Recensione su Love Actually

/ 20036.9544 voti

Love is in the air / 13 Maggio 2020 in Love Actually

Altro film che dovevo vedere da tempo e che finalmente sono riuscito a recuperare.
Film romantico corale ambientato durante il periodo dell’Avvento (circa).
Billy Mack (Bill Nighy) è una vecchia leggenda del rock che si rimette in gioco con una discutibile cover in versione natalizia di un vecchio successo “Love is all Around”; il suo è il personaggio più sincero e simpatico.
Juliet (Keira Knightley, splendida) e Peter (Chiwetel Ejiofor) si sono appena sposati; ma Mark, testimone di nozze e migliore amico di Peter,
è segretamente innamorato di Juliet e le cose potrebbero complicarsi.
Jamie (Colin Firth), dopo esser rientrato dal matrimonio di cui sopra, scopre la sua ragazza (Sienna Guillory, breve ma significativa presenza) a letto con suo fratello. Per riaversi dalla sua delusione si rifugia a scrivere in Francia e lì conosce la domestica Aurelia che però parla solo portoghese (divertenti i tentativi di Jamie di intrattenere una conversazione con lei).
Harry (Alan Rickman) è il manager di un’agenzia di design, sposato con Karen (Emma Thompson) e con una figlia; subisce però le attenzioni della sua giovane segretaria Mia (Heike Makatsch) al cui fascino non resta immune.
David (Hugh Grant), fratello di Karen, è stato appena eletto primo ministro; si crea un legame particolare con una delle sue domestiche, Natalie (Martine McCutcheon).
Daniel (Liam Neeson) ha appena perso la moglie Joanna, lasciandolo solo con il figliastro Sam; Daniel è preoccupato perchè Sam sembra triste e chiuso in sé stesso. Scopre però che non è tanto per la moglie della mamma ma perchè innamorato di una compagna di classe, Joanna (combinazione stesso nome della mamma.
Sarah (Laura Linney) che lavora per Harry, è innamorata del collega Karl (Rodrigo Santoro); però ha anche un fratello in manicomio di cui
deve occuparsi.
John (Martin Freeman) e Judy (Joanna Page) si conoscono sul set di un film porno dove lavorano come controfigure e si
innamorano.
Infine Colin è un fattorino che ritiene le ragazze inglesi frigide e decide di provare ad andare in America per trovare il vero amore (o solo una serata di sesso).
Film corale con la scena che si divide tra i vari personaggi; il film è carino e simpatico e con tante storie (a tratti anche divertenti) riesce a mantenere viva l’attenzione e il piacere del pubblico. Quella che mi è piaciuta un po’ di meno è quella del primo ministro (Hugh Grant fa il suo classico personaggio ma come primo ministro forse dovrebbe essere un po’ più responsabile verso il Paese); belle le altre dove Bill Mack brilla per simpatia e battute.
C’è spazio anche per qualche cammeo come Rowan Atkinson (commesso del negozio di gioiello dove si ferma Harry), Claudia Schiffer (Daniel dice che l’unica donna che gli farebbe dimenticare la moglie morta sarebbe proprio lei), Billy Bob Thornton è il presidente degli Usa, Shannon Elizabeth, Denise Richards, January Jones ed Elisha Cuthbert
fanno parte della storia Americana di Colin.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext