Upside Down

/ 20115.9316 voti
Upside Down

Adam vive in un mondo dove vige la doppia gravità, fatto curioso dovuto alla vicinanza di un altro pianeta, simile al suo. In questo vive Eve, che raccoglierà un aeroplanino che Adam aveva lanciato. In questo modo i due ragazzi si conoscono, e tra loro scoppia l'amore. Ma le leggi (sia fisiche che giudiziarie) dei due pianeti non permettono scambi da mondo a mondo.
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: Upside Down
Attori principali: Kirsten DunstKirsten DunstJim SturgessJim SturgessTimothy SpallTimothy SpallJames KidnieJames KidnieHolly UlothHolly UlothBlu Mankuma, Nicholas Rose, Vlasta Vrána, Kate Trotter, Janine Theriault, Vincent Messina, Cole K. Mickenzie, Paul Ahmarani, Carolyn Guillet, Jesse Sherman, Francis B. Goldberg, Francois Cote, Maurane Arcand, Elliott Larson, Heidi Hawkins, Don Jordan, Pablo Verón, Edward Langham, Keir Cutler, Matt Holland, Alex Bisping, George Mantis, Holden Wong, Jayne Heitmeyer, John Maclaren, Robert Higden, Noël Burton, Jean-Marc Dalphond, Larry Day, Paul van Dyck, Patrick Costello, Pierre Leblanc, David Alexandre, Alan Fawcett, Miranda Handford, Francine Pilote, Angie Larocque, Emma Stevens, Richard Zeman, Al Dubois, Paul Burke, Mostra tutti
Regia: maschioJuan Diego Solanas
Sceneggiatura/Autore: Juan Diego Solanas
Colonna sonora: Benoît Charest
Fotografia: Pierre Gill
Costumi: Nicoletta Massone
Produttore: Aton Soumache, Alexis Vonarb, Jonathan Vanger, Dimitri Rassam, Claude Léger
Produzione: Canada, Francia
Genere: Drammatico, Romantico
Durata: 104 minuti

Dove vedere in streaming Upside Down

Nonsense avenue (ovvero non capisco perché debba mettere un titolo) / 10 Luglio 2020 in Upside Down

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questo film ha diversi problemi. La trama è semplice, c’è un mondo di sopra e un mondo di sotto, ma non tipo metropolitana, più tipo la scena di Inception a Parigi. Lui sta sotto e lei sta sopra, ma non in quel senso (anche se, probabilmente…). Lui s’innamora di lei (lei è Kirsten Dunst, quindi è ovvio). Lui escogita un piano per rivederla. Dei contrappesi che lo facciano stare nel mondo di sopra, insomma… sti pesi gli servono per la forza di gravità, tipo, e sti pesi dopo un’ora prendono fuoco. Così. Anche se non c’è una ragione logica perché accada.
Quando sta nel mondo di sopra, grazie ai contrappesi che pijano fuoco, e va a pisciare, siccome che lui è del mondo di sotto, piscia sul tetto, perché la forza di gravità, qui, è intrinseca.
C’è un tipo del mondo di sopra, un collega di lui di nome Bob, che è è molto simpatico e diventa suo amico, e quando gli regala qualcosa del mondo di sopra, questa è naturalmente attratta dal proprio mondo e quindi, nel mondo di sotto, praticamente forza di gravità al contrario. Perché la cosa, chessò… un tesserino, in fondo sa di appartenere al mondo di sopra e non a quello di sotto.
Un’ultima cosa, lui e lei si incontrano per la prima volta sul cucuzzolo di due montagne (una sopra e una sotto, ovviamente) uguale uguale a quella del Grinch.

Oh, il sottotesto politico/sociale sarebbe anche interessante, però sul serio… La piscia che anziché andare giù va su perché lui “appartiene” al mondo di sotto e non al mondo di sopra e i contrappesi che si surriscaldano senza motivo… voglio dire, sono pesi!

Tutto questo per raccontare cosa? La distanza incolmabile tra ricchi e poveri. Fondamentalmente. E una storia d’amore basata sul nulla più totale. Perché non è che abbia chissà quale sviluppo, accade e basta. Tipo i quindicenni.

Il climax viene raggiunto con una scena in cui i due si baciano, e siccome lei è attratta dalla forza di gravità di sopra, e lui da quella di sotto… Fluttuano abbracciati. E rotolano nel cielo. Se questa scena vi fa battere forte il cuore vi consiglio caldamente una visita dal cardiologo, perché soffrite di aritmia.

Ah, dimenticavo… Alla fine lei è incinta di due gemelli e va da lui nel mondo di sotto e dice che resterà lì per sempre, senza tutti quei problemi di gravità. Che bello. Sapete perché ci riesce? “Bob dice che è merito della gravidanza”. Uccidetemi.
Ché poi a suo modo ha anche un senso, perché se le persone e persino le cose, pare, hanno tipo scritto nel DNA (il famoso dna degli oggetti) l’appartenenza al mondo di sopra o di sotto, e per questo la forza di gravità li spinge verso il loro mondo a prescindere da dove si trovino (ricordatevi la pipì sul tetto), se un papà del mondo di sotto e una mamma del mondo di sopra si vogliono tanto bene, con ciò che ne consegue, i figli dei due soggetti a che mondo appartengono? Per me nel dubbio dovrebbero fluttuare. O strapparsi in due per Par Condicio.

Leggi tutto

7 Marzo 2016 in Upside Down

6 meno meno

Romeo e Giulietta con problemi di Gravità / 15 Febbraio 2016 in Upside Down

Interessante film romantico con questi due mondi quasi a contatto e ovviamente hanno diversa ricchezza.
Adam (Jim Sturgess) vive nel mondo di Sotto, il mondo più povero che viene sfruttato per il petrolio dal Mondo Soprastante. Da ragazzo conosce una ragazzina, Eden (Kirsten Dunst), del Mondo di Sopra e se ne innamora; da adulto farà di tutto per cercare di ritrovarla.
Bellissime alcune scene con i due mondi vicini, capovolti uno rispetto all’altro (Gravità opposta); la storia è interessante per l’ambientazione, un pò standard per i clichè romantici.
Kirsten Dunst inizia a essere abituata a baciare gente a testa in giù (vedi Spiderman); nel resto del cast da citare Timothy Spall nei panni del collega di Adam del Mondo di Sopra, Bob.
Si può dire che quando si dice che un uomo brucia dal desiderio nel film succede davvero (in realtà per contrastare la gravità si usa la materia inversa che però dopo un’ora nell’altro mondo si surriscalda).

Leggi tutto

9 Luglio 2014 in Upside Down

Non male, la storia è carina, il finale scontato ma era da dire che andasse così.

Idea buona .. ma poi il nulla / 19 Maggio 2014 in Upside Down

L’idea è buona … due amanti .. mondi inconciglaibili e l’amore che può lo stesso fare il miarcolo .. ma poi il film non è all’altezza delle mie aspettative