Recensione su Io non sono qui

/ 20076.8150 voti

Lunga vita al tamburino! / 16 Marzo 2011 in Io non sono qui

I più giovani non lo possono ricordare ma c’è stato un tempo in cui mister Bob Dylan non era quel biascicone scontroso che conosciamo oggi, ma una delle menti artistiche più geniali della storia contemporanea. Questo film è la sua celebrazione, un omaggio all’uomo e all’artista attraverso un coro di personaggi emblematici: il menestrello agli inizi del suo percorso; il musicista affermato deciso a dare una svolta al suo stile;il personaggio di una delle sue canzoni; Rimbaud; e infine l’artista che vive in modo ambivalente la sua condizione. Il film è ricco di riferimenti e citazioni colte, immagini metaforiche, visioni oniriche; solo un tuttologo di Dylan sarebbe in grado di capirlo al cento per cento. Ciononostante si fa apprezzare da tutti per le sue immagini squisite e per quell’allure da ‘oggetto d’arte’ che lo circonda.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext