Recensione su The Handmaid's Tale

/ 20178.396 voti
serie tvThe Handmaid's Tale
Creata da:

Uno sguardo crudo, alienante, impresso sulle iridi plumbee di un’anti-utopia dispatica. / 17 Giugno 2017 in The Handmaid's Tale

Adattato per la tv da Bruce Miller, ‘’The Handmaid’s Tale’’ ( romanzo distopico di Margaret Atwood ) rappresenta l’intrinseco e nudo percorso di un’ancella, tra i travagli, i patimenti e le tribolazioni di un regime oligarchico e assolutista. Cacotopia, appunto, letta mediante i sensi e le percezioni di una donna ( vittima tra tante ) relegata al limitante ruolo di ‘’incubatrice’’, causa infertilità globale.
L a serie è attenta nel ritrarre una società chiusa, intollerabile, intinta in un colore opaco. Un grigio antracite asfissiante, che ricopre come una patina l’ambiente e i toni.
Elisabeth Moss è magnifica, la sua Difred ( spogliata anche del nome ), con la sua forza, la sua empatia, la sua resilienza, è l’antitesi silenziosa di un mondo bigotto e timorato di Dio, di una cultura intrappolata nelle fauci del fanatismo.
Uno sguardo crudo, alienante, impresso sulle iridi plumbee di un’anti-utopia dispatica.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext