16 Recensioni su

X-Men - Giorni di un futuro passato

/ 20147.3458 voti

ottimo / 22 Aprile 2020 in X-Men - Giorni di un futuro passato

fantastico, finalmente un grande ritorno degli uomini X di Synger.

Il capitolo più ambiguo per i mutanti Marvel / 14 Ottobre 2018 in X-Men - Giorni di un futuro passato

“X-Men- Giorni di un futuro passato” è il settimo capitolo dei film sugli X-Men. La pellicola è molto particolare, analizzando per la prima volta la mente dei personaggi. La trama è interessante, così come l’ambientazione anni ’70. Però, l’azione è inesistente, cosa che in questo genere di film è fondamentale. Da vedere anche se non è uno dei migliori.

Leggi tutto

Stupendo / 17 Aprile 2017 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Mi ero accorto di non aver valutato questo film, rimedio ora che ho avuto l’occasione oltretutto di vedere la versione completa, la “Rogue Cut”. E’ una perfetta chiave di congiunzione tra la vecchia trilogia e i nuovi film sugli X-Men, con un 2023 nel quale le Sentinelle, create dallo scienziato Trask, distruggono i mutanti e dominano anche sugli umani. Il Prof. X e Magneto, ormai anziani, pensano ad una soluzione: inviare Wolverine (l’unico capace di poter fare una cosa del genere) nel 1973, quando Mystica uccise appunto Trask facendo di fatto iniziare l’ascesa delle Sentinelle. Sarà tutt’altro che facile, ma il film invece è davvero stupendo, ottima l’idea, mescolati benissimo i personaggi attuali con quelli del passato, ottima azione, tante scene emozionanti ed anche alcune divertenti. Sicuramente uno dei punti più alti nei film sui figli dell’atomo.

Leggi tutto

sufficiente / 5 Maggio 2015 in X-Men - Giorni di un futuro passato

sufficiente

15 Gennaio 2015 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Non mi è piaciuto. Assolutamente.
Quando ho finito di guardarlo, mi son chiesta dove fosse finita quell’ora e mezza della mia vita!
Mi è sembrato tanto un capitolo fatto per poter continuare l’infinita saga degli X-Men perché, si sa, negli ultimi tempi i film della Marvel stanno spopolando.
Probabilmente è stata anche colpa mia, che avendo adorato i capitoli precedenti, mi sono aspettata troppo. Non so. Comunque sia, gli aggiudico due stellette solo perché in fin dei conti sono pur sempre gli X-Men.

Leggi tutto

6/7 / 16 Settembre 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Che furboni che sono stati, in questo modo possono reintegrare tutti i personaggi e rifare altri millemila film sugli X-men ahah Peccato che quello immortale sia quello che mi stia più sui maroni, non so la gente cosa ci trovi in Wolverine

Poter cambiare il passato? MAGARI!!! / 30 Luglio 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ennesima puntata degli X-Men ma questa volta vado contro le molteplici critiche positive.
E spiego il perché…
Bellissima l’idea, il passaggio temporale, gli effetti speciali.
Tutto molto suggestivo. Poi i nostri eroi giovani sono molto azzeccati.
Ma quello che non ho trovato bello è proprio la conclusione.
Chi non lo avesse visto si fermasse qui perché svelo il finale.
Non dite che non vi ho avvertito…
Quando Mystica (MA QUANTO E’ BELLA… Trasformami in quello che desideri, tesoro…) non uccide il professor Trask (la causa di tutte le guerre tra mutanti e umani), praticamente il futuro da quel momento cambia tutto…
Ma proprio tutto…
E di conseguenza tutte le storie non hanno più senso, non sono mai esistite.
Tutti i mutanti morti tornano in vita.
Sono accettati, integrati nella società.
Come se non fosse successo nulla.
Il passato comunque non si può cambiare (magari potessi… acc… 🙁 ), tutto è stato già stabilito. E di conseguenza la storia DOVEVA essere mantenuta.
Così proprio no!!!
A mio avviso (quindi valore ZERO, lo riconosco) questa è una enorme toppa.
Peccato.
Mi stava piacendo parecchio.
E poi… Wolverine quando si sveglia nel passato e la prima immagine che vede è….
LA MIA SPLENDIDA LAMPADA ANNI ’60!!!!!
E’ IDENTICA!!!
MITICA!!!!!
Ad maiora!

