Recensione su Misery non deve morire

/ 19907.6499 voti

Tensione! / 11 Luglio 2016 in Misery non deve morire

Un cult vero e proprio, uno dei thriller migliori mai realizzati secondo me. Un famoso scrittore, interpretato da James Caan, durane una tempesta di neve fa un brutto incidente e viene salvato da una donna, Kathy Bates, che gli rivela di essere un’infermiera e la sua fan numero 1. Fin qui tutto bene, peccato che in breve tempo la follia della donna, soprattutto dopo la scoperta della morte di Misery nel nuovo libro dello scrittore (che parla appunto della morte del personaggio Misery, personaggio al quale deve il suo successo e sul quale ha scritto numerosi libri e alla quale lei, nella sua follia, è legatissima) esploda in modo incontenibile. Quello che segue è una pazzesca tortura fisica e psicologia ai danni di James Caan, che verrà distrutto, ma non si perderà mai d’animo e mai perderà la voglia di combattere per riprendersi la sua vita. Insomma un vero e proprio thriller che prende di brutto, che fa stare male e che riesce anche ad incutere un certo timore. Bravissimi gli attori suddetti, la Bates non a caso ha vinto anche l’Oscar, è veramente terrificante come personaggio. Da vedere assolutamente. Considerazione: certo che Stephen King è il maestro della letteratura horror, ma i più grandi successi cinematografici tratti dalle sue opere non lo sono (basti pensare a Stand By Me piuttosto che al Miglio Verde, solo per citare due titoli) o comunque non lo sono del tutto (perché la Bates, concorderete con me, fa molta più paura di qualsiasi creatura, mostro, alieno o chissà che altro!)

Lascia un commento

jfb_p_buttontext