New York Stories

/ 19896.573 voti
New York Stories

Film in tre episodi. Il primo, di Scorsese, racconta le giornate del pittore metropolitano Lionel Dobie, a ridosso di una mostra importante. Il secondo episodio, a regia di Coppola, ci mostra le piccole avventure di una dodicenne, Zoe, i cui genitori sono sempre in giro per il mondo per lavoro. Il terzo è di Woody Allen, che interpreta un avvocato in analisi a causa delle nevrosi provocate dal suo rapporto con la madre.
hartman ha scritto questa trama

Titolo Originale: New York Stories
Attori principali: Nick NolteNick NolteRosanna ArquetteRosanna ArquetteSteve BuscemiSteve BuscemiJesse BorregoJesse BorregoPatrick O'NealPatrick O'NealHeather McComb, Talia Shire, Giancarlo Giannini, Don Novello, James Keane, Woody Allen, Mae Questel, Mia Farrow, Julie Kavner, Marvin Chatinover, Molly Regan, Ira Wheeler, Joan Bud, Jessie Keosian, Michael Rizzo, George Schindler, Bridgit Ryan, Larry David, Paul Herman, Herschel Rosen, Lola André, Holly Marie Combs, Illeana Douglas, Kirsten Dunst, Martin Scorsese, Brigitte Bako, Chris Elliott, Adrien Brody, Carole Bouquet, Debbie Harry, Mostra tutti

Regia: Francis Ford CoppolaFrancis Ford CoppolaMartin ScorseseMartin ScorseseWoody AllenWoody Allen
Sceneggiatura/Autore: Francis Ford Coppola, Woody Allen, Sofia Coppola, Richard Price
Colonna sonora: Carmine Coppola
Fotografia: Vittorio Storaro, Néstor Almendros, Sven Nykvist
Costumi: Sofia Coppola, Jeffrey Kurland, John Dunn
Produzione: Usa
Genere: Commedia
Durata: 124 minuti

Dove vedere in streaming New York Stories

Pillole di New York / 30 Agosto 2016 in New York Stories

Tre cineasti che amano e che, nella loro cinematografia, hanno ampiamente rappresentato New York in epoche e situazioni profondamente diverse raccontano ancora la loro città attraverso un trittico di “racconti brevi”, in grado di descrivere alcuni dei tanti “strati sociali” (quelli più alti, in realtà: artisti e professionisti, perlopiù) che la compongono.

Affidandosi a Nick Nolte e a Rosanna Arquette, Scorsese riprende l’ambiente artistico già tratteggiato in Fuori Orario e si muove tra vernissage e loft sporchi di tempere per imbastire un racconto a base di narcisismi (e buona musica).

A ridosso del terzo capitolo de Il Padrino, Francis Ford Coppola lavora ancora con la figlia Sofia (qui, co-sceneggiatrice e costumista) e sforna una favola metropolitana ambientata in una delle dimensioni socio-architettoniche più tipiche della Grande Mela, l’hotel con residenti stanziali, in cui compaiono una giovanissima Heather McComb, Talia Shire e Giancarlo Giannini (nel ’92, l’attore italiano avrebbe partecipato al film Toys di Coppola, disegnando alcuni oggetti di scena, come una delle giacche indossate da Robin Williams) che (suggestione?) potrebbe attingere a piene mani proprio dai ricordi di Sofia-bambina, adulta in miniatura impegnata a fare shopping d’alto bordo con una certa spocchia, a organizzare party in costume (eccallà), a ricucire il rapporto tra i genitori artisti ed egocentrici. Una sorta di Eloise al Plaza un po’ cresciuta, per intenderci.

Woody Allen, infine, si produce in un racconto alleniano al 100%, con le sue tipiche nevrosi e i suoi rapporti irrisolti con le donne (nel cast, anche Mia Farrow), impegnato a muoversi tra studi di avvocati e di analisti, teatri, antri pseudo-sciamanici, pittoreschi negozi di quartiere, skyline di Manhattan. Divertente incontrare per pochi minuti uno degli alter ego di Allen: Larry David, Boris Yellnikoff in Basta che funzioni (2009), fa la sua comparsa dietro le quinte di uno spettacolo di magia.

Dei tre episodi, ho preferito quello di Allen per via del suo mood surreale, ma, nel complesso, ho apprezzato l’intero progetto: pillole di cinema e di New York da assaporare anche in momenti separati.

Leggi tutto

5 Aprile 2013 in New York Stories

Ho apprezzato maggiormente due dei tre episodi: quelli di Scorsese ed Allen sono stati belli in maniera opposta, ovviamente. Il primo ha caricato di emozioni il proprio episodio anche attraverso la descrizione della figura de “l’artista maledetto”, il secondo di Allen (amordemivida) divertente, brillante, leggero. L’episodio di Coppola è una gioia per gli occhi…ebbast.
Comunque sia, dovrò riguardarlo.

Leggi tutto

25 Gennaio 2013 in New York Stories

Il primo episodio (Scorsese), lirico e un pò beat, racconta le frenesie di un’artista innamorato della propria assistente, meravigliosamente interpretato da Nick Nolte. Ottimo il contributo della musica, onnipresente e sempre espressiva.
Il secondo episodio (Coppola) è a mio avviso il peggiore e più scialbo dei tre e inevitabilmente tira giù la media complessiva del film.
Il terzo (Woody Allen) è invece geniale e divertente: il mezzo busto della madre sospeso nei cieli di Manhattan, impegnata a intrattenere i passanti con i particolari più imbarazzanti della infanzia e gioventù del figlio, è un’altra delle straordinarie idee del genio newyorkese, che scimmiotta la figura della mom ebraica. Edipo re-litto (Oedipus Wrecks) è l’azzeccato titolo dell’episodio.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.