1969

Un uomo da marciapiede

/ 19697.685 voti
Un uomo da marciapiede
Un uomo da marciapiede

In fuga da un passato da dimenticare e da un presente senza prospettive, il giovane texano Joe Buck si trasferisce a New York con la convinzione di riuscire a diventare un gigolo e fare un mucchio di soldi; ma far fortuna nella Grande Mela si rivela molto più difficile del previsto e Joe si ritrova a vivere di espedienti in compagnia di un truffatore di bassa lega conosciuto in un bar, 'Sozzo' lo zoppo. Tratto dall'omonimo romanzo di James Leo Herlihy, nel 1970 il film si aggiudicò ben tre premi Oscar: 'Miglior film' a Jerome Hellman, 'Migliore regia' a John Schlesinger e 'Migliore sceneggiatura non originale' a Waldo Salt.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: Midnight Cowboy
Attori principali: Jon Voight, Dustin Hoffman, Sylvia Miles, John McGiver, Brenda Vaccaro, Barnard Hughes, Ruth White, Jennifer Salt, Georgann Johnson, Bob Balaban, M. Emmet Walsh, Randall Carver, Anthony Holland, Bill Walters, Marlene Clark, Viva, Paul Benjamin, Mary Boylan, Gilman Rankin, T. Tom Marlow, George Eppersen, Jan Tice, Al Scott, Linda Davis, Arlene Reeder, Jonathan Kramer, Arthur Anderson, Tina Scala, Alma Felix, Richard Clarke
Regia: John Schlesinger
Sceneggiatura/Autore: Waldo Salt
Colonna sonora: John Barry
Fotografia: Adam Holender
Costumi: Ann Roth
Produttore: Jerome Hellman
Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Durata: 113 minuti

8 / 8 aprile 2016 in Un uomo da marciapiede

Non andrei con un cowboy neanche se fosse lui a pagarmi , ma il film è proprio bello bello

Sesso, losers e una canzone indimenticabile / 28 febbraio 2016 in Un uomo da marciapiede

Premiato con tre oscar di peso (miglior film, regia e sceneggiatura non originale), Midnight cowboy è un film epocale, una delle pellicole che diedero il là all'esperienza della Nuova Hollywood, che rivoluzionò il cinema americano tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta.
Introducendo il tema del "loser" e mostrando il vero volto della... continua a leggere » vita nelle metropoli, Un uomo da marciapiede abbandonava i lustrini dell'età classica portando lo spettatore a fare i conti con una visione disincantata dell'America.
I protagonisti sono un gigolò improvvisato - che gira con il suo abito da cowboy, segnando simbolicamente il tramonto dell'epoca dei duri dei film western - e uno storpio che vive di espedienti e abita in un appartamento pericolante, abbandonato in attesa della demolizione.
Due personaggi come loro non si erano ancora visti in una pellicola di Hollywood. Eppure abbondavano per le strade, a dimostrazione di quanto distante dalla realtà fosse il cinema dell'età classica, borghese e asettico.
Il tema del sesso fa ingresso prepotentemente sul grande schermo dopo lo sdoganamento sessantottino: sia per il ruolo del protagonista, che fa l'amore a pagamento (non sempre riuscendoci) con donne dell'alta società newyorkese; sia per il tema dell'omosessualità (lo stesso Joe, nel periodo più difficile del suo soggiorno nella Grande Mela, non può che constatare come gli unici clienti interessati a lui siano quelli del suo stesso sesso); sia per la rappresentazione piuttosto esplicita (per l'epoca) di alcuni incontri sessuali.
Niente di che, viste col metro di oggi, ma allora certe scene fecero scandalo, portando inizialmente (non solo in Italia, dove ciò era la regola, bensì negli stessi Stati Uniti) ad un visto censura sicuramente eccessivo, di quelli che si riservavano ai film pornografici o pseudo-tali.

Jon Voight, al suo primo ruolo da protagonista (discreta la sua prova), è affiancato da un ottimo Dustin Hoffman che dopo Il laureato era lanciatissimo nel panorama degli interpreti americani di nuova generazione.
Lascia perplessi però il suo doppiaggio, non di certo per la voce del grande Ferruccio Amendola, bensì per la scelta dello pseudo-dialetto napoletano che connota la parlata di Rico alias Sozzo (sarebbe stata meglio una mera inflessione).
Indimenticabile la canzone scelta per accompagnare diverse scene del film, la bellissima Everybody's Talkin' di Harry Nilsson.
Schlesinger, l'ennesimo regista inglese prestato ad Hollywood, si sbizzarrisce nei flashback in cui Joe ricorda il suo passato segnato da bigottismo e violenze (domestiche e non solo) con ricostruzioni frenetiche segnate da un montaggio ai limiti del subliminale.

Un film da vedere / 7 gennaio 2014 in Un uomo da marciapiede

Era tanto che non lo ripassavo nel mio MoviePlayer, e devo dire che il piacere è sempre lo stesso, anche se maturando ne apprezzi sfumature che ti erano di anzi sfuggite.
Chissà quanti giovani di campagna avranno vissuto vicende simili a quelle del protagonista, la fotografia della NY fine anni sessanta è cruda e devastante, la lotta per sopravvivere... continua a leggere » è dura e poco spazio trovano in questo contesto, lealtà ed amicizia.
Joe splendidamente interpretato da John Voigth, deve adattarsi velocemente alla dura legge della strada se non vuole esserne sopraffatto, in questo il Sozzo (magistrale Dustin Hoffman) ne sarà suo malgrado il mentore, ed il rapporto che sboccerà tra i due avrà momenti di compassione e poesia assoluti.
Nonostante sia uscito nel 1969 lo trovo un film attualissimo ed inossidabile al tempo direi, mi piace molto il modo in cui sono sviluppati i flash back di Joe, le riprese on the road. I dialoghi anche in italiano mi sembrano godibili, la colonna sonora è oramai nella storia. Buona visione.