George Harrison: tutti i film prodotti, biografia, filmografia completa

Male
George Harrison

Un maestro musicista, produttore cinematografico e attore, meglio conosciuto come chitarrista solista e occasionalmente cantante solista di The Beatles , George Harrison è nato il 25 febbraio 1943 a Liverpool, nel Merseyside, in Inghilterra. Era anche il più giovane di quattro figli, nato da Harold Harrison e Louise Harrison .

Come i suoi futuri compagni di band, Harrison non è nato ricco. Louise era in gran parte una mamma casalinga mentre suo marito Harold guidava uno scuolabus per il Liverpool Institute, un acclamato liceo frequentato da George e dove incontrò per la prima volta un giovane compagno di classe, Paul McCartney . Per sua stessa ammissione, Harrison non era un gran studente e il suo scarso interesse per i suoi studi è stato spazzato via dalla scoperta della chitarra elettrica e del rock-'n'-roll americano.

C'erano molte armonie in casa Harrison. Aveva una sorta di talento per questo all'età di 12 o 13 anni, mentre andava in bicicletta nel suo quartiere e ascoltava Elvis Presley 's "Heartbreak Hotel", suonando da una casa vicina. All'età di 14 anni George, che era un fan di leggende come Harrison, che è cresciuto ascoltando tali leggende del rock Carl Perkins , Little Richard e Buddy Holly –aveva acquistato la sua prima chitarra e aveva imparato alcuni accordi da autodidatta.

McCartney', che si era recentemente unito a un altro adolescente del Liverpool, John Lennon , in un gruppo skiffle noto come The Quarrymen, invitò Harrison a vedere la band esibirsi. Harrison e Lennon avevano alcune cose in comune, come il fatto che entrambi frequentavano la Dovedale Primary School ma non si conoscevano. Le loro strade finalmente si incrociarono all'inizio del 1958. McCartney aveva esortato il diciassettenne Lennon a consentire al quattordicenne Harrison di unirsi alla band, ma Lennon era riluttante; secondo la leggenda, dopo aver visto esibirsi McCartney e Lennon, a George è stata concessa un'audizione sul ponte superiore di un autobus, dove ha entusiasmato Lennon con la sua interpretazione di famosi riff rock americani.

La carriera musicale del diciassettenne Harrison era in pieno svolgimento nel 1960. Lennon aveva ribattezzato la band The Beatles e il giovane gruppo iniziò a farsi le ossa nei piccoli club e bar intorno a Liverpool e Amburgo, in Germania. Nel giro di due anni, il gruppo ebbe un nuovo batterista, Ringo Starr e un manager, Brian Epstein , un giovane proprietario di un negozio di dischi che alla fine ottenne al gruppo un contratto discografico con l'etichetta Parlophone della EMI.

Prima della fine del 1962, Harrison e i Beatles registrarono una canzone, "Love Me Do", che arrivò nella Top 20 del Regno Unito. All'inizio dell'anno successivo fu pubblicato un altro successo, "Please Please Me", seguito da un album con lo stesso nome. "Beatlemania" era in pieno svolgimento in tutta l'Inghilterra, e all'inizio del 1964, con l'uscita del loro album negli Stati Uniti e un tour americano, aveva travolto anche gli Stati Uniti.

In gran parte indicato come il "Quiet Beatle", Harrison passò in secondo piano rispetto a McCartney, Lennon e, in una certa misura, Starr. Tuttavia, poteva essere arguto, persino nervoso. Durante un tour americano, ai membri del gruppo è stato chiesto come dormissero di notte con i capelli lunghi.

Fin dall'inizio, Lennon-McCartney sono stati i principali cantanti principali. Mentre i due trascorrevano la maggior parte del tempo a scrivere le proprie canzoni, Harrison aveva mostrato un interesse precoce nel creare il proprio lavoro. Nell'estate del 1963 ha guidato la sua prima canzone, "Don't Bother Me", che è arrivata al secondo album del gruppo. Da lì in poi, le canzoni di Harrison sono state un punto fermo di tutti i dischi dei Beatle. In effetti, alcune delle canzoni più memorabili del gruppo, ad esempio "While My Guitar Gently Weeps" e "Something", che è stata l'unica canzone dei Beatle mai registrata da Frank Sinatra –sono stati scritti da Harrison.

Tuttavia, la sua influenza sul gruppo e sulla musica pop in generale si è estesa oltre i soli singoli. Nel 1965, mentre era sul set del secondo film dei Beatles, Aiuto! (1965), Harrison si interessò ad alcuni degli strumenti orientali e ai loro arrangiamenti musicali che venivano utilizzati nel film. Ben presto sviluppò un profondo interesse per la musica indiana. Ha imparato il sitar da autodidatta, introducendo lo strumento a molte orecchie occidentali sulla canzone di Lennon, "Norwegian Wood"" Ha presto coltivato uno stretto rapporto con il famoso sitarista Ravi Shankar . Altri gruppi, tra cui The Rolling Stones , iniziarono a incorporare il sitar in alcuni dei loro lavori. Si potrebbe sostenere che la sperimentazione di Harrison con diversi tipi di strumentazione ha contribuito a spianare la strada a album dei Beatle rivoluzionari come "Revolver" e "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band".

L'interesse di Harrison per la musica indiana si estese presto al desiderio di saperne di più sulle pratiche spirituali orientali. Nel 1968 guidò i Beatles in un viaggio nel nord dell'India per studiare la meditazione trascendentale sotto Maharishi Mahesh Yogi .

Essendo cresciuto spiritualmente e musicalmente dall'inizio del gruppo, Harrison, che voleva includere più del suo materiale nei dischi dei Beatle, era chiaramente a disagio con il dominio McCartney-Lennon del gruppo. Durante le sessioni di registrazione di "Let It Be" nel 1969, Harrison se ne andò, rimanendo lontano per diverse settimane prima di essere indotto a tornare con la promessa che la band avrebbe usato più delle sue canzoni nei suoi dischi.

Tuttavia, le tensioni nel gruppo erano chiaramente alte. Lennon e McCartney avevano smesso di scrivere insieme anni prima e anche loro sentivano il bisogno di andare in una direzione diversa. Nel gennaio del 1970 il gruppo registrò "I Me Mine" di Harrison. Era l'ultima canzone che i quattro avrebbero mai registrato insieme. Tre mesi dopo, McCartney annunciò che avrebbe lasciato la band e che i Beatles erano ufficialmente finiti.

Dopo lo scioglimento dei Beatles, Harrison ha intrapreso una carriera da solista. Ha immediatamente assemblato una band in studio composta dall'ex Beatle Starr, leggenda della chitarra Eric Clapton , tastierista Billy Preston e altri per registrare tutte le canzoni che non erano mai arrivate nel catalogo dei Beatles. Il risultato fu un album di tre dischi, "All Things Must Pass". Mentre una delle sue canzoni distintive, "My Sweet Lord", è stata successivamente considerata troppo simile nello stile per The Chiffons Il successo del 1963 "He's So Fine", costringendo il chitarrista a sborsare quasi $ 600.000, l'album nel suo insieme rimane il disco più acclamato di Harrison.

Non molto tempo dopo l'uscita dell'album, Harrison ha unito il suo lavoro di beneficenza e la sua continua passione per l'est quando ha messo insieme una serie di concerti di beneficenza innovativi al Madison Square Garden di New York City per raccogliere fondi per i rifugiati in Bangladesh. Conosciuto come il "Concerto per il Bangladesh", gli spettacoli, che hanno caratterizzato Bob Dylan , Leon Russell , e Ravi Shankar, avrebbero raccolto circa 15 milioni di dollari per l'UNICEF, prodotto un album vincitore di un Grammy, un film documentario di successo ( The Concert for Bangladesh (1972)) e ha gettato le basi per futuri spettacoli di beneficenza come "Live Aid" e "Farm Aid".

Tuttavia, non tutto nella vita post-Beatle è andato liscio per Harrison. Nel 1974, il suo matrimonio con Pattie Boyd, che aveva sposato otto anni prima, finì quando lei lo lasciò per Eric Clapton. Anche il suo lavoro in studio ha faticato, dal 1973 al 1977, a partire da "Living in the Material World", "Extra Texture" e "33 1/3", che non hanno soddisfatto le aspettative di vendita.

