Sven Nykvist: tutti i film in cui ha partecipato, biografia, filmografia completa

Male

Sven Nykvist era considerato da molti nel settore uno dei più grandi direttori della fotografia del mondo. Durante la sua lunga carriera che ha attraversato quasi mezzo secolo, Nyvist ha perfezionato l’arte della cinematografia ai suoi attributi più semplici e ha contribuito a dare ai film su cui aveva lavorato l’aspetto più semplice e naturale che si possa immaginare. In effetti, il signor Nykvist era orgoglioso della semplicità e della naturalezza dei suoi schemi di illuminazione. Nykvist ha usato la luce per creare l’atmosfera e, più significativamente, per far risaltare i toni naturali della carne nel viso umano in modo che l’emozione della scena potesse essere riprodotta sul viso senza che la luce diventasse invadente.

Nykvist è entrato nell’industria cinematografica svedese quando aveva 19 anni e si è fatto strada fino a diventare un direttore della fotografia. Ha lavorato per la prima volta con il leggendario regista svedese Ingmar Bergman sul film Una vampata d’amore (1953), ma la sua collaborazione con Bergman è iniziata seriamente con La fontana della vergine (1960). Da quel momento in poi, Nykvist ha sostituito il grande Gunnar Fischer come cameraman di Bergman, ei due uomini hanno avviato una collaborazione che sarebbe durata un quarto di secolo. Il passaggio da Fischer a Nykvist ha creato una netta differenza nell’aspetto dei film di Bergman. Per molti aspetti, era come la differenza tra Caravaggio e Rembrandt. L’illuminazione di Fischer era uno studio sulla luce e l’oscurità, mentre Nykvist preferiva un approccio più naturalistico e sottile che per molti versi si basava sulle composizioni dell’aurora boreale di molti grandi pittori scandinavi.

Il lavoro di Nykvist con Bergman è una delle collaborazioni più gloriose nella storia del cinema. Nykvist ha creato un look decisamente diverso per ogni puntata della Trilogia di Fede di Bergman. Come in uno specchio (1961) aveva una qualità quasi soffocante, e Il silenzio (1963) rievocano i tempi dell’espressionismo tedesco. Luci d’inverno (1963), la parte centrale della trilogia, potrebbe benissimo essere l’opera più perfetta del repertorio di Nykvist. Dopo aver studiato attentamente la luce in una vera chiesa provinciale, ha poi ricreato i sottili cambiamenti nella luce man mano che la giornata avanzava su un palcoscenico di Stoccolma. In effetti, è difficile credere che il film sia stato girato su un palcoscenico e non in una vera chiesa nel nord della Svezia. Per Persona (1966), Nykvist ha fatto molto affidamento sul famoso Midnight Sun svedese. Nel Passione (1969), Nykvist è stato in grado di catturare l’aspetto freddo, umido e malinconico di Faro, uno dei primi film a colori di Nykvist. Sia Nykvist che Bergman erano entrambi molto riluttanti a girare a colori. Ha creato uno studio affascinante del bianco e del rosso in Sussurri e grida (1972), per il quale Nykvist ha vinto un Oscar. Ha vinto di nuovo un Oscar per l’ultimo lungometraggio teatrale realizzato da Bergman, Fanny & Alexander (1982).

Durante la fine degli anni ’70, Nykvist iniziò a girare film altrove in Europa e negli Stati Uniti, lavorando per registi come Louis Malle ( Pretty Baby (1978)), Philip Kaufman ( L’insostenibile leggerezza dell’essere (1988)), Bob Fosse ( Star 80 (1983)), Nora Ephron ( Insonnia d’amore (1993)), Woody Allen ( Un’altra donna (1988), Crimini e misfatti (1989)), Richard Attenborough ( Charlot – Chaplin (1992)) e il collega svedese Lasse Hallström ( Buon compleanno Mr. Grape (1993)). Il documentario Ljuset håller mig sällskap (2000) ha reso omaggio a Nykvist, sebbene non ci conceda alcun vero segreto sui suoi metodi di lavoro. Nykvist è morto nel 2006.

Luogo di nascita: Moheda, Kronobergs län, Sweden
Data di nascita: 03/12/1922
Data di morte: 20/09/2006

    Cinematography (24)
    Direttore della fotografia (86)

    Lascia un commento