Cloverfield

/ 20085.7352 voti
Cloverfield

Una gigantesca creatura terrorizza New York. Un gruppo di ragazzi registra in un filmato amatoriale il devastante attacco del mostro.
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: Cloverfield
Attori principali: Michael Stahl-DavidT.J. MillerLizzy CaplanJessica LucasOdette AnnableMike Vogel, Anjul Nigam, Margot Farley, Theo Rossi, Brian Klugman, Kelvin Yu, Liza Lapira, Lili Mirojnick, Ben Feldman, Elena Caruso, Vakisha Coleman, Will Greenberg, Rob Kerkovich, Ryan Key, Hooman Khalili, Rasika Mathur, Baron Vaughn, Charlyne Yi, Roma Torre, Rick Overton, Martin Cohen, Jason Cerbone, Pavel Lychnikoff, Billy Brown, Scott Lawrence, Jeffrey De Serrano, Tim Griffin, Chris Mulkey, Susse Budde, Jason Lombard, Jamie Martz, Don Abernathy, Michael Ark, Caley Bisson, James Thomas Bligh, Maylen Calienes, Craig Dabbs, Tommy Gerrits, Jason Giffin, Adam Greeves, Brandon G. Holley, Hisonni Johnson, Adam Karst, Julio Leal, Jake McLaughlin, Rachel Mower, Gene Richards, Bertrand Roberson Jr., John Robert, Chris Spinelli, Andrew Trujillo, Maria Zambrana, Matt Reeves
Regia: Matt Reeves
Sceneggiatura/Autore: Drew Goddard
Colonna sonora: Michael Giacchino
Fotografia: Michael Bonvillain
Costumi: Ellen Mirojnick, Robert Q. Mathews, Winsome G. McKoy
Produttore: J.J. Abrams, Bryan Burk, Guy Riedel, Sherryl Clark, David Baronoff
Produzione: Usa
Genere: Azione, Fantascienza, Thriller
Durata: 85 minuti

Vorrei davvero non aver mai visto questo film / 8 Marzo 2018 in Cloverfield

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

La realtà è che mi faccio sempre trascinare dalla curiosità senza ascoltare i pareri che trovo in giro. “Esce Cloverfield 10 quest’anno quindi devo vedere il precedente film!”…non è che devo sempre vedere i precedenti film, qualche volta si può anche vivere nell’ignoranza..ora capisco la frase beata ignoranza! Dunque perché sono così sconvolta? Perché Cloverfield altro non è che la storia di un attacco alieno di formiche/mantidi/aracnidi/octopus giganti. Il tutto attraverso la telecamera di un sfigatoboy che viene obbligato a riprendere una festa in un attico di New York. Mentre siamo li a sorbirci questa parodia di party un terremoto con conseguente scoperta dell’attacco alieno sconvolge e distrugge la città. Scappano tutti verso il ponte di Brooklyn (ed è qui che entra in gioco alienoctopus!). Il protagonista del momento, che non è il tipo della telecamera, deve tornare a Central Park a salvare una ragazza che non è la sua ragazza ma poteva esserlo perché c’è stata una scappatella ma non le ha mai detto che l’amava anche quando ne aveva l’occasione perché lui doveva partire per il Giappone. Prendo fiato. Insomma da Brooklyn a Central Park, una vasca infinita per chi conosce New York. Ma la forza dell’amore li fa arrivare per tempo solo per morire tre secondi dopo. Telecamera abbandonata ultimo video messaggio. Fine del film. Con questa premessa vedrò il sequel? Ahimè si.. ma a casa.

Leggi tutto

peccato per il mal di testa / 20 Settembre 2016 in Cloverfield

Storia stramba, effetti speciali degni di nota….
Peccato per la modalità di ripresa in prima persona che ti provoca un mal di testa non indifferente.

Un mostro a New York / 14 Settembre 2016 in Cloverfield

Girato con la prassi del filmino amatoriale, anche se ovviamente si percepiscono con immediatezza le tecniche di ripresa professionale e l’arte fotografica, questo monster movie ha un buon mordente. Il gigantismo della creatura vanifica un autentico effetto horror (essere schiacciati da una zampa o inghiottiti in un boccone non riesce a creare molta tensione dal punto di vista cinematografico); resta il fatto che nella sua nicchia tutta particolare questo prodotto dell’entourage di J.J. Abrams ha il suo discreto fascino, con sequenze memorabili come l’irrompere del disastro durante un tipico festino della bella gioventù newyorkese.

