Recensione su Brazil

/ 19858.0319 voti

. / 23 Novembre 2015 in Brazil

Primo approccio con Terry Gilliam e e giudizio fortemente positivo per un’opera molto intensa, ricca e riflessiva. Il film coniuga stili diversi, passando anche per il buffonesco (senza mai strappare, per quel che mi riguarda, risate spensierate, troppo difficili dato il contesto descritto) e ha un finale assordante pur nella sua prevedibilità. Ho trovato particolarmente disturbanti le architetture dei vari ambienti, dai più rigorosi ai più “sfatti”, e i tubi distribuiti un po’ ovunque non hanno fatto altro che rendere qualsiasi spazio più brutto e minaccioso. Brazil è insomma una giostra malata, orwelliana, dalle atmosfere caotiche, recitato benissimo dai suo variegati protagonisti e con la colonna sonora più azzeccata e paradossale che io ricordi.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext