Perfect Blue

/ 19987.8110 voti
Perfect Blue

Mima fa parte di un trio di idol: visto lo scarso successo personale, decide di abbandonare il gruppo e di dedicarsi alla carriera d'attrice, accettando un ruolo in una pellicola in cui dovrà impersonare una ragazza mentalmente instabile. Nel frattempo, i fan del trio musicale non apprezzano il suo addio alle scene e Mima reagisce male alle esternazioni dei fan.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: パーフェクトブルー
Attori principali: Junko IwaoRica MatsumotoShinpachi TsujiMasaaki ŌkuraYōsuke AkimotoYoku Shioya, Hideyuki Hori, Emi Shinohara, Kiyoyuki Yanada, Tōru Furusawa, Shiho Niiyama, Emiko Furukawa, Aya Hara, Shin-ichiro Miki, Megumi Tano, Akio Suyama, Osamu Hosoi, Kôichi Tôchika, Emi Motoi, Kishou Taniyama, Shokkâ Ôno, Rofuto Purasu Wan Burazâzu, Makoto Kitano, Soichiro Hoshi, Masashi Ebara
Regia: Satoshi Kon
Sceneggiatura/Autore: Sadayuki Murai
Colonna sonora: Masahiro Ikumi
Fotografia: Hisao Shirai
Produttore: Hiroaki Inoue
Produzione: Giappone
Genere: Orientale, Thriller, Animazione
Durata: 81 minuti

Il Thriller in formato animazione. / 31 Ottobre 2015 in Perfect Blue

In Perfect Blue, lungometraggio animato che segna l’esordio alla regia di Satoshi Kon, fa incursione un genere cinematografico ( il thriller) che per le proprie peculiarità ben si amalgama allo stile del regista, lungi dall’essere paragonato ai più canonici linguaggi utilizzati negli anime giapponesi.
Un rinnovamento, questo di Kon, nel rappresentare l’animazione ( almeno fino a quel periodo ) non nella sua più ortodossa forma, tesa più a incantare e a meravigliare che a suscitare tensione e suspense, che quasi sembra plasmare anche la sceneggiatura del film, sebbene tratta dall’omonimo romanzo di Yoshikazu Takeuchi, in quanto finalizzata al cambiamento, come meta ideale di un percorso di autoconoscenza.
Da qui si snoda l’intreccio, nonché l’insito viaggio psicologico della protagonista, abilmente descritti e circoscritti a luoghi e tempi diversi, ma mai casuali, in modo da coinvolgere lo spettatore, disorientato nella labirintica ricerca della verità, mai così lontana da un’iconica percezione.

Leggi tutto

20 Aprile 2015 in Perfect Blue

Gli esempi di thriller in animazione si contano sulle dita, quelli capaci e riusciti sono più unici che rari. Perfect Blue è uno di questi. Satoshi Kon se n’è andato veramente troppo presto, aveva ancora un mondo da mostrarci.

L’incantevole Mima. / 4 Aprile 2014 in Perfect Blue

Angosciante, claustrofobico, morboso come un canonico thriller dovrebbe essere.
Kon trasferisce gli stilemi del cinema di genere in un lungometraggio animato, citando alcuni classici cinematografici con originalità (ho l’impressione che il punteruolo, per esempio, arma abbastanza inusuale, arrivi da Basic Instinct), citando apertamente Il silenzio degli innocenti e le vicende private di Jodie Foster (nominata, perfino), sfruttando il mondo delle idol giapponesi alla stregua dell’universo del teatro di Eva contro Eva.

La sovrapposizione tra realtà e sogno è ottimamente orchestrata e lo spettatore resta invischiato nella rete della labilità psicologica della protagonista almeno quanto lei.

Al termine del film, permane un senso di fastidio difficile da cancellare.
Ottimo.

Leggi tutto

E il mondo conobbe Satoshi Kon… / 14 Dicembre 2013 in Perfect Blue

Ispirandosi ad un romanzo di Yoshikazu Takeuchi, Satoshi Kon fa il suo debutto ufficiale come regista di film d’animazione, producendo un thriller psicologico di grandissimo livello. La scelta del genere è stata forse una delle prime nel campo dell’animazione giapponese e tutt’oggi risulta un evento piuttosto raro.
Il personaggio di Mima, una idol che ha abbandonato il suo lavoro per inseguire una carriera da attrice professionista, è l’epicentro dell’intera narrazione. E’ immenso il modo in cui Kon fa identificare lo spettatore con la fragile psicologia della protagonista, riuscendo a rappresentare egregiamente tutte le sue paure, le paranoie e i suoi costanti momenti di confusione interiore. In questa pellicola è infatti molto sottile il punto che separa la realtà dall’illusione, grazie proprio ad una regia magistrale e ad una sceneggiatura molto solida. Il rapporto tra realtà ed illusione è una caratteristica che Kon ha poi ripreso e sviluppato nei suoi lavori successivi come il tragico Millennium Actress o l’onirico Paprika ma, paradossalmente, non riuscendo a ricreare lo stesso fascino scaturito invece dalla sua primissima pellicola. Perfect Blue è un film soffocante, narrativamente instabile, che lascia continuamente un groppo in gola e che fino alla fine non dà pace allo spettatore, chiuso come in una sorta di gabbia illusoria, dove non si può conoscere minimamente se ciò che è presente all’esterno sia effettivamente la realtà o un’altra illusione da squarciare. Anche sotto il punto di vista tecnico non ci si può lamentare: la grafica si difende benissimo e le musiche ricalcano perfettamente l’atmosfera inquieta ed angosciante, riuscendo a trasmettere una sensazione di metaforico soffocamento.
La pellicola migliore dell’autore a mio parere ed uno dei migliori (pochissimi) thriller psicologici di animazione giapponese. Inutile dire che ne consiglio la visione, anche per chi vuole avvicinarsi alla valida filmografia di questo regista.

Leggi tutto

5 Luglio 2013 in Perfect Blue

Pellicola particolare, forse unica nel suo genere.
Un thriller psicologico ambientato nel mondo delle Idol giapponesi.
Consigliato sia agli amanti dei thriller che a quelli dei film d’animazione.