Leggi tutto

13 Settembre 2014 in Cloverfield

Ho sentito talmente tante volte nominare questo film che alla fine, incuriosita, ho deciso di vederlo.
Devo ammettere che e’ davvero difficile scrivere qualcosa, i sentimenti e le emozioni provate durante la visione del film sono parecchio contrastanti tra loro.
Dal punto di vista visivo questo film e’ un orrore…ho gia’ scritto in precedenza quanto non sopporti questi film-documentari amatoriali, non riesco proprio a digerirli, mi fanno stare male fisicamente(vedere quella telecamera perennemente traballante e’ una sofferenza immane per me, alla fine il mal di testa e la nausea sono all’ordine del giorno)…per me questo non e’ cinema, lo ribadisco.
Dal punto di vista della sceneggiatura, la storia non e’ un granche’, anzi, e’ di quelle gia’ viste e stra-viste, i cliche’ e gli stereotipi, soprattutto per quanto riguarda i ragazzi protagonisti, sono sempre gli stessi, le situazioni in cui si ritrovano sono state scopiazzate da altre mille pellicole…alla fine piu’ che a un film sembra di assistere a un videogioco pieno di effetti speciali e a me questo da parecchio fastidio, rappresenta tutto cio’ che non sopporto nel cinema moderno, troppo ultratecnologico a scapito della trama, della caratterizzazione dei personaggi e dei sentimenti.
Dal punto di vista emotivo, le cose cambiano parecchio…pur nei suoi innumerevoli difetti, Cloverfield contiene un messaggio fondamentale: la natura umana e’ comune a tutti, lo spirito e l’istinto di sopravvivenza ci accomunano tutti, ricchi e poveri, bianchi e neri, adulti e bambini e soprattutto siamo una nullita’ di fronte alle catastrofi, siamo una nullita’ in confronto all’immensita’ dell’universo e alla forza della natura(cosa di cui molto spesso ci dimentichiamo visto come trattiamo il mondo in cui viviamo)..
I rimandi all’11 Settembre 2001 sono tanti, si respira quell’ansia, quell’angoscia opprimente, distruttiva, sfinente, quella paura lacerante, spaventosa, la si respira tutta, viene trasmessa tutta…
Un film che in fondo non e’ altro che una mezza ciofeca, ma che ha saputo creare una tensione emotiva che ti rimane dentro, che aumenta con il tempo, che ti scava a fondo nell’anima…alla fine tutto viene in fretta, perche’ il tempo per fermarsi non c’e…
E’ brutto, parecchio, ma nonostante la sua bruttezza visiva lascia qualcosa di importante, un messaggio forte al quale e’ quasi impossibile rimanere indifferenti.
Michael Bay e Roland Emmerich dovrebbero prendere esempio per i loro film…

P.s. il voto sei e’ la media tra il due visivo e l’otto emotivo.

Leggi tutto

Mah! Utile? / 29 Dicembre 2012 in Cloverfield

Quella che sembrava una tranquilla festa di addio, per la partenza per il Giappone di Rob, viene interrotta da una scossa che fa tremare tutta la città, nella quale riecheggia un suono animalesco e rimane totalmente al buio. Rob e i suoi amici iniziano così una corsa contro il tempo e contro gli esseri che stanno invadendo la città, per portare in salvo Beth, l’amica amata di Rob.

Trama non molto innovativa, solito film apocalittico che J.J.Abrams tenta di rendere meno banale grazie all’uso della telecamera a mano, per l’intera durata della pellicola, lasciando intravedere pochi particolari, scelta azzeccata per stimolare la curiosità e l’attenzione di chi guarda, cercando di far immedesimare lo spettatore con i protagonisti. Il risultato sembra essere una via di mezzo tra La guerra dei mondi di Spielberg e The Blair witch project, una storia banale che provoca un senso di nausea, non solo per il movimento della telecamera a mano. Nulla da dire sulla parte tecnica, effetti speciali ben costruiti (non ci si poteva aspettare altro da Abrams) e molto apprezzata la citazione alla locandina di 1997: fuga da New York di John Carpenter, nella scena della decapitazione della statua della libertà.

Leggi tutto