?>Recensione | Il diavolo veste Prada | Senza titolo

Recensione su Il diavolo veste Prada

/ 20066.81044 voti

18 aprile 2011

Commedia frivola e simpatica che racconta del mondo della moda (o meglio della rivista principale che se ne occupa). Meryl Streep è un’ottima virago, antipatica e abbastanza insopportabile che tratta le sue assistenti peggio degli schiavi. Anne Hathaway è splendida nel ruolo dell’aspirante scrittrice che cerca di tenere duro nonostante il capo che si ritrova; si fa coinvolgere e ammaliare dal mondo della moda ma così rischia di abbandonare e trascurare i suoi amici. Brava anche Emily Blunt nel ruolo della prima assistente di Miranda che all’inizio disprezza Andrea xchè estranea al mondo della moda ma prima della fine avrà modo di apprezzarla. Come cast di contorno compaiono un fantastico Stanley Tucci (il più stretto collaboratore di Miranda che aiuta Andrea a muovere i primi passi nel mondo della moda) e Simon Baker (“The mentalist”) nei panni dello scrittore che cerca di portarsi a letto Andrea, Tracie Thoms (“Cold Case”) un’amica di Andy.
Morale: attenzione a non farsi catturare troppo dal lavoro xchè si rischia di trascurare amici e famiglia (che sono le cose più preziose che uno ha).

Lascia un commento

jfb_p_buttontext