Leggi tutto

13 Luglio 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Al cinema gli x men meritano proprio. Molto carino e begli effetti 🙂

Soddisfattissima / 11 Giugno 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Proprio come mi aspettavo e speravo che fosse! Divertente e veloce, l’ho preferito di molto a quello precedente. Le interpretazioni di James McAvoy e Micheal Fassbender richiamano alla perfezione quelle degli attori che interpretano loro stessi più vecchi. Poi che dire: Jennifer Lawrence sempre perfetta, Hugh Jackman sempre più fisicato (nella scena della stanza da letto temevo che gli scoppiasse una vena del braccio da un momento all’altro).
Epilogo stupendo, giuro che quando ho visto Jean ho cominciato a scodinzolare.

Leggi tutto

PERFETTO / 5 Giugno 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Bello ,divertente ,veloce ,figo e cavolo che personaggi ,ognuno si incastra perfettamente con la sua copia giovane interpretata benissimo da tutti gli attori.
Non era facile fare un prequel cosi’ ,riuscendo a spiegare e a inserire tutte le figure viste fino ad ora anche nei vari filler . COMPLIMENTI.
DA VEDERE ,SICURAMENTE PIU’ DI MOLTI ALTRI DELLA SAGA

Cambiare il passato per avere un futuro / 3 Giugno 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Eravamo rimasti a quel First Class, uno spin-off modesto da parte dei produttori per riprendere in mano il marchio del gruppo di mutanti marveliani dopo la chiusura della trilogia principale. Proprio per la natura modesta di quel “primo” film e per quello scetticismo che aveva scaturito con la sua uscita, non ci si aspettava granché (almeno da parte mia) per questo seguito. E’ stato bello vedere che, nel suo piccolo, questo nuovo capitolo dedicato a Logan e compagni è stato in grado di stupirmi. Ok, parliamo sempre di una pellicola d’intrattenimento, un blockbuster con annessi effetti speciali e tutte le caratteristiche del genere, ma alla fine questo film riesce a valere quel qualcosina in più.
X-Men Giorni di un futuro passato è una pellicola dal sapore nostalgico, quasi romantica, che riporta a galla nella mente dello spettatore tutti i vecchi lungometraggi a tema di Singer (e non solo). E’ lo stesso regista che, furbescamente, costruisce una storia che preme proprio su questo preciso bottone. Ed è bravo anche (seppur non perfetto) nell’andare a scovare e riposizionare tutti i pezzi: se la Marvel ha varato da anni la nascita del suo personale universo cinematografico, Singer, con questa pellicola sembra voler consacrare gli X-Men come un mondo a sé stante, lontano (per ora) dai vari Thor, Hulk, Ironman, Spiderman e compagnia. Non solo. Questo film suona quasi come una sorta di affermazione da parte di Singer, come un avviso. Qualcosa come “gli X-Men sono miei ed a loro ci pensavo, ci penso e ci penserò io”.
Passando al lato più tecnico, si può dire che il cast è promosso. Nonostante i nomi presenti, non è sempre scontato ottenere un risultato positivo sotto questo punto di vista, ma in questo caso si riesce a fare centro. Anche la colonna sonora è da premiare e si rivela molto godibile in alcuni punti. La storia, che ho letto essere ispirata ad un fumetto di Chris Clermont, è apprezzabile e riesce a coinvolgere.
I “giorni di un futuro passato” dei mutanti attualmente sono radiosi. Cosa li aspetta domani solo il tempo potrà dirlo.

