Éric Rohmer: informazioni sull'autore, filmografia completa e biografia

Male
Éric Rohmer

Gli ammiratori hanno sempre avuto difficoltà a spiegare Éric Rohmer "Je ne sais quoi". Parte della sfida deriva dal fatto che, nonostante il suo posto nella Nouvelle Vague francese (cioè New Wave), il suo lavoro è diverso da quello dei suoi colleghi. Sebbene ciò possa essere dovuto alla riluttanza dell'autore a conformarsi, alcuni hanno sostenuto in modo convincente che, in verità, è rimasto più fedele agli ideali originali del movimento rispetto ai suoi coetanei. Inoltre, la trama non è la sua principale preoccupazione. Sono i pensieri e le emozioni dei suoi personaggi che sono essenziali per Rohmer e, proprio come i propri stati d'essere sono difficili da definire, così è la vita interna della sua arte. Quindi, piuttosto che parlarne in termini specifici, i fan usano spesso modificatori come "sottile", "spiritoso", "delizioso" ed "enigmatico". In un'intervista con Dennis Hopper , Quentin Tarantino ha fatto eco ciò che quasi tutti gli appassionati hanno pronunciato: "Devi vedere uno dei [suoi film], e se ti piace un po 'quello, allora dovresti vedere i suoi altri, ma devi vederne uno per vedere se ti piace. "

I detrattori non hanno alcun problema nell'esprimere il loro dispiacere. Usano frasi come "noioso come una recita in classe", "artistico e noioso" e "donlyly talky". Gene Hackman , nel ruolo del detective stanco Harry Moseby Bersaglio di notte (1975), recitò una linea ormai famosa che riassume questi sentimenti: "Ho visto un film Rohmer una volta. Era un po 'come guardare la vernice asciutta". Innegabilmente, il suo ritmo lancinantemente lento e i suoi personaggi apatici e egocentrici sono segni distintivi e, a volte, anche i suoi più grandi sostenitori hanno formulato osservazioni trincantate al riguardo. Detto critico Pauline Kael , "La banalità seriocomica è diventata la specialità di Rohmer. La sua sensibilità sarebbe più facile da prendere se smettesse di dirigere verso un metronomo." In quanto i suoi sostenitori citeranno gli attacchi contro di lui, infatti Rohmer potrebbe essere solo tra i registi. Si dilettano nel fatto che "nulla di conseguenza" accade nelle sue immagini. Sono ipnotizzati dai densi blocchi di chiacchiere di sopracciglia. Si dilettano della prevedibilità della sua estetica. Soprattutto, tuttavia, sono toccati dall'onestà di un uomo che, senza compromessi, pone l'anima umana e la "vita in quanto tale".

Chi è Eric Rohmer? Nato Jean-Marie Maurice Scherer il 1 ° dicembre 1920 a Nancy, una piccola città della Lorena, si trasferì a Parigi e divenne insegnante di letteratura e giornalista. Nel 1946, sotto il nome di penna Gilbert Cordier, pubblicò il suo unico romanzo, "Elizabeth". Poco dopo, il suo interesse iniziò a spostarsi verso le critiche e iniziò a frequentare la Cinémathèque Français (fondata dall'archivista Henri Langlois ) insieme a New Wavers a breve Jean-Luc Godard , Jacques Rivette , Claude Chabrol e François Truffaut . Fu in quel momento che adottò il suo pseudonimo, un amalgama dei nomi di attore / regista Erich von Stroheim e romanziere Sax Rohmer (autore della serie Fu Manchu.) Il suo primo film, Journal d’un scélérat (1950), fu girato lo stesso anno in cui fondò "Gazette du Cinema" insieme a Godard e Rivette. L'anno successivo, Rohmer si unì al critico fondamentale André Bazin a "Cahiers du Cinema", dove è stato caporedattore dal 1956 al 1963. Essendo Cahiers una pubblicazione influente, non solo gli fornì una piattaforma da cui predicare la filosofia della New Wave, ma gli permise di proporre revisionisti idee su Hollywood. Un esempio di quest'ultimo è stato "Hitchcock, The First Forty-Four Films", un libro su cui ha collaborato con Chabrol di cui parlava Alfred Hitchcock in termini molto favorevoli.

