1969

Un uomo da marciapiede

/ 19697.685 voti
Un uomo da marciapiede
Un uomo da marciapiede

In fuga da un passato da dimenticare e da un presente senza prospettive, il giovane texano Joe Buck si trasferisce a New York con la convinzione di riuscire a diventare un gigolo e fare un mucchio di soldi; ma far fortuna nella Grande Mela si rivela molto più difficile del previsto e Joe si ritrova a vivere di espedienti in compagnia di un truffatore di bassa lega conosciuto in un bar, 'Sozzo' lo zoppo. Tratto dall'omonimo romanzo di James Leo Herlihy, nel 1970 il film si aggiudicò ben tre premi Oscar: 'Miglior film' a Jerome Hellman, 'Migliore regia' a John Schlesinger e 'Migliore sceneggiatura non originale' a Waldo Salt.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: Midnight Cowboy
Attori principali: Jon Voight, Dustin Hoffman, Sylvia Miles, John McGiver, Brenda Vaccaro, Barnard Hughes, Ruth White, Jennifer Salt, Georgann Johnson, Bob Balaban, M. Emmet Walsh, Randall Carver, Anthony Holland, Bill Walters, Marlene Clark, Viva, Paul Benjamin, Mary Boylan, Gilman Rankin, T. Tom Marlow, George Eppersen, Jan Tice, Al Scott, Linda Davis, Arlene Reeder, Jonathan Kramer, Arthur Anderson, Tina Scala, Alma Felix, Richard Clarke
Regia: John Schlesinger
Sceneggiatura/Autore: Waldo Salt
Colonna sonora: John Barry
Fotografia: Adam Holender
Costumi: Ann Roth
Produttore: Jerome Hellman
Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Durata: 113 minuti

8 / 8 aprile 2016 in Un uomo da marciapiede

Non andrei con un cowboy neanche se fosse lui a pagarmi , ma il film è proprio bello bello

Sesso, losers e una canzone indimenticabile / 28 febbraio 2016 in Un uomo da marciapiede

Premiato con tre oscar di peso (miglior film, regia e sceneggiatura non originale), Midnight cowboy è un film epocale, una delle pellicole che diedero il là all'esperienza della Nuova Hollywood, che rivoluzionò il cinema americano tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta. Introducendo il tema del "loser" e mostrando il vero volto della... continua a leggere »

Un film da vedere / 7 gennaio 2014 in Un uomo da marciapiede

Era tanto che non lo ripassavo nel mio MoviePlayer, e devo dire che il piacere è sempre lo stesso, anche se maturando ne apprezzi sfumature che ti erano di anzi sfuggite. Chissà quanti giovani di campagna avranno vissuto vicende simili a quelle del protagonista, la fotografia della NY fine anni sessanta è cruda e devastante, la lotta per sopravvivere... continua a leggere »