I figli degli uomini

/ 20066.9297 voti
I figli degli uomini

Londra, 2027. Guerriglia, atti terroristici e degrado sono ormai all'ordine del giorno, i profughi stranieri vengono respinti e confinati nei campi, ma soprattutto l'umanità si avvia inesorabilmente verso un triste destino: da ben 18 anni infatti nessun bambino è stato messo al mondo. L'ex attivista politico Theo Faron viene contattato dalla ex compagna per aiutare una giovane profuga a passare il confine; inizialmente allettato da una ricompensa in denaro, Theo capirà ben presto la reale importanza del suo compito: quella ragazza porta in grembo un figlio, un barlume di speranza per l'incerto futuro dell'umanità.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: Children of Men
Attori principali: Clive OwenClare-Hope AshiteyMichael CaineJulianne MooreChiwetel EjioforCharlie Hunnam, Pam Ferris, Danny Huston, Peter Mullan, Oana Pellea, Jacek Koman, Phaldut Sharma, Juan Gabriel Yacuzzi, Mishal Husain, Rob Curling, Maria McErlane, Michael Haughey, Tehmina Sunny, Michael Klesic, Ilario Bisi-Pedro, Caroline Lena Olsson, Dhaffer L'Abidine, Jon Chevalier, Rita Davies, Kim Fenton, Chris Gilbert, Phoebe Hawthorne, Rebecca Howard, Atalanta White, Laurence Woodbridge, Miriam Karlin, Philippa Urquhart, Jody Halse, Martina Messing, Simon Poland, Barnaby Edwards, Ed Westwick, Valerie Griffiths, Billy Cook, Gary Hoptrough, Rob Inch, Jamie Kenna, Maurice Lee, Bruno Ouvrard, Denise Mack, Joy Richardson, Milenka James, Somi De Souza, Francisco Labbe, Thorston Manderlay, Georgia Goodman, Dorothy Grumbar, Barry Martin, Keith Dunphy, Raymond Trickitt, Nabil Shaban, Goran Kostić, Faruk Pruti, Yolanda Vazquez, Andrew Brooke, David Olawale Ayinde, Andy Callaghan, Ray Donn, Forbes KB, James Fiddy, P.D. James, Jamie Lengyel, Jeff Leslie, João Costa Menezes, Vidal Sancho, John Warman, Paul Warren, Yana Yanezic, Michael Snelders, Steve Murphy, Mehmet Mahmut
Regia: Alfonso Cuarón
Sceneggiatura/Autore: Alfonso Cuarón, David Arata, Timothy J. Sexton, Mark Fergus, Hawk Ostby
Colonna sonora: John Tavener
Fotografia: Emmanuel Lubezki
Costumi: Janey Temime, Annie Crawford
Produttore: Iain Smith, Marc Abraham, Eric Newman, Armyan Bernstein, Thomas A. Bliss, Pablo Casacuberta, Hilary Shor, Tony Smith, Kristel Laiblin
Produzione: Gran Bretagna, Usa
Genere: Drammatico, Thriller, Azione, Fantascienza
Durata: 109 minuti

gelido / 25 Luglio 2017 in I figli degli uomini

gli occhi dei soldati alla vista del pargoletto, l’umanitá nascosta di chi uccide, la follia della guerra in contrasto con lo splendore di una nascita di un essere umano. Siamo in un futuro non tanto lontano da oggi, al 2027 mancano solo dieci anni, Cuaron ed il “Chivo” Lubezki dirigono un capolavoro assordante, meraviglioso, interpretato da attori eccezionali. Freddo, gelido, sporco e sanguinoso.

Leggi tutto

Brexit degeneration / 2 Ottobre 2016 in I figli degli uomini

Capolavoro che si ascrive al filone post-apocalittico, grandioso sotto tutti i punti di vista tecnici; la fotografia umida e fredda di Lubezki, la colonna sonora, l’ambientazione desolante, il cast dove secondo me emergono Clive Owen, Michael Caine e Pam Ferris, e non ultima la regia di Cuaròn che nelle scene più dinamiche fornisce esercizi magistrali d’inquadratura (si veda l’assalto finale al palazzo fatiscente, con stille di sangue sfocate sullo schermo). Ma è anche la storia in sè ad avere qualcosa di premonitore – una Gran Bretagna chiusa mentre il mondo muore, una Brexit degeneration – e in qualche modo terapeutico; lo sguardo dei militari al passaggio della bambina è qualcosa che rimane impresso. Memorabile la scena in cui in una fuga concitata la piccola passa nelle mani della zingara Marika, la quale per un attimo scompare fuoricampo e allo spettatore – come alla madre in ansia – scatta immediatamente il pregiudizio sugli “zingari che rubano i bambini”. E invece la zingara è uno dei personaggi più eroici e positivi del film, e finalmente, e vivaddio! alla faccia di quell’ insopportabile antigitanismo che insozza ancora la nostra società. Bravo Cuaròn!

Leggi tutto

Un angosciante futuro / 20 Ottobre 2015 in I figli degli uomini

Un mondo terribile quello ipotizzato da Alfonso Cuaron, da ben diciotto anni non nasce nessun bambino, il mondo è avvolto da una spirale di violenza, caos, distruzione e morte.
Gli uomini hanno perso fiducia nel prossimo, in sé stessi e nei sentimenti e la morte sembra l’unica soluzione per scappare da questo mondo così terribile(nei supermercati vendono addirittura dei kit per il suicidio).
Ma perché si è giunti a questo? Cosa è successo? Non si sa, Cuaron non ce lo dice, non sappiamo perché non nascano più bambini, perché ci si sia ridotti così, a desiderare come si desidera l’aria che si respira il pianto e il grido di gioia di un bimbo.
Il mondo da lui descritto sembra un collage di tutte le brutture compiute nei secoli dall’essere umano: i campi di concentramento, le dittature, il terrorismo, gli attentai, le guerre civili, l’odio tra popolazioni.
Che tutto questo sia una punizione divina? Oppure è il risultato di un mondo marcio fino al midollo e di cui ci si è sempre fregati e non si è mai fatto nulla per porvi un rimedio?
Cuaron descrive con brutale realismo una società martoriata e angosciata, distrutta e violenta e lo fa davvero bene(la crudeltà di certi gesti e l’efferatezza di alcune situazioni mettono addosso allo spettatore un forse senso di disagio e di ansia).
Ci sono tanti personaggi che popolano l’azione, tanti personaggi portati all’estremo, così come alcune situazioni, così come la violenza che si vede; questo è l’unico difetto di una pellicola bellissima ma allo stesso tempo terribile nella sua attualità.
Durante la visione ti sale dentro un profondo senso di rabbia e di paura e dopo ti viene solo da fare un pensiero, anzi una preghiera: speriamo di non finire tutti quanti così, anche se non è che poi ne siamo tanto lontani.

Leggi tutto

Ottima Sci-Fi sociologica, dove il messaggio viene prima della trama. Consiglio a tutti di (ri)vederlo alla luce dell’attuale crisi dei profughi! / 12 Settembre 2015 in I figli degli uomini

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ho deciso di scrivere questa recensione dopo aver visto al telegiornale (settembre 2015) le raccapriccianti scene dei profughi Siriani in fuga dalla guerra che, raggiunta Macedonia e Ungheria, vengono accolti da filo spinato, calci, manganellate dei militari e razioni di cibo lanciate da di là delle recinzioni come fossero bestie. Meglio non fanno l’Inghilterra e la Francia, vista la situazione a Calais all’imbocco dell’Eurotunnel.
Vidi questo film circa dieci anni fa, appena uscito, e ben prima delle così dette “Primavere Arabe”, la nascita dell’ISIS e delle crisi dei profughi del 2013-2015… Al tempo mi parve interessante, con una marea di spunti di riflessione, ma con un finale un po’ troppo bonario, anche se imbellito da delle scene di guerra con dei piani-sequenza magnifici, con annesso schizzo di sangue sulla telecamera, chiaro tributo al Soldato Ryan di Spielberg. Insomma, un buon film di fantascienza, che si tradiva un po’ sul finale, lasciando la trama non troppo compiuta e un po’ tirata via.
Mi è capitato di rivedere il film recentemente, durante l’attuale (2015) crisi dei profughi, ed il mio giudizio è totalmente cambiato. Non aveva più importanza la trama tirata via ma i messaggi, che col tempo e con la situazione socio-politica attuale avevano assunto un’importanza e una forza enorme e terrificante! Sono stato male a rivederlo ed a confondere alcune sue scene, girate dieci anni fa, con ciò che vediamo attualmente al telegiornale! Posso quindi definirlo oggi un perfetto esempio di cinema fantascientifico sociologico (per capirci, come 1984, District 9, Elysium e… Wall-E!), che è riuscito incredibilmente (e malauguratamente!) a immaginare e riprodurre problemi sociali che stiamo vivendo adesso.