Le prime incursioni di Rohmer nella direzione incontrarono un successo limitato. Nel 1958 aveva completato cinque cortometraggi, ma il suo unico tentativo di lungometraggio, una versione de "Les Petites filles modèles" di La Comtesse de Ségur, era rimasto incompiuto. Con Il segno del leone (1962), ha fatto il suo debutto cinematografico, anche se è stato un decennio prima di ottenere il riconoscimento. Nel frattempo, ha realizzato undici progetti, tra cui tre dei suoi "Six contes moraux" (ovvero racconti morali), film dedicati all'esame degli stati interiori delle persone in preda alla tentazione. La fornaia di Monceau (1963) e La carriera di Susanna (1963) sono immagini in bianco e nero insignificanti che funzionano meglio come progetti per la sua uscita successiva. Segnano anche l'inizio di una partnership commerciale con Barbet Schroeder , che ha recitato nel primo dei due. La collezionista (1967), il suo primo grande sforzo a colori, è stato scambiato per un film di Lolita; su un piano più profondo, mette in discussione il modo in cui si raccoglie o rifiuta l'esperienza. Il primo "successo" di Rohmer fu La mia notte con Maud (1969), che è stato nominato per due Oscar e ha vinto numerosi premi internazionali. Continua ad essere la sua opera più conosciuta. In esso, alla vigilia della proclamazione del suo amore per Francoise, la sua futura moglie, il narratore trascorre una notte con una bella divorziata di nome Maud. Insieme a un amico, i due discutono della vita, della religione e della scommessa di Pascal (cioè la necessità di rischiare tutto sull'unica scommessa che può vincere). Rimasto solo con la sensuale Maud, il narratore è costretto a mettere alla prova i suoi principi. Le parti finali della serie, Il ginocchio di Claire (1970) e L’amore il pomeriggio (1972) sono racconti di crisi di mezza età che ribadiscono abilmente la nozione di autocontrollo come via per la salvezza.

"Commedie et Proverbi", il secondo ciclo di Rohmer, tratta dell'inganno. La moglie dell’aviatore (1981) è la storia di uno studente ingenuo che sospetta la sua ragazza di infedeltà. Nel perseguitare il suo ex amante e alla fine affrontarla, scopriamo i livelli su cui si sta ingannando. Un altro capolavoro è Pauline alla spiaggia (1983), un film sul mare sulla maturità degli adolescenti e le buffonate infantili dei loro accompagnatori adulti. Delle rate rimanenti, Il raggio verde (1986) e L’amico della mia amica (1987) sono i più interessanti. L'ultima serie del regista è conosciuta come "Contes des quatre saisons" (ovvero Tales of the Four Seasons), che presenta anch'essa le relazioni disfunzionali degli eccentrici. Al posto dei giochi sociali di "Commedie et Proverbi", tuttavia, questo ciclo esplora le vite degli isolati emotivamente. Racconto di primavera (1990) e Racconto d’inverno (1992) sono i pezzi più inventivi, quest'ultimo rivisitando la "scommessa" di Ma Nuit chez Maud. Proprio come la sua opera si ripercorre tematicamente, Rohmer la popola di attori che appaiono e riappaiono in modi insoliti. L'ultima storia, Racconto d’autunno (1998), riunisce le sue attrici preferite, Marie Rivière e Béatrice Romand . Come "hiver", ritorna a un progetto precedente, Il bel matrimonio (1982), esaminando la ricerca di Romand di trovare un marito.

Dal 1976, Rohmer ha realizzato varie versioni non seriali. Reinette e Mirabelle (1987) e Incontri a Parigi (1995), entrambi composti da vignette, sono rappresentazioni morali ironiche che meritano poca attenzione. Il lussureggiante dramma in costume La marchesa Von… (1976), al contrario, è un eccellente studio delle assurde formalità dell'aristocrazia del 18 ° secolo ed è stato riconosciuto con il Gran Premio della Giuria a Cannes. Gli altri suoi pezzi d'epoca, purtroppo, non hanno avuto altrettanto successo. Il fuorilegge (1978), sebbene originale, è un esperimento fallito nella narrativa arturiana stantia e meravigliosamente noioso La nobildonna e il duca (2001) è altrettanto insoddisfacente per la maggior parte dei fan della sua opera. Tuttavia, il regista ha dimostrato un'incredibile coerenza e che è stato in grado di fornire un quadro di questo calibro così tardi nella sua carriera è sorprendente. L'eredità che quest'uomo ci ha conferito rivaleggia con quella di qualsiasi autore, con probabilmente ben dieci tour de force negli ultimi quattro decenni. Perché, quindi, è il meno onorato tra i ranghi della Nouvelle Vague e tra tutti i geni del cinema?

Storie di idiosincrasie di Rohmer abbondano. Un ardente ambientalista, non ha mai guidato un'auto e si rifiuta di guidare un taxi. Non c'è telefono a casa sua. Ha ritardato la produzione di Ma Nuit chez Maud per un anno, insistendo sul fatto che alcune scene potevano essere girate solo nella notte di Natale. Una volta, ha richiesto una colonna sonora che potesse essere riprodotta a livelli impercettibili per gli spettatori. Si definisce "commerciale", ma i suoi film girano magri profitti giocando al circuito della casa d'arte. Normalmente, questi sono tipi di aneddoti che affascinerebbero uno con i cognoscenti. La sua stranezza più rivelatrice, tuttavia, è che rifiuta le interviste e evita i riflettori. Laddove Hitchcock, ad esempio, era sempre pronto a parlare del negozio, Rohmer ha lasciato che i suoi film parlassero da soli. Non è preoccupato per quello che la gente pensa di loro ma QUELLO, anzi, pensano.

Sarebbe pericoloso soppiantare le parole "je ne sais quoi" sopra menzionate. Senza demistificare il cinema di Rohmer, ci sono ancora ampie qualità a cui si può puntare. Innanzitutto, è caratterizzato da integrità filosofica e artistica. Molto prima Krzysztof Kieslowski , Rohmer ha avuto l'idea del ciclo del film, e questo gli ha permesso di costruire il proprio lavoro in un modo unico. Un cattolico devoto, è interessato a resistere alla tentazione, e ciò che non accade nei suoi pezzi è altrettanto intrigante di ciò che accade. A proposito della menzione della sua spiritualità è il suo fascino per l'interazione tra destino e libero arbitrio. Qualche scelta è sempre centrale nelle sue storie. Tuttavia, mentre la sua narrativa è priva di eventi convenzionalmente drammatici, mostra una passione per le coincidenze al confine con il soprannaturale. Per mantenere la verosimiglianza, quindi, impiega più "tiri lunghi" e un processo di editing più semplice e naturale rispetto ai suoi contemporanei. Fa un uso poco frequente di musica e folle, concentrandosi invece sui suoni delle voci. Di queste voci, in cui i suoi narratori sono maschi (ed è apparentemente la loro esperienza soggettiva a cui siamo al corrente), le sue donne sono più intelligenti e complesse dei suoi uomini. Infine, sebbene profondamente contemplativo, il lavoro di Rohmer è raramente conclusivo. Rinfrescantemente non hollywoodiano, piuttosto che fornire una via di fuga dalla realtà, ci obbliga ad affrontare il mondo in cui viviamo.

Luogo di nascita: Tulle, Corrèze, France
Data di nascita: 20/03/1920
Data di morte: 11/01/2010

    Author (2)
    Editor (2)
    Screenplay (8)
    Writer (21)

    Lascia un commento

    jfb_p_buttontext