I senza nome

/ 19707.641 voti
I senza nome

Tre delinquenti, tra cui un evaso ed un ex-tiratore scelto della polizia, organizzano un colpo milionario ad una gioielleria di Parigi.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Le Cercle rouge
Attori principali: Alain DelonAlain DelonBourvilBourvilGian Maria VolontéGian Maria VolontéYves MontandYves MontandPaul CrauchetPaul CrauchetFrançois Périer, André Ekyan, Paul Amiot, Pierre Collet, Jean-Pierre Posier, Yves Arcanel, René Berthier, Anna Douking, Jean-Marc Boris, Robert Favart, Jean Franval, Jean Champion, Yvan Chiffre, Roger Fradet, Jean-Pierre Janic, Edouard Francomme, Jacques Galland, Jacques Léonard, Jacques Leroy, Jean Pignol, Robert Rondo, Stéphanie Fugain, Guy Henry, Mostra tutti

Regia: Jean-Pierre MelvilleJean-Pierre Melville
Sceneggiatura/Autore: Jean-Pierre Melville
Colonna sonora: Éric Demarsan
Fotografia: Henri Decaë
Produttore: Robert Dorfmann
Produzione: Francia, Italia
Genere: Drammatico, Thriller, Poliziesco
Durata: 140 minuti

Dove vedere in streaming I senza nome

6 Marzo 2021 in I senza nome

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un caper movie magnifico, uno dei più belli del genere. Diretto da Melville, mette insieme Alain Delon dei tempi migliori, Gian Maria volonté e Yves Montand, tre facce che da sole vangono il film. Tre malviventi, di cui uno, fuggito durante un trasferimento in treno, si è nascosto per caso nel bagagliaio dell’auto dell’altro, si trovano a organizzare un furto in grande stile in una gioielleria di place Vendôme a Parigi. Il commissario Mattei gli sta alle calcagna. Memorabile la lunga sequenza della rapina alla gioielleria. Immerso in un’atmosfera malinconica, è un noir perfetto.

Leggi tutto

5 Giugno 2013 in I senza nome

Le Cercle Rouge” o “I senza nome” è un film noir diretto da Jean Pierre Melville.
E’ la prima pellicola che vedo del regista, mi ha tenuto incollato sul divano.
Tutto si apre con una frase, una citazione su Buddha. Si dice che egli prese un pezzo di gesso rosso e tracciando un cerchio disse:
Se è scritto che due uomini, anche se non si conoscono, debbano un giorno incontrarsi, può accadere loro qualsiasi cosa e possono seguire strade diverse, ma al giorno stabilito, ineluttabilmente, essi si ritroveranno in questo “CERCHIO ROSSO”. Ecco svelato il titolo.
Il primo tema che emerge nella pellicola è il fatalismo, prima o poi i due personaggi principali (per caso) si incontreranno.
Ci spostiamo a bordo di un treno, poi in una prigione. Da un lato abbiamo Vogel, un Gian Maria Volontè in fuga, evaso da un treno in viaggio, mentre schiva pallottole del Commissario Mattei fra la vegetazione francese; dall’altro Corey, Alain Delon, un prigioniero che sta per essere scarcerato. Due persone così diverse ma così uguali, legate per di più dallo stesso destino. Si incontreranno e stringeranno amicizia, si rispettano l’un l’altro tanto che i due oltre all’amicizia stringeranno un patto.
Corey, nelle scene iniziali del film, ha un dialogo con una guardia all’interno della prigione. Questa rivela come in porto ci sia un affare da miliardi, la rapina del secolo. Si deve svaligiare una gioielleria.
Corey e Vogel ora sono fianco a fianco in questa missione… il punto è, serve un tiratore.
Il migliore sulla piazza è un ex poliziotto, si chiama Jansen (Yves Montand), non è proprio il massimo.
Se la prima impressione è quella che conta, troviamo un uomo vittima di allucinazioni (la popolazione dell’armadio, topi ed animali esotici, lo perseguita o così dice).
La rapina va alla grande, si sentono i ricettatori poiché bisogna piazzare la refurtiva sul mercato, il colpo riesce e si svaligia l’intera gioielleria.
Le scene all’interno del locale sono fantastiche, tutto è sistemato e preparato nei minimi dettagli, il tiratore spara un colpo dal suo fucile di precisione (il proiettile usato viene creato dallo stesso) per azionare un interruttore.
Di pari passo alla rapina vanno le indagini, si perlustra in lungo e in largo il sottobosco criminale parigino, soprattutto i locali e le persone del giro.
Il tranello finale e il modo con cui i protagonisti continuino a sostenersi sono la ciliegina sulla torta.

DonMax

Leggi tutto

29 Gennaio 2012 in I senza nome

….film con un’atmosfera malata,senza troppe parole e con molti fatti,senza moralita’e di alto rigore stilistico.
Ho trovato come sempre ottima l’interpretazione di Volontè, che con il suo stile inimitabile riesce a rendere coinvolgenti tutte le pellicole a cui prende parte. Delon nella media e Yves Montand magnifico in una storia molto interessante e ricca di tensione un po’ stile gangster ….. nella parte iniziale (l’incontro tra i due criminali) bellissimo il finale.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.