Recensione su Barfly - Moscone da bar

/ 19876.541 voti

Bukowski e il cinema / 20 dicembre 2015 in Barfly - Moscone da bar

Primo approccio ufficiale con il cinema dello scrittore “maledetto” Charles Bukowski (che scrisse la sceneggiatura partendo da un suo soggetto), questo film, invero dimenticato o comunque molto di nicchia, racconta le giornate tipo dell’alter ego dello scrittore, quell’Henry Chinaski protagonista di molti dei romanzi e racconti di Bukowski e che in questo film viene interpretato da un Mickey Rourke che si dimostra all’altezza del compito, pur senza esaltare.
Una Faye Dunaway a quel tempo ancora in splendida forma interpreta Wanda.
La pellicola non è esattamente entusiasmante e non si può dire nemmeno che abbia un qualche interesse sociologico, poiché descrive sì la vita degli ultimi, dei mosconi da bar di cui al titolo, ma in modo piuttosto macchiettistico e fine a se stesso.
È dunque più uno sfizio per gli amanti di Bukowski, e non è nemmeno detto, peraltro, che il passaggio dalla carta alla pellicola possa risultare per essi del tutto soddisfacente.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext