata. I capitoli dedicati a Fantine (la descrizione della scarpina ricamata di Cosette…) sono una delle cose che, da ragazzina, ho amato di più del romanzo di Hugo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext