L'ultima eclissi

/ 19957.5111 voti
L'ultima eclissi

La ricca e anziana Vera Donovan muore in circostanze poco chiare e i sospetti ricadono sulla sua governante, Dolores Claiborne; la gravità della situazione riporta a casa sua figlia Selena, che la donna non vede da anni: per entrambe sarà l'occasione per fare i conti con un passato difficile e con un terribile segreto. Tratto dal romanzo di Stephen King 'Dolores Claiborne'.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: Dolores Claiborne
Attori principali: Kathy BatesKathy BatesJennifer Jason LeighJennifer Jason LeighJudy ParfittJudy ParfittChristopher PlummerChristopher PlummerDavid StrathairnDavid StrathairnJohn C. Reilly, Eric Bogosian, Ellen Muth, Bob Gunton

Regia: Taylor HackfordTaylor Hackford
Sceneggiatura/Autore: Tony Gilroy
Colonna sonora: Danny Elfman
Fotografia: Gabriel Beristain
Costumi: Shay Cunliffe
Produttore: Charles Mulvehill, Taylor Hackford
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Thriller
Durata: 132 minuti

Dove vedere in streaming L'ultima eclissi

Quei film che non dimentichi…. o si!? / 4 Marzo 2019 in L'ultima eclissi

Non è il meglio che Stephen King ha scritto, nè il meglio che è stato trasposto da un suo libro… ma questo film forse quasi domenticato da tutti ha del potenziale sottovalutato.
L’ho rivisto perché volevo rivedermi la Kathy Bates post-Misery, come è riuscita in un altro film drammatico a essere grandiosa, e dopo anni e anni avevo rimosso parte della storia ma non la sua bellezza.
Quindi è stato come rivederlo per la prima volta!
Jennifer Jason-Leigh è da frustare per la sua antipatia e arroganza, sia come attrice che come personaggio, ma ci pensa Kathy a tenere alta la curiosità, anche se la storia non dia proprio grandi colpi di scena.
Un 6,5 che poteva essere un 7 se fosse stato più intenso.

Leggi tutto

27 Marzo 2013 in L'ultima eclissi

Vorrei tanto parlare del film ma è come se non l’avessi visto.
Ero troppo concentrato sul personaggio di Dolores. Volevo porre l’attenzione, lo giuro, sui dettagli, sugli altri personaggi, anche sulle comparse, come di solito sono abituato a fare ma ero come stregato da quella donna che già nel nome, sembra descriversi: Dolores.
(So benissimo che il personaggio è stato creato dall’americanissimo Stephen King, però mi piace pensare che il Re abbia scelto con cura questo nome).
Io, che ero già stato stregato dall’interpretazione di Kathy Bates in “Misery non deve morire”, non posso far altro che tessere lodi per questa bravissima attrice.

Leggi tutto

2 Febbraio 2013 in L'ultima eclissi

Manca di tensione, sia narrativa che di immagine. Alterna le inquadrature della folta chioma di Selena – chioma sbattuta fastidiosamente a destra e a sinistra in continui (ac)cenni di acido diniego – a quelle di una Kathy Bates sempre intensa e credibile. La maggior parte dei restanti personaggi sono satelliti circensi che si fatica a capire se siano macchiette tese a strappare uno sprezzante sorriso “nicotinico” o, nella mente del regista, elementi concepiti ad enfatizzare un climax assente. Come accade nei peggiori romanzi di King.
Non basta l’antico giochetto dello sdoppiarsi frequente della realtà (il passato ed il presente) agevolato dai toni caldi che rappresentano gli anni trascorsi ed un grigiore asettico e novembrino quelli attuali.
Era un 5 .
Ma la contrapposizione delle esili mani di Selena, spesso deterse dalla stessa con crema emolliente, e quelle della madre – quasi incancrenite e deformate da anni di duro lavoro sotto le peggiori intemperie – erano poesia.

Leggi tutto

2 Agosto 2011 in L'ultima eclissi

film dignitosissimo con una grandiosa kathy bates (in veste di domestica dal carattere complicato e dall’ancora più complicato passato) e un’ottima jennifer jason-leigh nei panni della figlia scontrosa e ingestibile nei continui cambi d’umore. fotografia eccellente e azzaccatissima la scelta di differenziare i diversi livelli narrativi, il presente e il passato, con due distinte tonalità cromatiche: il primo è reso con i colori freddi e cupi del blu e del grigio mentre il secondo gioca tutto sui toni caldi del rosso, del giallo, dell’arancio, col risultato di creare un riuscito contrasto di luce e calore con lo squallore delle vicende narrate. troppo sopra le righe l’accanito sbirro christopher plummer ma diamo la colpa a stephen king per averlo concepito così.

Leggi tutto