Velluto blu

/ 19867.4342 voti
Velluto blu

Tornando a casa dopo una visita al padre in ospedale Jeffrey Beaumont, un giovane studente, trova un orecchio umano gettato in un campo; a causa di questo strano ritrovamento conosce Sandy, figlia del detective che si occupa del caso, e preso dalla curiosità la convince ad indagare in segreto insieme a lui per cercare di saperne di più: i ragazzi ancora non sanno che stanno infilandosi in una situazione torbida e pericolosa.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: Blue Velvet
Attori principali: Kyle MacLachlanKyle MacLachlanIsabella RosselliniIsabella RosselliniDennis HopperDennis HopperLaura DernLaura DernHope LangeHope LangeDean Stockwell, George Dickerson, Priscilla Pointer, Frances Bay, Ken Stovitz, Brad Dourif, Jack Nance, J. Michael Hunter, Selden Smith, Jack Harvey, Angelo Badalamenti, Fred Pickler, Philip Markert, Leonard Watkins, Moses Gibson, Jon Jon Snipes, Jean-Pierre Viale, Donald Moore, A. Michelle Depland, Michelle Sasser, Katie Reid, Sparky, Mostra tutti

Regia: David LynchDavid Lynch
Sceneggiatura/Autore: David Lynch
Colonna sonora: Angelo Badalamenti
Fotografia: Frederick Elmes
Produttore: Dino De Laurentiis, Fred C. Caruso, Richard A. Roth
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Poliziesco, Thriller
Durata: 120 minuti

Dove vedere in streaming Velluto blu

Precursore di Twin Peaks / 14 Aprile 2020 in Velluto blu

Blue Velvet, quanto ho sentito parlare di questo film. Forse troppo visto che mi sono creato delle aspettative molto alte che sono state prontamente deluse. La storia inizia con l’aura di un mistero intrigante ma che presto prenderà una piega piuttosto banale e piatta. L’unico guizzo sono delle crisi isterico-sessuali di una Isabella Rossellini non particolarmente convincente; anzi l’ho trovata piuttosto scarsa nella recitazione, molto eccessiva e teatrale, per non parlare del canto. Giuro che l’ho sentita stonare più di una volta.
Noiosa fino allo sfinimento è Laura Dern con le sue espressioni facciali al limite del comico-grottesco, nello stereotipo della brava ragazza acqua e sapone che di tanto in tanto ama cacciarsi nei guai, spifferare i segreti di ufficio del padre e mette le corna al suo ragazzo. Dennis Hopper veste i panni di un antagonista fin troppo eccessivo e caricaturale, un pervertito ancora bloccato alla fase edipica freudiana, abbastanza anonimo, privo di una personalità accattivante e carismatica. Per nulla memorabile. Kyle MacLachlan sebbene sia un’attore per il quale ho sempre nutrito una grande simpatia sin da quando lo conobbi nella serie di Desperate Housewives, qui veste i panni di un curiosone dal volto inespressivo (qui al suo secondo lungometraggio e perciò ancora acerbo) che non riesce proprio a non ficcare il naso in tutto ciò che lo circonda. Diventerà ben presto irritante questa sua morbosa curiosità.

Nel complesso Velluto Blu è un thriller/noir discreto con una sceneggiatura non particolarmente originale e che non eccelle, anzi direi ben infarcita di cliché. Tuttavia riconosco la lodevole regia, la ricerca del gusto estetico e la meravigliosa fotografia dai colori caldi con inquadrature che lasciano apprezzare appieno ciò che era un tempo la pellicola analogica. Eccezionali le musiche di Angelo Badalamenti qui alla prima collaborazione con Lynch. Penso che Velluto Blu abbia avuto più un’influenza estetica nel cinema che per quanto riguarda sceneggiatura e personaggi, facilmente dimenticabili.

Una cosa ho particolarmente apprezzato. È ben chiaro che questo film sia il precursore della serie culto Twin Peaks. Tante cose che si rifaranno vive nella serie anche solo come oggetti di scena: i pettirossi presenti nella opening della serie tv, i camion che trasportano legname che fanno spesso la loro comparsa durante la serie, il ristorante dove si incontrano Jeffrey e Sandy ricorda molto quello che sarà il Double RR Dinner di Norma e lo Slow Bar dove si esibisce Doroty ricorda il Bang Bang Bar, la Roadhouse dove si esibirà anziché la Rossellini, l’incantevole voce di Julee Cruise. Per non parlare delle musiche di Badalamenti, ho riconosciuto le note di The World Spins Around con la stessa velocità dell’uomo gatto di Sarabanda.

Leggi tutto

Scandalosa Rossellini / 23 Ottobre 2013 in Velluto blu

L’incipit è folgorante, ma crea false aspettative. Il visionario Lynch mette in svendita il suo innegabile talento per mettere in vetrina una delle peggiori attrici mai esistite, Isabella Rossellini, e ne paga le conseguenze. Scandalosa, sì, ma per come recita. Metteteci anche il faccino da pulcino smarrito di un MacLachlan ancora ben lontano dalla gloria di Twin Peaks. Le scene sadomaso (Lynch fu accusato di pornografia; le scene sono molto forti, tuttavia l’accusa oggi suona un po’ ridicola…) sono irritanti, ne convengo con il compianto critico Roger Ebert, il quale stroncò senza appello questo film.
Il finale grand guignol risolleva un film che punta troppo a scioccare lo spettatore. C’erano le atmosfere giuste, eppure qualcosa non ha proprio funzionato. Hopper eccessivo, molto più efficace il grottesco Dean Stockwell.

Leggi tutto

13 Gennaio 2013 in Velluto blu

Celebrazione della ‘vera America’, delle cittadine e delle tradizioni, attraverso una storia noir di violenza e personaggi oscuri. Ottimo compromesso tra una storia reale e le tipiche suggestioni lynchiane, sicuramente il mio preferito del visionario regista.

29 Dicembre 2012 in Velluto blu

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Bel film che mostra come anche dietro a delle facciate di apparente tranquillità, possano celarsi storie di violenze e perversioni… e questo concetto viene ribadito anche da una delle ultime battute del film, quando la zia del protagonista si domanda com’è possibile che un pettirosso (nel film simbolo di pace e tranquillità) possa nutrirsi di cose talmente nauseabonde come gli insetti.

Leggi tutto

27 Luglio 2012 in Velluto blu

Quando lo vidi da giovane non mi era dispiaciuto. Rivedendolo in questi giorni invece mi è sembrato scadente. Assurdo nel suo voler provocare a tutti i costi e nel calcare la mano sulle perversioni di questi personaggi “cattivi” ma poi mica tanto (il ragazzo protagonista impiccione se la cava con un occhio nero in fin dei conti).
Sarà che invecchio o sarà che l’ho visto in una serata particolarmente negativa.

Leggi tutto