Robert Taylor: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Robert Taylor

Nato Spangler Arlington Brugh, Robert Taylor iniziò a mostrare una varietà di talenti in gioventù nella pianura del Nebraska. Alla Beatrice High School, era un atleta di pista eccezionale, ma ha anche mostrato un talento nell'usare la sua voce, vincendo numerosi premi oratori. Era un musicista e suonava il violoncello nell'orchestra della scuola. Dopo la laurea ha pensato alla musica come vocazione e ha iniziato a studiare musica al Doane College di Creta, nel Nebraska. All'inizio degli anni '30 decise di seguire le orme di suo padre e studiare medicina. Si iscrisse al Pomona College ma si unì anche al gruppo teatrale del campus e si ritrovò in molti ruoli principali a causa delle sue belle caratteristiche. Fu ispirato a frequentare la Neely Dixon Dramatic School, ma circa un anno dopo essersi laureato a Pomona, fu notato da un talent scout della MGM e gli fu dato un contratto nel 1934. Nello stesso anno, è apparso nel suo primo film, in prestito -out a Fox per a Will Rogers iscrizione, Handy Andy (1934). Ha anche fatto un cortometraggio MGM, Refurtiva nascosta (1935), per la serie "Il crimine non paga", che ha fornito una buona esposizione. Tuttavia, l'anno successivo ha fatto ancora meglio diventando il protagonista, sempre in prestito, questa volta per poi lottare contro la Universal Pictures, in Al di là delle tenebre (1935) con Irene Dunne , la storia di un ragazzo felice e fortunato che provoca inavvertitamente cecità alla giovane donna che desidera stupire e che diventa medico per curarla. Il film è stato un grande successo e Taylor ha avuto un assaggio della celebrità istantanea al botteghino. Insieme al suo bell'aspetto, Taylor ha già dimostrato una solida abilità drammatica. Tuttavia, i critici lo consideravano come un lampo senza talento che cavalca i suoi sguardi (un'accusa riscossa al suo confronto contemporaneo più vicino, Tyrone Power alla Fox). Dovette subire alcune brutali recensioni durante i suoi primi anni a Hollywood, ma presto svanirono. Solo nel 1935, è apparso in sette film e, alla fine dell'anno, era al top della sua forma di protagonista e gli venivano offerte sceneggiature sostanziali. L'anno successivo è apparso con Greta Garbo nel Margherita Gauthier (1936), e per il resto del decennio i veicoli di MGM per lui – per non parlare del pantheon delle migliori attrici – hanno fatto clic con il pubblico. A livello personale, nonostante il suo impressionante background familiare e la sua educazione, Taylor spesso colpiva coloro che lo incontravano come un peso mentale. Attrice intellettualmente incline Luise Rainer rimase scioccata quando iniziò una conversazione con lui in una funzione di studio nel 1937 quando, dopo avergli chiesto quali fossero i suoi obiettivi, rispose sinceramente che il suo obiettivo più importante era quello di accumulare "un guardaroba di dieci abiti su misura". Il fatto che di solito si presenti sullo schermo come avere una presenza sicura e imponente è più una testimonianza del suo talento recitativo che della sua personalità reale. Aveva rigide convinzioni politiche di destra che si rifiutava di mettere in discussione e, di fronte a un punto di vista opposto, lo avrebbe semplicemente respinto del tutto. Raramente, se mai, sentiva il bisogno di essere introspettivo. Taylor si sentì semplicemente felice di lavorare dietro le mura di MGM. Il suo affetto per lo studio lo avrebbe accecato dal fatto che quel capo Louis B. Mayer lo manipolò magistralmente per quasi due decenni, mantenendo lo stipendio di Taylor il più basso tra le maggiori star di Hollywood. Ma questo è anche indicativo di quanta fiducia ha riposto nelle mani dei leader dello studio. In effetti, Taylor rimase l'uomo per eccellenza della MGM e sarebbe stato premiato rimanendo impiegato fino alla fine del sistema di studio alla fine degli anni '50, sopravvivendo alla sua leggenda, Clark Gable . Sebbene i tesori non siano del tutto considerati come rinchiusi nelle cripte dei film, i film di Taylor durante i primi cinque anni della sua carriera gli hanno dato l'opportunità di esplorare un ampio spettro di personaggi romantici, interpretando giovani ufficiali o dottori più di una volta. Alcuni esempi evidenti della varietà di ruoli che ha assunto nel corso di un anno sono stati il suo patito di spalla Lee Sheridan in Un americano a Oxford (1938), Tommy McCoy, uomo / pugile femminile The Crowd Roars (1938) e il cinico gentiluomo del sud Blake Cantrell in Sfida a Baltimora (1939). Taylor sarebbe davvero diventato un attore di prim'ordine nel decennio successivo. Negli anni '40, interpretava personaggi più spigolosi e un po 'più oscuri, come