Leggi tutto

2 Giugno 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Mi dispiace, ma Days of future past non raggiunge il livello sperato e non eguaglia gli ultimi film della Marvel (The Winter Soldier & The Amazing Spiderman 2, per esempio, anche se è superiore a Thor: The Dark World).
In più hanno tralasciato proprio la cosa per cui io ero in ansia di vedere il film: come ha fatto Charles a sopravvivere a Phoenix (vedere: Conflitto Finale)?
A parte delle mie contorte teorie spaziotemporali, del tipo: mbeh, forse è vivo perché in quel futuro Phoenix non lo ha ucciso – ma questo significherebbe che quando va da Magneto (perché oh, se mettono una scena dopo i titoli di coda di The Wolverine, la gente la guarda e la tiene a mente) sta venendo dal futuro, o qualcosa del genere, visto che in quell’universo è morto, e nel film dicono che solo Wolverine, grazie al fattore rigenerante, può reggere un viaggio del genere, quindi fate voi. In più non hanno nemmeno evitato Conflitto Finale, tant’è che c’è un flashback in cui si vede chiaramente Wolverine che uccide Jean.
Non so, o sono scema io, ed una spiegazione c’è (e se c’è, prego chiunque sappia, di illuminarmi sulla questione), oppure non sapete incastrare i film manco pe’ niente.
Comunque, carino, se non altro gli eventi del film si incastrano tra di loro – ma hanno tralasciato quel dettaglio in particolare di Conflitto Finale ed io volevo sapere.

Leggi tutto

Però questa Lawrence e questo cast… / 2 Giugno 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Totalmente sorpreso, in maniera positiva, riguardo a questo secondo nuovo capitolo degli X-Men, dico secondo perchè oggettivamente è il secondo con il nuovo cast, anche se va a combaciarsi con il vecchio lo vedo come frutto di una nuova ( possibile?) trilogia. Come amante dei fumetti dovrei forse dire BLEAH ma non posso che adorare invece Jennifer Lawrence nei panni di Mystica ( oh lei è brava davvero allora) e notare come molte imperfezioni lasciate marcire negli anni siano state un po’ curate o quanto meno rimpicciolite. La storia ha molto fascino ( viene da una graphic novel tutta sua se non vado errato) e ha mordente per mandare avanti il film in due ore di azione controllata. Un dei capitoli ” fumettistici” di maggior successo al cinema secondo me fino ad oggi, benchè i Vendicatori facciano urlare le folle, sono questi i film che avvicinano le persone ai fumetti Marvel.
Ottima capacità anche di riuscire a gestire tutti e renderli reali al fianco l’uni degli altri.
Mi è piaciuto seriamente.

Leggi tutto

Tutto si incastra! / 29 Maggio 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Un 7…ma forse merita di più. Anche se c’è poca azione rispetto alle altre pellicole, qui cominciano a combaciare i pezzi, con i personaggi che interagiscono tra passato e futuro, tra domande e risposte… Ancora delle questioni rimaste irrisolte, ma il destino si può cambiuare, come anche la storia è cambiata… Non anticipo niente, ma per gli amanti degli X-men questo film è d’impatto! In attesa di “Apocalypse” in uscita a maggio 2016… ahimè!

Leggi tutto

Il voto sarebbe un 7.5 / 26 Maggio 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

Bellissima la scena iniziale a Mosca, con le Sentinelle che danno la caccia ai mutanti.
Qui troviamo un nuovo gruppo di mutanti tra cui Alfiere (interpretato da Omar Sy, quello di Quasi amici) che verranno poi raggiunti da quelli più noti come il Professor Xavier (Patrick Stewart), Magneto (Ian McKellen), Wolverine (Hugh Jackman).
Grazie ai suoi poteri, Kitty Pride (bravissima Ellen Page) riesce a mandare la coscienza di Wolverine (l’unico che potrebbe sopportare il “viaggio nel tempo”) nel passato e precisamente nel 1973 quando l’uccisione di Trask (Peter Dinklage, visto nel Trono di Spade, una recitazione più che all’altezza ;-)) da parte di Mystica (la splendida Jennifer Lawrence) ha dato inizio alla fine della libertà dei mutanti e al futuro apocalittico che abbiamo visto nel prologo.
Buon mix tra i personaggi della trilogia degli X-Men con quelli visti in X-Men l’inizio; bravissimi James McAvoy (il giovane Charles Xavier) e Michael Fassbender (il giovane Magneto) come i corrispettivi “anziani”.
Oltre all’azione e un pò di ironia (soprattutto grazie a Wolverine, bella la scena con il metal detector), un buon mix di Mutanti che spiccano con le loro caratteristiche; bellissima la scena ambientata a Saigon ma tutto il film mantiene un buon ritmo. Forse fin troppi personaggi (difficile citarli tutti), dispiace quasi che qualche mutante resti solo sullo sfondo; come quelli di Saigon ma anche il gruppo iniziale con Alfiere, Colosso, Warpath e Blink viene poco approfondito.
Fantastico il personaggio di Pietro Maximoff (QuickSilver), che con un attore diverso comparirà anche in “The avengers 2”.
Essendo un film Marvel, aspettatevi la scena dopo i titoli di coda anche se non mi è sembrata così fondamentale (forse per chi conosce il fumetto, coglierà riferimenti a me sfuggiti).

Leggi tutto

X-Men giorni di un futuro passato – Ogni tassello al proprio posto / 26 Maggio 2014 in X-Men - Giorni di un futuro passato

La saga dei mutanti Marvel si conferma anomalia cinematografica di rischiosa e riuscita bellezza. Le necessarie libertà prese dalla materia di origine, sono un “nemico” che i vari registi susseguitesi alla direzione deegli episodi ufficiali e non, si sono ritrovati ad affrontare (traducibile nell’odio dei fan a seconda delle scelte compiute). Dal fumetto alla celluloide la vera mutazione sta nel conseguire una parabola che riesca a trovare una naturale compattezza, nonostante l’arco temporale che separa le maglie di una catena/storia che con questo ultimo capitolo consegna allo sguardo la vera “first class”, di Vaughiana memoria, passando attraversando le derive temporali/visive di Mangold, Synger e Ratner. E’ proprio il padre cinematografico della saga, Bryan Singer a raccogliere un testimone tutt’altro che leggero, realizzando la pellicola più spettacolare ed epica dell’intero universo X, trovando assieme alla salvezza dei personaggi anche la personale redenzione registica. Staccato dalla forma imposta dal Marvel Studio la saga mutante può, riuscendoci, reggersi su un corpo cinema perfettamente plasmato sulle esigenze del pubblico tutto, oltre ai fan delle tavole. Attingendo a piene mani da un materiale di partenza che permette innumerevoli letture ed interpretazioni dello stesso, “X-Men: giorni di un futuro passato” erige un mondo cinematografico “altro” coerente e debitore (ma non del tutto rispettoso) della storia originale, che ha pochi eguali in quanto a spettacolarità e complessità della trama, convincendo occhi e cervello allo stesso tempo (è ancora però troppo freddo per arrivare al cuore). Avanti e indietro nel tempo con la velocità di 24 fotogrammi al secondo, questa avventura parte da un futuro distopico per trasportarsi in un passato alternativo da modificare per evitare la catastrofe, omaggiando ed allo stesso tempo mettendo fine alla presenza del cast “storico”, lasciando la continuazione ai nuovi volti conosciuti in “X-Men: L’inizio”. Unico ponte tra ieri e oggi (e due generazioni diverse di attori e spettatori), è il personaggio di Wolverine (Hugh Jackman), che perde la centralità di cui ha sempre goduto a favore di Magneto (Michael Fassbender che eredità magnificamente il ruolo di Ian McKellen) e al Professor Xavier (James McAvoy che al secondo giro nei panni del personaggio fa dimenticare Patrick Stewart), nuovi protagonisti del futuro della saga. Bryan Singer stupisce per quasi tutti i 130 minuti di film, con una regia capace di valorizzare le interpretazioni senza utilizzare gli effetti speciali come stampella per colmare lacune narrative, prova lampante di questo è la sequenza dell’evasione di Magneto dal pentagono, ma anche quella di apertura dove vediamo per la prima volta le sentinelle. Eternamente in conflitto tra passato e futuro “X-men: giorni di un futuro passsato”, intrattiene e riesce a non essere pura estetica o peggio una pellicola “made for fan”, grazie ad una sceneggiatura capace di bilanciare momenti caotici e descrittivi, riscrivendo le regole cinematografiche con cui la saga è arrivata fino ad ora e proprio come nel film, adesso il futuro non è mai stato così incerto e stimolante.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.