The Social Network

/ 20106.9856 voti
The Social Network

2004. Mark Zuckerberg è un ventenne particolarmente portato per l'informatica ed è iscritto ad Harvard: appena scaricato da una ragazza, nell'arco di una sera, progetta e mette online un sito, Face Mash, grazie al quale è possibile accedere agli archivi fotografici dell'università e votare le ragazze del campus in base alla loro bellezza. E' solo l'inizio della storia di Facebook.
Andrea ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Social Network
Attori principali: Jesse EisenbergAndrew GarfieldJustin TimberlakeArmie HammerMax MinghellaRooney Mara, Brenda Song, Rashida Jones, John Getz, David Selby, Denise Grayson, Douglas Urbanski, Joseph Mazzello, Wallace Langham, Patrick Mapel, Dakota Johnson, Malese Jow, Bryan Barter, Barry Livingston, Shelby Young, Abhi Sinha, Mariah Bonner, Mark Saul, Cedric Sanders, Inger Tudor, Emma Fitzpatrick, John Hayden, James Shanklin, Oliver Muirhead, Scott Lawrence, Caitlin Gerard, Jared Hillman, Adina Porter, Felisha Terrell, Amy Ferguson, Peter Holden, Trevor Wright, Dustin Fitzsimons, Chris Gouchoe, Toby Meuli, James Dastoli, Robert Dastoli, Scotty Crowe, Marcella Lentz-Pope, Randy Evans, Carrie Armstrong, Josh Pence, Pamela Roylance, Brian Palermo, Brett Leigh, Cali Fredrichs, Nancy Linari, Aaron Sorkin, Kyle Fain, Christopher Khai, Alex Reznik, Monique Edwards, Cayman Grant, Darin Cooper, Lacey Beeman, Cherilyn Wilson, Jeff Martineau, Caleb Landry Jones, Franco Vega, Andrew Thacher, Inbal Amirav, Noah Baron, Jesse Heiman, David Broyles, Mike Bash, Tony Calle, Elliott Ehlers, Brett A. Newton, Nathan Dean Snyder, Patrick Michael Strange, Kristen Clement, Tatum Miranda, Chad Davis, Calvin Dean, Tony DeSean, Vincent Rivera, Jeffrey Feingold, Jason Flemyng, Carlos Foglia, Bryan Forrest, Jessica Franz, Eli Jane, Sara Murphy, Kandis Mak, Eric La Barr, Naina Michaud, Riley Voelkel, Miriam Pultro, Tia Robinson, Jeff Rosick, Alexandra Ruddy, Adrienne Rusk, Rebecca Tilney, Georgina Tolentino, Cooper Conley-Currier
Regia: David Fincher
Sceneggiatura/Autore: Aaron Sorkin
Colonna sonora: Trent Reznor, Atticus Ross
Fotografia: Jeff Cronenweth
Costumi: Jacqueline West
Produttore: Kevin Spacey, Scott Rudin, Michael De Luca, Ceán Chaffin, Dana Brunetti
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Biografico
Durata: 121 minuti

buono / 19 Settembre 2016 in The Social Network

Le cose andarono più o meno così! Il film è ben fatto, soprattutto se si è appassionati d’informatica ti tiene incollato allo schermo senza la minima noia!

CHE STORIA… / 20 Novembre 2014 in The Social Network

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

2o anni, americano, mago dell’informatica, da un triste e doloroso pretesto (lasciato dalla ragazza) s’inventa un gioco sulla rete per votare le ragazze prese negli archivi delle varie scuole. Da questo evento (tutto in una notte per giunta) nasce piano piano l’idea del social più famoso del mondo.
Ma ci sono anche dei lati oscuri sulla nascita di FACEBOOK; inoltre la personalità di Mark Zuckerberg esce soprattutto nel finale, un ragazzo miliardario ma solo.
Mi è piaciuto molto come film anche perché ero curioso della storia che non conoscevo bene. E i vari intrecci la rendono ancora più interessante.
Girato bene e interpretato alla grande.
Interessante e quindi bello…
Non sono universitario ma anche sto su FB quindi GRAZIE MARK… 😉
Ad maiora!

Leggi tutto

10 Dicembre 2013 in The Social Network

Fincher stavolta azzecca in pieno la scelta della struttura narrativa scomposta per descrivere una storia intrigante sul tema attualissimo di Facebook e del suo fondatore. Ne emergono lati oscuri della personalità, il cinismo ma nello stesso tempo un senso di inferiorità verso una parte della società che risulta essere motore di tutto. Sorprendente.

14 Giugno 2013 in The Social Network

Mi è piaciuto molto, nonostante la storia di per se non fosse così tanto avvincente. Promosso!

Fincher ritorna allo spot / 18 Febbraio 2013 in The Social Network

Fincher, a differenza dei protagonisti del film, non ha dubbi su cosa ingrassi per bene il conto in banca… Prende un marchio dal “bottino” sicuro, ci intorta su una storia di una banalità sconcertante, condita da slogan di facile presa giovanilistica e, giusto per dare un alone pseudo intellettuale, chiude il tutto con la solita ipocrisia hollywoodiana… Commerciale, patinato e ruffiano, insomma un prodotto per l’academy…

Leggi tutto