?>Recensione | Argo | Senza titolo

Recensione su Argo

/ 20127.3501 voti

26 febbraio 2013

Questo film di Affleck ricorda una certa cinematografia a stelle e strisce degli anni Settanta, con Pollack in prima fila.
Vuoi per l’argomento, vuoi per la struttura narrativa, vuoi per l’afflato, Argo sembra girato quarant’anni fa: a seconda dei punti di vista, la cosa potrebbe rappresentare un punto a favore o meno. Per quel che mi riguarda, è un fatto positivo, perché di quel tipo di cinema ho sempre apprezzato l’asciuttezza e il lavoro di Affleck è quantomai pulito, privo di sbavature e di lungaggini. Egli ha raccontato in due ore (sia lodato), con grandissima aderenza filologica (costumi e trucco ottimi) una storia complessa, forse semplificandola , rendendola fruibile ed interessante per un vasto pubblico, non mancando di criticare la CIA , nonostante qui celebri uno dei suoi agenti.

Il film non è esente da pecche: la colonna sonora, pur comprensiva di qualche buon brano, è appiccicata con lo sputo ed il patriottismo yankee è affatto latente e, quando ci si mette, fastidiosamente didascalico (la bandiera che sventola alle spalle di una coppia felice, ma va va va).
Nel complesso, decisamente apprezzabile.

7 commenti

  1. IamVertical / 4 marzo 2013

    bravissima. l’accenno al patriottismo yankee è lodevole, e segno di grande capacità di lucida analisi, da parte tua (non che debba essere io a dirtelo, lo so. ma altezze mentali come questa tua mi commuovono, nel vero senso della parola).

  2. paolodelventosoest / 4 marzo 2013

    Esigenze di produzione, ma tutto si può dire di questo film tranne che sia un repetita delle solite fanfare americaniste. E’ una restituzione storica, fotografata dal cinema; ridare alla CIA il merito di un’operazione delicatissima. Ma non mi sembra che Affleck abbia gigioneggiato sul tema, anzi è passato attraverso l’Iran impazzito di quegli anni senza mai entrare nelle stanze della tortura, e qui mi pare una gran bella svolta dai vari rambo-movies no?

    • Stefania / 4 marzo 2013

      Beh, non è un Rambo, ma non è difficile scorgere un certo “risolvo tutto io che ssò mmeregano”. Non sono documentata bene sulla vicenda, ma mi è giunta voce che persino gli inglesi abbiano avuto un certo peso nell’operazione, eppure non vi si accenna. Comprendo che le esigenze di copione, ecc. ecc. Però, questa storia del ghe pensu mì ce l’hanno nel sangue, anche quando fanno autocritica 😉 E quella bandiera sventolante con famiglia annessa… eh! 🙂

      P.s.: sei tornato dal Perù! …eri in Perù, giusto?

  3. IamVertical / 4 marzo 2013

    e poi, paolo, l’unico vero incazzato con questo film dovresti essere tu visto che ha fregato l’oscar a Lincoln 🙂 (scherzo scherzo).
    io comunque mi appoggiavo alla frase “fastidiosamente didascalico ” usata da stefania (e l’immagine che lei ha riportato mi è sembrata davvero eloquente).
    nulla di tragico e categorico quindi, però un’osservazione lecitissima – ora smetto altrimenti si imbarazza di nuovo 😉

  4. paolodelventosoest / 5 marzo 2013

    Perù? Mai stato in Perù (magari!)

Lascia un commento

jfb_p_buttontext