Dopo l'uscita di quell'ultimo album, Harrison si prese una breve pausa dalla musica, chiudendo la sua etichetta, la Dark Horse Records, che aveva fondato nel 1974 e che aveva pubblicato album di un certo numero di altre band, e iniziò la sua propria società di produzione cinematografica, Handmade Films. La società ha prodotto il film di successo Monty Python Brian di Nazareth (1979) e avrebbe continuato a realizzare altri 26 film prima che Harrison vendesse la sua partecipazione nella società nel 1994.

Nel 1979, è tornato in studio per pubblicare il suo album omonimo. Fu seguito due anni dopo da "Somewhere in England", su cui si stava ancora lavorando all'epoca di John Lennon 's assassinio nel dicembre del 1980. Il disco alla fine includeva la traccia tributo a Lennon, "All These Years Ago", una canzone che riuniva gli ex Beatles Paul McCartney e Ringo Starr , insieme all'ex Wings membri Denny Laine e Linda McCartney . Mentre la canzone è stata un successo, l'album, il suo predecessore e il suo successore, "Gone Troppo", non lo sono stati. Per Harrison la mancanza di appeal commerciale e le continue battaglie con i dirigenti della musica si sono rivelate drenanti e hanno portato a un'altra pausa in studio.

Una sorta di ritorno arrivò nel novembre 1987, tuttavia, con l'uscita dell'album "Cloud Nine", prodotto da Jeff Lynne (di Electric Light Orchestra ). L'album ha prodotto diversi successi di punta, tra cui "Got My Mind Set On You" – remake della canzone del 1962 di Rudy Clark – e "When We Was Fab", una canzone che rifletteva sulla vita della Beatlemania, con Ringo Starr e Paul McCartney, che era vestito da tricheco, ma era timido per la macchina da presa, nel febbraio 1988. Più tardi quell'anno si formò Harrison The Traveling Wilburys . Il gruppo era composto da Harrison, Lynne, Roy Orbison , Tom Petty e Bob Dylan , e ha generato due album di successo. Spinto dal successo commerciale del gruppo, Harrison si mise in viaggio con i suoi nuovi compagni di band nel 1992, intraprendendo il suo primo tour internazionale in 18 anni.

Non molto tempo dopo si è riunito con McCartney e Starr per la creazione di un'esaustiva versione in tre parti di un'antologia dei Beatles, che conteneva take alternativi, brani rari e un demo di John Lennon chiamato "Free as a Bird", che i tre sopravvissuti Beatles completato in studio. La canzone è diventata il 34° singolo della Top 10 del gruppo. Successivamente, tuttavia, Harrison divenne in gran parte un casalingo, tenendosi occupato con il giardinaggio e le sue auto nella sua ampia e restaurata casa a Henley-on-Thames nel sud dell'Oxfordshire, in Inghilterra.

Tuttavia, gli anni successivi non furono completamente privi di stress. Nel 1997, Harrison, un fumatore di lunga data, è stato curato con successo per il cancro alla gola. Diciotto mesi dopo, la sua vita è stata nuovamente messa in pericolo quando uno squilibrato fan dei Beatles di 33 anni è riuscito in qualche modo a eludere l'intricato sistema di sicurezza di Harrison ed è entrato in casa sua, attaccando il musicista e sua moglie Olivia con un coltello. Harrison è stato curato per un polmone collassato e piccole coltellate. Olivia ha riportato diversi tagli e contusioni.

Nel maggio 2001, il cancro di Harrison tornò. C'è stato un intervento chirurgico ai polmoni, ma i medici hanno presto scoperto che il cancro si era diffuso al cervello. Quell'autunno, si recò negli Stati Uniti per le cure e alla fine fu ricoverato presso l'UCLA Medical Center di Los Angeles, in California. Morì il 29 novembre 2001, a casa dell'ex compagno di band McCartney a Los Angeles, all'età di 58 anni, con la moglie e il figlio al suo fianco.

Appena un anno dopo la sua morte, è stato pubblicato l'ultimo album in studio di Harrison, "Brainwashed". È stato prodotto da Lynne, il figlio di Harrison Dhani Harrison e Harrison stesso, e presentava una raccolta di canzoni a cui aveva lavorato al momento della sua morte. Dhani ha finito di mettere insieme l'album ed è stato rilasciato nel novembre del 2002.

Luogo di nascita: Liverpool, England, UK
Data di nascita: 25/02/1943
Data di morte: 29/11/2001

    Produttore esecutivo (16)
    Produttore (9)

    Lascia un commento

    jfb_p_buttontext