Fatta questa lunga ma, a mio vedere, doverosissima premessa per contestualizzare il film, procedo alla recensione vera e propria.
Il regista è il tecnicamente abile Alfonso Cuaròn, salito recentemente alla ribalta per il film Gravity, e già regista di altri film su commissione, come il terzo episodio di Harry Potter, questo I Figli degli Uomini, ed un paio di film romantico-sentimentali abbastanza carini (c’è anche Gwyneth Paltrow nuda). Il soggetto è preso dall’omonimo romanzo di una scrittrice britannica, e si nota infatti il tocco di un autoctono nella scelta di alcune locations simbolo di Londra ma non vetrina.
La storia è ambientata nel 2027 in un’ucronia, un futuro distopico non troppo lontano dal nostro dove il corso degli eventi ha preso una piega che ha portato le società al collasso: hanno smesso di nascere bambini da circa diciotto anni. Questo ha generato nella popolazione un estremo senso di frustrazione e di affetto represso, tramutatosi in rabbia, attentati e persino nell’omicidio del loro figlio più giovane, Baby Diego, di 18 anni. In questo delirio, le nazioni e gli stati sono crollati uno dopo l’altro, tramutandosi in zone di guerra e anarchia. L’unica ad essersi salvata sembra essere la Gran Bretagna, l’isola “felice”, al contrario di come era accaduto in altri film tipo 28 Giorni Dopo e Doomsday, dove invece era stata lei a trasformarsi in zona di guerra. Tuttavia non mancano anche qui i problemi; i governi sembrano applicare spietate misure repressive verso i dissidenti e, soprattutto, verso gli immigrati che giungono “coi barconi” in Inghilterra in fuga dalle guerre e dalle desolazioni che hanno dilaniato il resto del mondo. Vengono quindi detenuti in condizioni drammatiche, come bestie, in gabbie ed in ghetti dove regna sporco, fame e miseria. Intere città, come il gioiellino Bexhill, sulla costa Sud dell’Inghilterra, appaiono distrutte e trasformate in enormi campi profughi. Anche i cittadini britannici così detti “in regola” non se la passano benissimo! Il governo, per limitare le loro pulsioni (auto)distruttive, ha promosso l’utilizzo di un farmaco, chiamato Quietus, che ne permette l’eutanasia. In generale tutta la loro libertà è fortemente limitata; non sono questi infatti liberi di spostarsi dove vogliono, persino all’interno della propria città, dove per lunghi tragitti devono viaggiare in treni blindati, scortati dalla polizia. La trama si innesca appunto col rapimento del protagonista Theo (Clive Owen) da parte di un gruppo rivoluzionario, “i Pesci”, che protesta contro il governo e le sue politiche anti-immigrati, per riuscire a ottenere da lui un “lasciapassare” che permetta da Londra di raggiungere il sud dell’Inghilterra ed il mare. Theo sembra essere l’unico adatto al compito grazie ai suoi agganci con un parente, ministro dei beni culturali, o qualcosa di simile, e decide di accettare per sodi e su pressione della sua ex, che poi è la rossa Julianne Moore, e quindi chi non avrebbe accettato?!
La scena dell’incontro del protagonista col parente è una raccolta di riferimenti culturali: il “Ministero dei beni culturali” è la centrale elettrica Battersea Power Station di Londra, raffigurata sulla copertina dell’album Animals del gruppo britannico Pink Floyd. Fuori da questa si vede pure volare un pallone gonfiabile a forma di maiale rosa, icona del gruppo e presente nella copertina di Animals. All’interno vengono conservati i resti delle più importanti opere d’arte del mondo, salvate dalla Gran Bretagna dalla distruzione che ha investito gli altri stati: il David di Michelangelo, tristemente mutilato, ed il dipinto Guernica di Picasso. (Qui potrebbe nascondersi una morale per giustificare i furti sfrenati di opere d’arte da parte degli inglesi in tutto il mondo ma preferisco sorvolare!)
