Victor Sjöström: scheda regista con i suoi film e la biografia completa

Male
Victor Sjöström

Victor Sjöström è nato il 20 settembre 1879 ed è il padre indiscusso del cinema svedese, classificandosi come uno dei maestri del cinema mondiale. La sua influenza sopravvive nel lavoro di Ingmar Bergman e tutti quei registi, sia svedesi che internazionali, influenzati dal suo lavoro e dalle opere dei registi che lui stesso ha influenzato.

Da ragazzo Sjöström era vicino a sua madre, che morì durante il parto all'età di sette anni. I biografi vedono questa relazione troncata come essenziale per l'evoluzione del suo drammatico trionfo di donne forti e indipendenti nei suoi film. Era abile nel suscitare spettacoli delicati da attrici, come quella di Lillian Gish nel suo classico americano Il vento (1928).

L'adolescente Sjöström adorava il teatro, ma dopo la sua educazione si è messo in affari, diventando un venditore di ciambelle. Fortunatamente per il futuro del cinema svedese, fu un flop come commesso e si rivolse al teatro, diventando attore e poi regista. La compagnia cinematografica svedese Svenska Bio ha assunto lui e il suo collega regista Mauritz Stiller per dirigere le immagini, e dal 1912 al 1515 ha diretto 31 film. Ne sopravvivono solo tre (si stima che siano stati persi circa 150.000 film, ovvero l'80% della produzione totale dell'era muta). Ha diretto Il calvario di una madre (1913), considerato il primo classico del cinema svedese.

Nonostante le esigenze di lavorare in una forma di arte industriale, la maggior parte dei film di Svenska Bio di questo periodo sono imbarazzanti in senso artistico – melodrammi turgidi, romanzi assurdi e commedie shaggy in stile cane – e non c'è motivo di pensare che il regista non abbia guida la sua parte di tale tariffa. Anche tenendo conto di ciò, Sjöström è riuscito a sviluppare uno stile personale. Il motivo per cui è diventato famoso a livello internazionale (e conquistato da Hollywood) è stata la ricchezza dei suoi film, che erano pieni di sottigliezze psicologiche e simbolismo naturale che è stato integrato nelle opere nel loro insieme. Ha affrontato temi importanti come la colpa, la redenzione e il ruolo in rapida evoluzione delle donne nella società.

Il suo film del 1920 Il carrettiere della morte (1921) (alias "Thy Soul Shall Bear Witness") è stato un capolavoro acclamato a livello internazionale e Goldwyn Pictures lo ha assunto per dirigere Name the Man! (1924) (Goldwayn è stato piegato in Metro-Goldwyn-Mayer nel 1924, dove ha lavorato fino a poco dopo l'avvento del suono). Il nome di Sjöström fu cambiato in "Victor Seastrom" (una pronuncia fonetica in un paese con caratteri di parole limitati), e divenne un grande regista americano, un pro-to David Lean , che era famoso per aver bilanciato l'espressione artistica con una preoccupazione per ciò che avrebbe giocato al botteghino. Il suo primo film MGM è stato il Lon Chaney melodramma Quello che prende gli schiaffi (1924). Non è stato solo un successo critico, ma un grande successo, che ha portato il nuovo studio su una base solida.

Era molto rispettato dal capo della MGM Louis B. Mayer e per responsabile di produzione Irving Thalberg , che condivideva le preoccupazioni di Sjöström con l'arte che non escludeva il profitto. Sjöström divenne uno dei registi più pagati di Hollywood, raggiungendo il suo apice alla fine dell'era muta (quando il film muto raggiunse la sua maturazione come forma d'arte) con due collaborazioni con Lillian Gish : La lettera rossa (1926) e "The Wind" (1926), il suo ultimo capolavoro.

Dopo è partito da Hollywood per la Svezia Notte di peccato (1930), ritornando un'ultima volta al timone Il manto rosso (1937) per 20th Century-Fox, e sebbene abbia realizzato due film in Svezia negli anni successivi, la sua carriera di regista sostanzialmente si è conclusa con l'era del suono. Ritornò alla sua prima vocazione, recitando in film svedesi, negli anni '30, '40 e '50. Negli ultimi anni è stato mentore di Ingmar Bergman e ha tenuto una performance straordinaria nel capolavoro di Bergman "Wild Strawberries" (1957), per il quale ha vinto il premio come miglior attore del National Board of Review. Nella sua vita professionale era un maniaco del lavoro, e nella sua vita privata era reticente nei confronti dei suoi film e della sua fama e rimase intensamente devoto a sua moglie Edith Erastoff e la sua famiglia.

Victor Sjöström morì il 3 gennaio 1960, all'età di 80 anni.

Luogo di nascita: Silbodal, Värmlands län, Sweden
Data di nascita: 21/09/1879
Data di morte: 03/01/1960

    Regista (42)

    Lascia un commento