Recensione su Cloud Atlas

/ 20126.9518 voti

Divertente fallimento / 9 ottobre 2015 in Cloud Atlas

Sei storie intrecciate si susseguono in tempi diversi, a comporre un arazzo che nei primi 30-40 minuti appare scarsamente decifrabile, ma che poi assume una forma abbastanza precisa, con le storie che più o meno si possono riunire in tre coppie (1849 con 2144, 1936 con 2012, 1973 con 2321). Il film andrebbe visto almeno due volte per dare un senso anche all’inizio, alla luce di quello che viene dopo; ma ne vale la pena? Purtroppo no. Tante ambizioni, tante metafore più o meno nobili, con particolare insistenza sul tema della liberazione e della libertà, ma stringi stringi la filosofia dei registi si riduce a un vago pensiero new-age di karma e redenzione. Particolarmente disastrosi i due episodi ambientati nel futuro, con una distinta qualità da B-movie che li rende totalmente non credibili. Tuttavia, bisogna ammettere che il film non annoia, e il tour de force degli attori che interpretano vari personaggi attraverso il tempo è abbastanza divertente. Da qui a considerarlo un capolavoro, come hanno fatto diversi critici, il passo non è lungo: è smisurato.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext