Elizabeth Taylor: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attrice

Female
Elizabeth Taylor

Elizabeth Rosemond Taylor era considerata una delle ultime, se non l'ultima, grande star uscita dal vecchio sistema di studio di Hollywood. Era conosciuta a livello internazionale per la sua bellezza, in particolare per i suoi occhi viola, con i quali ha catturato il pubblico fin da giovane e ha mantenuto il mondo legato da allora.

Taylor è nato il 27 febbraio 1932 a Londra, in Inghilterra. Sebbene fosse nata una materia inglese, i suoi genitori, Sara Sothern (nata Sara Viola Warmbrodt) e Francis Lenn Taylor, erano americani, commercianti d'arte di St. Louis, Missouri (suo padre era andato a Londra per allestire una galleria). Sua madre era stata un'attrice sul palco, ma ha rinunciato a quella vocazione quando si è sposata. Elisabetta visse a Londra fino all'età di sette anni, quando la famiglia partì per gli Stati Uniti, quando le nuvole di guerra iniziarono a produrre birra in Europa nel 1939. Navigarono senza suo padre, che rimase indietro per concludere le attività sciolte.

La famiglia si trasferì a Los Angeles, dove si era trasferita la famiglia della signora Taylor. Il signor Taylor lo seguì non molto tempo dopo. Un'amica di famiglia ha notato la bellissima piccola Elisabetta e le ha suggerito di essere portata per un test sullo schermo. Il suo test ha impressionato i dirigenti della Universal Pictures abbastanza da firmarla per un contratto. La sua prima incursione sullo schermo era dentro There’s One Born Every Minute (1942), pubblicato quando aveva dieci anni. La Universal lasciò il contratto dopo quell'unico film, ma Elizabeth fu presto ripresa da MGM.

La prima produzione che fece con quello studio fu Torna a casa Lassie! (1943), e sulla base di quel film, MGM l'ha firmata per un anno intero. Aveva parti minuscole nei suoi prossimi due film, Le bianche scogliere di Dover (1944) e La porta proibita (1943) (la prima realizzata mentre era in prestito alla 20th Century-Fox). Poi è arrivata la foto che ha reso Elizabeth una star: la MGM Gran premio (1944). Ha recitato accanto a Velvet Brown Mickey Rooney . Il film è stato un grande successo, incassando oltre $ 4 milioni. Elisabetta ora aveva un contratto a lungo termine con MGM ed era la sua stella minore. Non ha fatto film nel 1945, ma è tornata nel 1946 nel Il coraggio di Lassie (1946), un altro successo. Nel 1947, quando aveva 15 anni, ha recitato in Vita col padre (1947) con pesi massimi come William Powell , Irene Dunne e Zasu Pitts , che è stato uno dei maggiori successi al botteghino dell'anno. Ha anche recitato nel film d'ensemble Piccole donne (1949), che fu anche un grande successo al botteghino.

Durante gli anni '50, Elizabeth apparve in film dopo film con risultati per lo più buoni, a partire dal suo ruolo nel film George Stevens film Un posto al sole (1951), interpretato dal suo buon amico Montgomery Clift . L'anno seguente, ha recitato insieme Ivanhoe (1952), uno dei più grandi successi al botteghino dell'anno. Il suo anno più intenso è stato il 1954. Ha avuto un ruolo secondario nel flop al botteghino Lord Brummell (1954), ma più tardi quell'anno ha recitato nei successi L’ultima volta che vidi Parigi (1954) e La pista degli elefanti (1954). Adesso aveva 22 anni e anche in giovane età era considerata una delle più belle bellezze del mondo. Nel 1955 è apparsa nel colpo Il gigante (1956) con James Dean .

Purtroppo, Dean non vide mai l'uscita del film, poiché morì in un incidente d'auto nel 1955. L'anno successivo vide Elizabeth recitare insieme a Montgomery Clift nel L’albero della vita (1957), un'epopea esagerata realizzata, in parte, nel Kentucky. I critici lo hanno definito secco come polvere. Inoltre, Clift è stato gravemente ferito durante il film, con Taylor che gli ha aiutato a salvargli la vita. Nonostante le carenze del film e la tragedia off-camera, Elizabeth è stata nominata per un Oscar per il suo ritratto della bella Susanna Drake del sud. Tuttavia, nella notte degli Oscar l'onore è andato a Joanne Woodward per La donna dai 3 volti (1957).

Nel 1958 Elizabeth recitò nel ruolo di Maggie Pollitt in La gatta sul tetto che scotta (1958). Il film ha ricevuto recensioni entusiastiche dalla critica ed Elizabeth è stata nuovamente nominata per un Oscar per la migliore attrice, ma questa volta ha perso Susan Hayward nel Non voglio morire (1958). Tuttavia, era ancora una merce calda nel mondo del cinema. Nel 1959 è apparsa in un altro mega hit e ha ricevuto l'ennesima nomination all'Oscar per Improvvisamente, l’estate scorsa (1959). Ancora una volta, tuttavia, ha perso, questa volta Simone Signoret per La strada dei quartieri alti (1959). La sua siccità all'Oscar si concluse nel 1960 quando portò a casa l'ambita statua per la sua esibizione Venere in visone (1960) nel ruolo di Gloria Wandrous, una ragazza squillo che è coinvolta con un uomo sposato. Alcuni critici hanno fatto saltare il film ma non hanno potuto ignorare la sua interpretazione. Non ci sono più film per Elizabeth da tre anni. Lasciò la MGM dopo che il suo contratto era scaduto, ma avrebbe fatto progetti per lo studio più avanti. Nel 1963 recitò in Cleopatra (1963), che fino a quel momento era una delle produzioni più costose, così come il suo stipendio, un enorme $ 1.000.000. Il film ha impiegato anni per essere completato, in parte a causa di una grave malattia durante la quale è quasi morta.

Questo è stato il film in cui ha incontrato il suo futuro e quinto marito, Richard Burton (i quattro precedenti erano Conrad Hilton, Michael Wilding , Mike Todd – che è morto in un incidente aereo – e Eddie Fisher ). I suoi prossimi film, International Hotel (1963) e Castelli di sabbia (1965), nella migliore delle ipotesi erano poco brillanti. Elisabetta doveva tornare in ottima forma, tuttavia, con il ruolo di Martha in Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966). La sua interpretazione di Martha dalla voce forte, scaltro, sciatta, ma ancora affascinante, è stata senza dubbio la migliore fino ad oggi. Per questo avrebbe vinto il suo secondo Oscar e uno che era più che meritato. L'anno seguente, lei e Burton recitarono insieme La bisbetica domata (1967), dando di nuovo spettacoli vincenti. Tuttavia, i suoi film in seguito furono fallimenti al botteghino, incluso Riflessi in un occhio d’oro (1967), I commedianti (1967) La scogliera dei desideri (1968) (di nuovo interpretato da Burton), Cerimonia segreta (1968), L’unico gioco in città (1970), X Y e Zi (1972), Una faccia di c… (1972) (di nuovo con Burton), Mercoledì delle ceneri (1973), Ad un’ora della notte (1973), Identikit (1974), Il giardino della felicità (1976) (considerato da molti come il suo peggiore), A Little Night Music (1977) e Rebus per un assassinio (1979) (film controverso a cui non è mai stata rilasciata una versione completa e in cui ha avuto solo un piccolo ruolo). Da allora, è apparsa in alcuni film, sia teatrali che per la televisione, e in numerosi programmi televisivi. Nel febbraio 1997, Elizabeth entrò in ospedale per la rimozione di un tumore al cervello. L'operazione è andata a buon fine. Per quanto riguarda la sua vita privata, ha divorziato da Burton nel 1974, solo per risposarlo nel 1975 e divorziarlo, in modo permanente, nel 1976. Aveva altri due mariti, senatore degli Stati Uniti John Warner e operaio edile Larry Fortensky , che ha incontrato in riabilitazione.

Nel 1959, Taylor si convertì al giudaismo e continuò a identificarsi come ebreo per tutta la vita, essendo attivo nelle cause ebraiche. Alla morte della sua amica, attore Rock Hudson , nel 1985, iniziò la sua crociata per conto dei malati di AIDS. Negli anni '90, ha anche sviluppato una serie di profumi di successo. Negli ultimi anni, la sua carriera di attore è stata relegata all'occasionale apparizione di film o guest TV.

Elizabeth Taylor è morta il 23 marzo 2011 a Los Angeles, per insufficienza cardiaca congestizia. Il suo ultimo luogo di riposo è Forest Lawn Memorial Park, a Glendale, in California.

Luogo di nascita: Hampstead, London, England, UK
Data di nascita: 27/02/1932
Data di morte: 23/03/2011

Lascia un commento

jfb_p_buttontext