Ottenuto il lasciapassare, Theo accettata la nuova missione dei Pesci di trasportare lui due persone a sud fino al mare, motivato anche dalla scoperta che una delle due è una ragazza INCINTA e venuto a sapere dell’esistenza di un’iniziativa chiamata “Progetto Umano”, con lo scopo di riuscire in qualche modo a salvaguardare le poche persone al mondo rimaste ancora fertili, trasportandole tramite un’imbarcazione in un’altra “isola felice” lontano dalla Gran Bretagna e dal suo governo corrotto e delirante. Tutto il piano sembra in effetti molto fumoso ed incerto ed infatti è da questo punto in poi che il film si permea dell’idea di “fede”, intesa più che altro nel senso induista di karma e di salvezza ottenibile grazie alle buone azioni, e che caratterizzerà la trama fino all’epilogo. In prima battuta può sembrare che questo dia debolezza alla trama, in controtendenza rispetto alla forza delle idee che avevano caratterizzato la prima parte del film, ma, a pensarci bene (e illuminato dai recenti fatti di cronaca), cosa può rimanere se non la fede a persone disperate, senza niente e che fuggono dalla guerra in un paese delirante dove regna distruzione e caos?! Come dicevo, il film è fantascienza sociologica, in cui contano più i messaggi che la trama in sé.
Per portare a termine la missione serviranno massicce dosi di fede, per riuscire ad andare avanti e prendere decisioni nei momenti difficili. Mai fidarsi dei terroristi! E tanto meno del governo… Il viaggio verso il mare risulterà infatti molto complicato, traditi dagli stessi Pesci e da poliziotti doppiamente corrotti che fanno il doppio-doppiogioco, prima aiutando e poi cercando di uccidere.
Il finale è delirante e molto bello tecnicamente per il lunghissimo piano-sequenza che accennavo all’inizio. Dal punto di vista della trama, incentratasi ormai totalmente sui temi di fede e di karma, serve immedesimarsi completamente con questi per non sentire il finale del film un po’ troppo leggero (i militari che smettono di sparare?) ed incerto (Ci arriva? E adesso dove va?). Lo ammetto, richiede un certo sforzo di empatia da parte dello spettatore, che inizialmente io non ero riuscito ad avere. Adesso, dopo aver visto le stesse scene in TV, la cosa mi è risultata molto più facile ed ho apprezzato molto di più il film, che mi ha fatto un male terribile!

In conclusione, consiglio a tutti questo film, sia a chi lo ha già visto di rivederlo adesso dopo una “bella” iniezione di fatti di cronaca estera, e soprattutto ai molti che ancora non lo conosceva. A livello tecnico il regista ha girato un film molto valido, anticipando di molti anni tematiche diventate tristemente attuali e che ci riguardano pienamente. Il film è una chiara condanna verso le violenze dei governi, le repressioni, e verso i sentimenti xenofobi e anti-immigrazione (in forte crescita anche in Italia), che uno, sia esso lo spettatore del film o di un telegiornale, non può non condannare dopo la visione di certe scene di profughi al confine tra Serbia e Ungheria, o Francia e Inghilterra o nel Canale di Sicilia che siano.

Voto complessivo (senza troppo farmi influenzare dall’aspetto di attualità): 9 (10 a soggetto e temi, 8 alla trama e 9 alla regia)

Leggi tutto

7 / 11 Aprile 2013 in I figli degli uomini

Gran film…. ambientato in un futuro non troppo lontano…. catastrofico ma molto reale; colpisce, affascina, ti intristisce e ti fa riflettere!!! Semplicemente bello e godibile! Ottima la regia e la scenografia… ma anche l’interpretazione di Clive Owen non scherza!