Flight

/ 20126.6297 voti
Flight

Un aereo di linea precipita a causa di un'avaria ad un motore, ma il pilota riesce a salvare quasi tutti i passeggeri e i membri dell'equipaggio grazie ad un'ottima manovra d'emergenza. Quando si scopre, però, che il pilota aveva tracce di alcool e droga nel sangue, viene imputato come responsabile del disastro aereo.
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: Flight
Attori principali: Denzel WashingtonDenzel WashingtonDon CheadleDon CheadleKelly ReillyKelly ReillyJohn GoodmanJohn GoodmanBruce GreenwoodBruce GreenwoodBrian Geraghty, Tamara Tunie, Nadine Velázquez, Peter Gerety, Garcelle Beauvais, Melissa Leo, Carter Cabassa, Adam C. Edwards, Conor O'Neill, Charlie E. Schmidt, Will Sherrod, Boni Yanagisawa, Adam Tomei, Dane Davenport, John Crow, E. Roger Mitchell, Ravi Kapoor, Jill Jane Clements, Tommy Kane, James Badge Dale, Susie Spear Purcell, Philip Pavel, Piers Morgan, Jim Tilmon, Charles Z. Gardner, Tom Nowicki, Jason Benjamin, Ric Reitz, Timothy Adams, Darius Woods, Ron Caldwell, Dylan Kussman, Janet Metzger, Bethany Anne Lind, Sharon Blackwood, Pam Smith, Justin Martin, Shannon Walshe, Rhoda Griffis, Michael Beasley, Ted Hall, Laila Pruitt, Precious Bright, Steve Coulter, Ted Huckabee, Sarah Clark, Vinnie Hasson, Randy Thom, Dennis P. Wise, Paul Volle, Hal Williams, Kwesi Boakye, Jennifer Olympia Bentley, Mostra tutti

Regia: Robert ZemeckisRobert Zemeckis
Sceneggiatura/Autore: John Gatins
Colonna sonora: Alan Silvestri
Fotografia: Don Burgess
Costumi: Louise Frogley, Robert Q. Mathews
Produttore: Robert Zemeckis, Steve Starkey, Walter F. Parkes, Cherylanne Martin, Laurie MacDonald, Jack Rapke
Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Durata: 138 minuti

Dove vedere in streaming Flight

La tua colpa in ogni creazione / 18 Novembre 2020 in Flight

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Una partenza folle con l’acceleratore premuto per la prima mezz’ora di film. Zemenkis non ci mente, ci mostra subito un Whip stordito, con le bottiglie di vodka sul comodino, e con le strisce di coca pronte all’uso in una camera disfatta. Whip non sembra particolarmente a suo agio finché non si trova a pilotare l’aereo. Allora diventa cosciente, sta sul pezzo, sta sul suo mezzo, l’aereo è l’unico posto in cui si sente sicuro, che lo fa sentire sicuro. Lì non andrebbe in crisi nemmeno durante una catastrofe e non lo fa.
CRASH
La catastrofe, tutto rallenta. Ci sono dei responsabili, sono morte delle persone, anche se in minor numero rispetto a quanto ci si aspettava. Il protagonista è un americanone tutto di un pezzo come Denzel Washington , dalla straordinaria voce di Pannofino, grassa, potente, vibrante, con la leggera pancia gonfia discriminatrice del suo segreto. Zemekins sa di percorrere strade già battute con il tema della dipendenza da alcol, e la parte più sofferente del film avviene quando svicola tra i clichè di genere (28 giorni è un po’ l’orrida summa di tutti questi). Tuttavia il freno a mano del ritmo viene tirato bruscamente dopo l’incidente, e il film respira, prende aria, e inizia a ragionare. Chi è responsabile?
Questione filosofica: è una brava persona, un uomo che fa un atterraggio spettacolare salvando un sacco di gente, ma che era imbottito di alcol mentre lo faceva?

Non c’è risposta, nè viene data. La questione per Zemenkis è un’altra, molto più profonda. LA COLPA. La propria colpa è difficile da guardare in faccia e da accettare. La libertà è dolorosa, non è un percorso semplice. E quando finalmente riusciamo ad accettare la colpa, accettiamo la punizione, accettiamo la libertà, anche se a un prezzo spaventoso.

Gran bel film, sapiente uso di Zemenkis di Denzel, che io amo ma che talvolta oscura un film con questa presenza e questo ego gigantesco, mentre Zemenkis ha saputo gestire bene questo gigante dalle spalle larghe. Per il resto film veramente profondo dal punto di vista etico- morale. Applicabile sia alla sfera privata di un uomo certo, ma anche all’ampio spettro politico e sociale.

Unico difetto : personaggio femminile abbastanza scialbo, peccato, perchè l’attrice aveva un qualcosa di decadente e spezzato molto interessante, e partiva bene. Invece gli altri comprimari favolosi, a partire dall’amico di Whip, che pur di salvare capra e cavoli gli procura la coca per risvegliarlo, alleandosi con il simpatico diavolo di John Goodman che ho amato, che si avvicina con passo leggero sulla canzone dei Rolling Stones. Amore puro.

Leggi tutto

bah / 29 Gennaio 2020 in Flight

mi ha davvero deluso, un insieme di ovvietà e classico happy ending moralista all’americana. Sono sorpreso davvero dalle recensioni strapositive, sarà che sono davvero strafatto di questo genere di film bacchettoni intrisi di mediocrità

Bel lavoro / 17 Marzo 2016 in Flight

Ottima prova del bravo Zemeckis in questo “Flight”, film decisamente interessante che va ad abbracciare vari generi, senza mai risultare troppo banale o noioso. Tanto merito va ad un fantastico Denzel Washington, quasi sempre una certezza. Anche qui riesce a caratterizzare molto bene il personaggio, che si trova a lottare, dopo l’incidente, con il suo vero nemico: la dipendenza dall’alcool. Svolgimento interessante, finale non troppo a sorpresa ma comunque gestito bene, buona anche la scelta musicale. Non è il miglior film di Zemeckis, ma merita senz’altro.

Leggi tutto

Più che sufficiente / 21 Settembre 2015 in Flight

Film un pelo troppo lungo, con un Denzel Washington forse un po’ sottotono.
Colpo di scena un po’ telefonato ma, nel complesso, un buon film.

Tutto per la morale / 15 Settembre 2015 in Flight

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

La storia sacrifica tutto alla redenzione del protagonista alcolizzato: anche la verosimiglianza. L’indagine stabilisce la natura meccanica del guasto, le simulazioni di volo provano che nessun altro sarebbe riuscito a salvare quasi tutti i passeggeri; ma Whip viene condannato lo stesso – altrimenti come farebbe a redimersi? Non c’è nemmeno un tentativo di drammatizzare quella che è con tutta evidenza un’ingiustizia; il processo viene sbrigato in dieci minuti – in un film che ne dura 138. Il finale consolatorio peggiora ancora le cose. Da salvare solo le sequenze del volo: non molto realistiche, ma spettacolari.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.