David Fincher: scheda regista con i suoi film e la biografia completa

Male
David Fincher

David Fincher: gli esordi con effetti speciali, pubblicità e musica

David Andrew Leo Fincher, meglio noto come David Fincher, è un regista e produttore cinetelevisivo statunitense.
Appena diciottenne, Fincher inizia a lavorare in una piccola casa di produzione cinematografica e, poco tempo dopo, viene assunto dall’azienda di produzione di effetti speciali Industrial Light & Magic di George Lucas. In questi anni, lavora a film come “Il ritorno dello Jedi” (1983) di Richard Marquand, “La storia infinita” (1984) di Wolfgang Petersen e “Indiana Jones e il tempio maledetto” (1984) di Steven Spielberg.
Intorno alla metà degli anni Ottanta, Fincher entra nel mondo della pubblicità, per dirigere spot di marchi famosi come Nike, Levi’s, Coca-Cola, Converse e Chanel. In questo periodo, firma anche la regia di videoclip musicali di noti cantanti e band anlogofoni, come Madonna, Aerosmith, George Michael e Billy Idol. Inizia la collaborazione artistica con Trent Reznor dei Nine Inch Nails.
Nel 1986, Fincher fonda una casa di produzione, la Propaganda Films.

La filmografia di David Fincher: tanti film cult, da “Se7en” a “Gone Girl”

David Fincher esordisce alla regia cinematografica con il film di fantascienza “Alien³” (1992), secondo sequel del cult “Alien” (1979) di Ridley Scott.
Poco dopo, arriva il grande successo internazionale, grazie al film thriller “Se7en” (1995) con Brad Pitt, Morgan Freeman e Kevin Spacey.
Da questo momento, la filmografia di Fincher si arricchisce di film entrati presto nell’immaginario collettivo grazie alla loro miscela di virtuosistica tecnica cinematografica e storie intriganti, ricche di fascino e mistero: “The Game – Nessuna regola” (1997) con Michael Douglas; “Fight Club” (1999), dal romanzo di Chuck Palahniuk, con Edward Norton e Brad Pitt; “Panic Room” (2002) con Jodie Foster e una giovanissima Kristen Stewart; “Zodiac” (2007) con Jake Gyllenhaal e Robert Downey Jr.; “Millennium – Uomini che odiano le donne” (2011), remake dell’omonimo film svedese tratto dal romanzo cult di Stieg Larsson, con Daniel Craig e, ancora, la Mara; “L’amore bugiardo – Gone Girl” (2014) con Ben Affleck e Rosamunde Pike.
Per i film “Il curioso caso di Benjamin Button” (2008) con Brad Pitt e “The Social Network” (2010) con Jesse Eisenberg, Andrew Garfield, Justin Timberlake, Armie Hammer e Rooney Mara, Fincher riceve la nomination agli Oscar come miglior regista.

“House of Cards” e “Mindhunter”: le serie tv di Fincher

Fincher lavora anche in televisione, come regista e produttore di famose serie tv come i telefilm originali Netflix “House of Cards – Gli intrighi del potere” (2013), grazie a cui vince un Emmy come miglior regista di una serie drammatica, e “Mindhunter” (2017-), con cui rinnova ancora una volta la sua passione per i serial killer.

Luogo di nascita: Denver, Colorado, USA
Data di nascita: 28/08/1962

    Regista (14)

    Lascia un commento

    jfb_p_buttontext