Recensione su State of Play

/ 20096.8116 voti

25 Dicembre 2012

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Chiedo innanzitutto scusa perché continuo a vedere dei film con Russell Crowe. Qui non ha più una scopa a unire culo e cervello di un brillante matematico ma fa di nuovo la parte dello scoppiatone trasandato. Russell è un giornalista old style che si trova a dover indagare su di un caso di omicidio politico-sessuale in cui si trova invischiato un suo amico di collegio pezzo grosso. Il film è robusto e fa tutto quel che deve, thriller giornalistico, colpi di scena, lui con la macchina scassatissima e la pancia da birra, oltre a a dei capelli improponibili, che però, pian piano e a concentrici cerchi, scopre tutto, e dopo ancora più tutto ecc. E’ da notare perché c’è la giornalista (figa) BLOGGER che lo affianca nelle indagini. Un film in cui si dice “blog” almeno quattro volte! ‘nteressante.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext