Recensione su L'insulto

/ 20177.861 voti

Sassi e buonsenso / 8 Aprile 2018 in L'insulto

Costruito come un thriller “all’americana”, con tanto di continui colpi di scena e rovesciamento di sorti in una delle location predilette dai film di genere, l’aula di tribunale, il film libanese L’insulto, scritto e diretto da Ziad Doueiri, parte da un’idea relativamente semplice, per raccontare di atteggiamenti radicati nella società umana da tempi immemori.
Ingiustizie, prevaricazioni e incomprensioni personali si estendono a parti di comunità via via più ampie. In questo processo di amplificazione, si perde puntualmente di vista l’oggetto del contendere, il più delle volte costituito da una vera minuzia.

Lo schema narrativo si basa sul classico fenomeno fisico del sasso che, gettato nell’acqua, genera una serie di cerchi concentrici.
Qui, nel cerchio più interno, ci sono Tony (cristiano libanese) e Yasser (profugo palestinese, musulmano): da uno screzio fra i due, ha origine un conflitto legale che raggiunge le alte sfere della giustizia e della politica, portando alla luce diatribe e drammi legati alla storia recente del Libano, solo apparentemente sopiti.

Al di là della sua cornice storica e sociale, L’insulto è un film emozionante, perché mette in scena con efficacia l’umanità, intesa come insieme di peculiarità positive e negative dell’Uomo.
Tony e Yasser sono più simili di quanto essi stessi riescano a percepire nell’immediato. In primis, sono testardi. In secondo luogo, sono onesti. Doueiri insiste con padronanza narrativa e tecnica sulle loro affinità, raccontando piccoli episodi che li riguardano e mostrando rapidi sguardi che legano sempre più saldamente i due protagonisti, dimostrando che le divisioni e i conflitti che dilaniano le comunità sono il frutto di pure sovrastrutture mentali, effimere e inconsistenti, lontane dalla realtà, dalla quotidianità, dalle dinamiche che, realmente, intercorrono fra persone di buonsenso.

Ottima resa tecnica, con bella fotografia, bel montaggio, bei movimenti di macchina.
Bravo tutto il cast. L’interpretazione asciutta, compatta ed estremamente empatica di Yasser è valsa a Kamel El Basha la Coppa Volpi come miglior attore a Venezia 74. Si è trattato della prima prova cinematografica di questo attore teatrale palestinese. Negli extra del dvd, Doueiri racconta delle difficoltà sopraggiunte (e poi risolte sul filo di lana) per consentirgli di ritirare il premio in Italia. Un piccolo aneddoto realmente accaduto che sottolinea l’assunto del film.

2 commenti

  1. Mrs Pignon / 4 Maggio 2018

    Ci fossero più film così!!
    Ora mi procuro pure il dvd.

Lascia un commento