Recensione su C'è ancora domani

/ 20237.9130 voti

Compromesso / 27 Novembre 2023 in C'è ancora domani

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Paola Cortellesi esordisce alla regia con un film paraculo ma allo stesso tempo estremamente coraggioso.
Paraculo perché il film è in un periodo storico florido per il femminismo.
Coraggioso perché portare un film nel 2023 in Italia in B/N e in formato 4:3 potrebbe essere un bel modo per darsi la zappa sui piedi(in termini meramente economici ovviamente) e fare un bel flop, invece questa è la dimostrazione che il pubblico è solo diseducato e che i film hanno solo bisogno di essere spinti un po’ di più da pubblicità e critici.

Ciò che ha funzionato a livello commerciale è ciò che a me ha fatto storcere un po’ il naso.

Questo film è un grosso compromesso.

Mi spiego meglio: il film superficialmente funziona e racconta la storia di una famiglia romana molto povera, nello specifico di una donna sottomessa da un marito violento nella Testaccio del ’46, poco prima del suffragio femminile.

Dico superficialmente perché ad un occhio poco attento o anche solo meno “esperto” o forse è solo una questione di gusti, comunque questo film potrebbe sembrare un’opera maestosa perché sotto il punto di vista della recitazione c’è poco da dire: Mastrandrea è ottimo, cosi come la Cortellesi, i loro figli, Colangeli, la Fanelli, veramente nulla da dire anche se a tratti ho trovato alcune battute eccessivamente forzate e i caratteri un po’ manichei;
la vena comica che esce fuori funziona quasi sempre, in sale ridevano tutti e ammetto che anche io mi sono divertito abbastanza, a momenti;
ottimo l’utilizzo della CGI per il ringiovanimento, tra l’altro di produzione italiana;
regia estremamente solida;
è un film che ha una sua morale ma non è moralista e invita lo spettatore a riflettere sulla società in cui ci troviamo oggi, perché non è vero che “se stava meglio quando se stava peggio”.

Parlavo di compromesso prima perché quello che ho trovato debole, tanto per cominciare da una cosa, è l’utilizzo del bianco e nero, si ok, dona quell’aspetto retrò ma non c’è un studio vero e proprio ne di conseguenza un buon utilizzo di luci e ombre come poteva essere per un film di Bergman, o, senza andare a scomodare Bergman, per L’uomo che non c’era dei Cohen, quindi hanno applicato il filtro e basta.
La messinscena è troppo pulita, non si percepisce abbastanza la povertà, non basta un vestito un po’ scucito o poco prosciutto nel panino per capire certe realtà, la Cortellesi è troppo serena in volto, i capelli sono sempre a posto, per me non ha proprio il viso adatto, se ha provato a trarre ispirazione dal neorealismo ha fallito perché è completamente l’opposto.
Un film che tratta certi temi dovrebbe essere tutto fuor che patinato, faccio un esempio: Pasolini era naif e probabilmente inferiore tecnicamente su tutti i fronti rispetto a questo film ma quando finivi di vedere Accattone ti veniva il disgusto, capivi cos’era la fame e la disgrazia, con C’è Ancora Domani si prova una pallida tristezza e vedere la Cortellesi che dopo aver fatto da Pungiball per Valerio Mastrandrea non ha un livido in faccia a me da un po’ fastidio, poi non ho capito la logica di lividi e ematomi, se sono nascosti sul collo e sulle braccia vanno bene basta che sono coperti e si può decidere quando mostrarli mentre sul viso no, perché?
Perché nell’unica scena di violenza(perché le altre sono tutte fuori campo) utilizzano quel sistema del ballo?
Non ha voluto spingere per fini commerciali o per gusto personale?
Io credo che un tema del genere meriti un po’ più di seriosità e un maggior coraggio di esplicitazione della violenza e della povertà, è troppo diluito.

Altro problema, come chiede al soldato americano il “favore” se non spiccica una parola di inglese?
La domanda mi è sorta spontanea anche se devo dire che è un dettaglio non mi ha infastidito per nulla.

Concludo dicendo che consiglio la visione, il mio è un giudizio un po’ cattivo ma positivo di un film, per me, però, nel complesso modesto, la Cortellesi ha ripreso un tema fuori dai canoni del cinema italiano moderno e ha fatto molto bene sia alle persone che alle sale.

6 commenti

  1. leonardo / 13 Dicembre 2023

    Come precisazione, il film è in 4:3 solo nei cinque minuti iniziali.

  2. PartoDaOra / 8 Gennaio 2024

    La questione dei lividi, del non mostrare i segni della violenza, penso sia voluta e ben ragionata. A volte nessuno si accorge di come stai, di quello che stai passando, di quello che sei costretto a subire, di quello che ti viene inflitto ogni giorno. Perché tutto sommato è normale, un marito può picchiare la moglie, i figli possono non reagire a quella violenza perché l’hanno fatta propria, i vicini possono sentire le botte dal viale di casa, ma non intervengono, aspettano passi e sperano tu sia viva, e poi si rapporteranno a te come nulla fosse successo. Nessuno vede anche quello che gli accade sotto il naso. Lividi o meno. I suoi lividi sono invisibili a tutti, che li abbia o no. Ogni tanto qualcuno ha uno sguardo illuminato e scopre i tuoi lividi sul braccio, ma gli altri non li vedono non perché non ci siano o siano ben coperti, ma perché è più facile andare avanti senza chiedere, senza esporsi, senza dover intervenire. Io i lividi della Cortellesi li ho immaginati tutto il tempo ovunque, c’erano. E non volerli mostrare è un po’ specchio dell’atteggiamento di Delia. Lei sta bene, lei va avanti, lei sopporta, stai tranquilla a mamma, ho risolto io, non esiste alcun problema, stai tranquilla, ci penso io, stai tranquilla, ora metto tutto a posto e torna come prima. Lei nasconde e va avanti per alleggerire i figli da un dolore. Li condanna comunque al dolore di vedere una madre distrutta e annullata, ma li protegge da una forma di violenza che lei ormai sente come una condanna sulle spalle che può reggere. E non vuole che la figlia debba normalizzare quello che lei ha reso quotidiano. Da qui forse l’idea di nascondere al pubblico un contenuto esplicito che è scontato ci sia. Perciò chi non vuole ignorarlo lo vedrà in ogni caso

    • rust cohle / 8 Gennaio 2024

      Disamina interessante ma io sono dell’idea che non sia questo il motivo della scelta della Cortellesi e comunque non mi troverei d’accordo con lei neanche se fosse una scelta voluta.
      È una scelta che non mi piace proprio, comunque per quanto mi riguarda se ne sta parlando anche troppo di questo film, in Itala siamo talmente abituati a ingoiare merda che appena esce un film normale tutti gridano al capolavoro.

Lascia un commento