i ruoli nel titolo Terra selvaggia (1941) e criminale semplice Sorvegliato speciale (1941). Con l'arrivo della guerra, Taylor fu pronto a dare il suo contributo allo sforzo. Come attore, ha realizzato due memorabili film di combattimento: Forzate il blocco (1942) e il più noto (e per il momento, abbastanza grafico) Bataan (1943). Dal 1943 al 1946, fu tenente nell'US Naval Air Corps negli Stati Uniti, istruendo aspiranti piloti. Trovò anche il tempo di dirigere due film di addestramento sulle istruzioni di volo (1943) e altri film di addestramento per la Marina. Piuttosto didattico nelle sue convinzioni politiche ultra conservatrici, fu coinvolto nel 1947 come "testimone amichevole" per il Comitato delle attività non americane della Camera che indagava sulla "sovversione comunista" nell'industria cinematografica. Chiunque conoscesse Taylor sapeva di essere un conservatore di archi ma dubitava di poterne spiegare il perché. Ha dichiarato pubblicamente che sta accettando un ruolo in Song of Russia (1944) era un cattivo giudizio (in realtà, era contro la sua natura opporsi a qualsiasi incarico cinematografico durante la MGM) e che considerava il film "pro-comunista". Ha anche – piuttosto inconsapevolmente – dita il collega attore Howard Da Silva come forza dirompente nella Screen Actors Guild. Sebbene non abbia accusato esplicitamente Da Silva di essere un comunista, le sue accuse di "disgregazione" hanno avuto lo stesso effetto e l'attore veterano si è ritrovato nella lista nera degli studi per molti anni. Dopo la guerra e per il resto del decennio, Taylor stava ottenendo ruoli d'azione in linea con il suo sano pareggio al botteghino, ma ce n'erano meno offerti. Stava invecchiando, e sebbene avesse uno dei suoi ruoli più conosciuti come il geniale sfidato alla fede Marcus Vinicius nel successo dei mostri Quo Vadis (1951), ora veniva visto più come un vantaggio maturo. MGM, ora sotto l'egida di Dore Schary , ha preso la decisione di spostare una notevole quantità di produzione in Inghilterra per ridurre i costi e ha optato per filmare diverse epopee di costume di grande budget con Taylor. Con Walter Scott 'S Ivanhoe (1952), era tornato (come una volta nel 1949) con il giovane abbagliante Elizabeth Taylor compiacendosi per lui come l'esotica giovane ebrea Rebecca, recitando effettivamente un ruolo ideale per un attore di un decennio più giovane. Con una sceneggiatura fantastica e molta azione (dimentica la discrepanza di alcuni fondali opachi!), Il film è stato un grande successo. Aveva un nuovo look – pizzetto rastrellato e capelli più lunghi – che si adattava all'illusione giovanile. Il film ha fatto così bene che MGM ha optato per un film di follow-up basato sulla leggenda di Re Artù, I cavalieri della tavola rotonda (1953). Non era altrettanto buono, ma Taylor aveva lo stesso aspetto e funzionava. A suo merito, Taylor ha continuato a spingere per ruoli impegnativi nella sua produzione drammatica; il vecchio stigma "bel viso" sembrava ancora guidarlo. Ha interpretato un personaggio intrigante e molto improbabile in Il passo del diavolo (1950) – un indiano americano (pelle scura con gli occhi blu!) Che vince una medaglia d'onore per l'eroismo nella guerra civile, ma torna a casa nelle sue considerevoli proprietà terriere per incontrare il continuo bigottismo razziale e l'invidia dei suoi vicini bianchi . Conteneva dialoghi a portata di mano con molte scene stimolanti che si occupavano della situazione sociale degli indiani. Taylor ha fatto diverse foto degne di nota dopo questo film (ad esempio, spigoloso Senza scampo (1954)) e fu ancora più avvincente in uno dei romanzi romantici meno noti di Sir Walter Scott, L’arciere del re (1955), ancora una volta con successo in un ruolo da giovane. Sebbene il suo contratto con la MGM fosse scaduto nel 1958, negli anni '60 accettò altri film. Ha preso un po 'di peso nei suoi anni '50 e gli effetti del fumo delle catene pesanti hanno iniziato a influenzare il suo aspetto, ma Taylor si è alternato con successo tra ruoli da protagonista e televisione, anche se a un ritmo leggermente ridotto. Ha fondato la sua società di produzione, Robert Taylor Productions, nel 1958 e si è trasferito comodamente nel lavoro televisivo. Dal 1959 al 1962, è stato il protagonista della serie TV Detectives (1959) e quando Ronald Reagan uscì dalla popolare antologia occidentale della TV Death Valley Days (1952) per una carriera politica, Taylor subentrò come ospite e qualche volta come attore (1966-1968) fino alla sua morte per cancro ai polmoni all'età di soli 57 anni.

Luogo di nascita: Filley, Nebraska, USA
Data di nascita: 05/08/1911
Data di morte: 08/06/1969

Lascia un commento

jfb_p_buttontext