Recensione su La bella e la bestia

/ 20177.0273 voti

Il voto sarebbe un 5.5 / 28 dicembre 2017 in La bella e la bestia

Il film di animazione della Disney del 1991 diventa, come già altri progetti, un film con attori in carne e ossa.
Un principe (Dan Stevens), ricco e arrogante che vive nel lusso e pensa solo al divertimento, subisce la maledizione di una strega e viene trasformato in una bestia, che vivrà reclusa nel suo castello.
In un villaggio vicino al castello troviamo Belle (Emma Watson), una giovane e bella ragazza che ama leggere per fuggire dalla monotonia del villaggio e che vive col padre artista Maurice (Kevin Kline).
Quando il padre subisce un attacco dei lupi, trova rifugio nel castello ma la Bestia lo fa prigioniero; Belle si offre al suo posto e tra la Bella e la Bestia inizierà un rapporto di amicizia.
La storia è abbastanza nota, la recitazione non è malvagia; però, per i miei gusti, ci sono troppi momenti musicali. Pensavo fosse un film “normale” con qualche intermezzo musicale, invece è un musical con pochi intermezzi “normali”; simpatici gli oggetti animati, soprattutto il bambino Chicco trasformato in una tazza da tè.
Purtroppo la mia “avversione” per i musical mi impedisce di dare la sufficienza al film ma a chi non disturba che i personaggi cantino ogni due scene, allora il film potrebbe essere apprezzato (come in effetti è stato).
Odioso Gaston (Luke Evans) ma è il personaggio che è così, mentre a Le Tont (Josh Gad) viene data un’impronta omosessuale (novità per i film Disney).
Nel resto del cast da citare Ewan McGregor, Stanley Tucci, Ian McKellen, Emma Thompson nei ruoli dei domestici diventati oggetti, rispettivamente il candelabro Lumiere, il clavicembalo Maestro Cadenza, il pendolo Tockins, la teiera Mrs Bric.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext